Itinerario di 8 giorni in Islanda

La cascata di Háifoss

Tutto l’anno

Natura, Avventura, On the road

8 giorni

1000 – 3000 €

Giorno 1
L’aeroporto internazionale di Keflavik è la porta principale per l’Islanda e si trova a circa 50 km da Reykjavik, la capitale dell’Islanda, e a 21 km dalla Laguna Blu, una delle principali attrazioni turistiche del paese.
Andare a Blue Lagoon direttamente dall’aeroporto (sia all’andata che al ritorno) è abbastanza comune, e chi sceglie di non noleggiare un’auto può noleggiare un servizio navetta che porta le persone dall’aeroporto al complesso (sul sito Blue Lagoon puoi anche prenotare questo servizio).
La prima cosa che ho fatto quando sono sbarcato è stata andare alla compagnia di noleggio per prendere l’auto. Questa procedura è durata circa un’ora e mezza.
Con l’auto la prima destinazione è stata Blue Lagoon, per la quale ho acquistato i biglietti in anticipo (1 mese prima del viaggio) e ho pagato 86 euro a persona (ho acquistato la modalità Comfort).
Oltre alla piscina, il complesso Blue Lagoon dispone di una grotta di vapore, sauna, spa, ristoranti e hotel. The Retreat at Blue Lagoon Iceland è un meraviglioso hotel di lusso.

Consigli per visitare la Laguna Blu:
Portare le infradito (il biglietto nella modalità Comfort prevede un asciugamano, ma non dà diritto a infradito e accappatoi).
Utilizzo del braccialetto: all’arrivo riceverai un braccialetto, che è la chiave del tuo armadietto nello spogliatoio. Il braccialetto funge anche da carta di credito e puoi usarlo per registrare le tue spese nell’area termale.
L’acqua della Laguna Blu ha alti livelli di silice. Sebbene non sia dannoso per i capelli, la silice li lascia rigidi e aggrovigliati. Se desideri bagnare i capelli nello stagno, si consiglia di applicare il balsamo prima di entrare. Il balsamo è fornito nella zona doccia.
Accesso bambini: l’età minima è di 2 anni. I bambini dai 2 ai 13 anni hanno accesso gratuito. I bambini dai 2 agli 8 anni devono utilizzare un galleggiante (fornito gratuitamente).
I pacchetti disponibili sono tre: quello base, chiamato Comfort, che parte da 86 euro, comprensivo di asciugamano e maschera di silice; la Premium e la Retreat Spa.
Il Premium comprende anche ciabattine, accappatoio, una maschera in argilla aggiuntiva, prenotazione al ristorante e un bicchiere di spumante. Il valore di questi servizi aggiuntivi, a mio avviso, non ne vale la pena. Consiglio il pacchetto Confort.

Poi siamo andati a dormire al B59 Hotel (nella città di Borgarnes), che ha un ottimo rapporto qualità-prezzo, un ottimo hotel, con un prezzo interessante, inclusa colazione, wi-fi e parcheggio gratuito.

Giorno 2
La prima tappa è stata alla penisola di Snæfellsnes, dove abbiamo camminato lungo le scogliere del villaggio di pescatori di Arnarstapi, dove si trova una grande scultura in pietra di un uomo con un elmo vichingo: il Bárður Snæfellsás, che protegge la penisola di Snæfellsnes.
Snæfellsnes è una penisola nella parte occidentale di Borgarfjörður. La regione è conosciuta come “l’Islanda in miniatura”, in quanto riunisce una combinazione dei più diversi paesaggi islandesi, tra cui il vulcano Snæfellsjökull, riconosciuto come uno dei simboli dell’Islanda e divenuto più famoso dopo essere apparso nel film “Viaggio al centro della Terra”.
Il prossimo punto di interesse è il monte Kirkjufell, uno dei simboli dell’Islanda e reso ancora più famoso dopo essere apparso in Game Of Thrones.
Dirigendosi a ovest, a circa 50 minuti di auto da Kirkjufell, si trova Londrangar e le sue scogliere nere che si affacciano sull’Oceano Atlantico.
La destinazione successiva erano le cascate di Hraunfossar e Barnafossar. Sono belle e stanno uno accanto all’altra. Dispone di un parcheggio (gratuito) e le cascate si trovano nelle vicinanze, a pochi metri di distanza (ingresso gratuito).
Quel giorno abbiamo fatto delle soste lungo la strada per vedere i cavalli islandesi (ce ne sono tanti e sono vicini alle strade). Sono docili e si avvicinano rapidamente con l’arrivo del turista vicino alla recinzione.
Ci siamo anche fermati al supermercato per comprare cibo e lasciarlo in macchina per quando avevamo fame e senza ristoranti nelle vicinanze.

Siamo tornati a dormire un’altra notte al B59 Hotel (nella città di Borgarnes).

Hallgrimskirkja, la chiesa di Reykjavík

Giorno 3
Il giorno 3 aveva lo scopo di visitare il Golden Circle, il tour più tradizionale in Islanda.
Golden Circle include diversi luoghi d’interesse e sono vicini l’uno all’altro, quindi è possibile fare tutta questa parte del viaggio nello stesso giorno.
L’ordine delle attrazioni da visitare dipenderà da dove alloggerai e da dove alloggerai il giorno successivo. Non era esattamente il mio ordine, ma mi sono adattato a causa delle condizioni della strada. Nonostante il cambio di ordine siamo riusciti a completare tutto ciò che era programmato per quel giorno.
La prima destinazione fu Kerid Crater (Kerið), un cratere vulcanico profondo 55 metri e vecchio di circa tremila anni. C’è uno stagno con acqua verdastra nel mezzo, ma in inverno era coperto di ghiaccio e neve. Alcune persone sono scese e sono andate lì nel mezzo per fare una foto.
La visita del cratere Kerid è uno degli unici tour a pagamento in Islanda. L’ingresso è di 400 ISK a persona (circa R $ 15,00) e il parcheggio è gratuito.

Cratere Kerid
La seconda attrazione è stata la Geysir Hot Springs Area – Haukadalur, un luogo con diversi geyser, ma solo uno di questi è ancora attivo, chiamato Strokkur, che esplode ogni 5-7 minuti e i getti raggiungono i 30 metri di altezza.
Un geyser è una manifestazione vulcanica. La falda freatica viene riscaldata dal calore delle rocce e del magma, l’acqua raggiunge temperature elevate e bolle, la pressione diventa estremamente elevata e l’acqua “esplode”.

Il terzo luogo turistico è stata la bellissima cascata Gullfoss, che si trova a 10 km dal parco geotermico di Haukadalur ea 50 km dal Parco Nazionale di Thingvellir.

Gullfoss (Golden Waterfall) o cascata d’oro, è la cascata più grande d’Europa per volume d’acqua. Ha una cascata di 32 metri di altezza e, secondo me, è la cascata più bella del mio itinerario.
È una delle cascate del Rio Hvítá (Rio Branco), alimentata dal ghiacciaio Langjökull (il secondo ghiacciaio più grande d’Islanda).
Nel 19° secolo la cascata fu quasi trasformata in una centrale idroelettrica. Tuttavia, dopo molte lotte da parte di una donna di nome Sigríður Tómasdóttir (figlia del proprietario del terreno dove si trova la cascata), fortunatamente il progetto non è andato avanti.
Il sito dispone di un centro visitatori con parcheggio, servizi igienici, negozio di souvenir e ristorante. L’accesso alla cascata e il parcheggio sono gratuiti.

La quarta e ultima vista della giornata è stata l’attrazione principale del Circolo d’Oro: il Parco Nazionale di Thingvellir – (Þingvellir), fondato nel 1930 e patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 2004.
Ci sono le rovine del più antico parlamento del mondo: il parlamento islandese fu istituito a Thingvellir nell’anno 930, rimanendo fino all’anno 1798.

Parco nazionale di Thingvellir – (Thingvellir)
A causa della sua importanza storica per gli islandesi, il sito fu scelto per celebrare la cerimonia di indipendenza del paese nel 1944 (fino ad allora l’Islanda era una colonia della Danimarca).
Nel Parco di Thingvellir si trova anche la prima chiesa cristiana del paese, fino ad allora storicamente pagana.
È anche a Thingvellir che si incontrano due placche tettoniche: la placca eurasiatica e la placca nordamericana. Tra questi è possibile vedere le fessure piene d’acqua, essendo possibile fare immersioni professionali o snorkeling nella fessura/crepa denominata Silfra (generata da un terremoto nel 1789).
Questa fessura riceve l’acqua di scioglimento del ghiacciaio Langjökull e lì abbiamo la possibilità di fare snorkeling in una delle acque più cristalline del pianeta, che consente una visibilità estrema (oltre 100 metri di visibilità).
Per fare lo snorkeling, il turista indossa un’apposita muta che protegge il corpo dall’acqua fredda (2 gradi).
Siamo arrivati ​​al parco alla fine della giornata, quindi era vuoto. È stato facile girare a piedi e per conoscere Silfra, abbiamo cambiato il parcheggio, così non ci sarebbe stato il rischio di far buio prima di terminare la visita.
C’è più di un parcheggio nel parco (costa circa R$ 26,00 e il pagamento si effettua alla macchina) e puoi scegliere di lasciare l’auto in un solo posto ed esplorare l’intero parco a piedi, oppure cambiare parcheggio (non c’è bisogno di pagare di nuovo) per avvicinarsi ai prossimi punti di interesse.
Il parco non è così grande, quindi puoi girarci intorno benissimo.
Dopo aver terminato il tour, andremo a Breiðamörk (vicino alla città di Selfoss) per dormire alla Skyr Guesthouse.
Quel giorno abbiamo cenato proprio lì alla Skyr Guesthouse, che ha un ristorante molto carino e accogliente.

Giorno 4
Il quarto giorno siamo andati a Secret Lagoon, una laguna con sorgenti termali naturali, situata in un piccolo paese chiamato Fludir, sempre nella zona del Golden Circle.
L’accesso a Secret Lagoon è a pagamento: 3.000 ISK a persona + noleggio asciugamani (se non ne porti uno).
L’acqua rimane tra i 38 ei 40 gradi tutto l’anno. Mentre fuori faceva abbastanza freddo, dentro l’acqua la temperatura era eccellente (a volte mi sentivo anche caldo).
Se hai intenzione di scegliere una sola laguna termale, ti consiglio la Laguna Blu, che ha una struttura migliore ed è molto più grande.
Quel giorno abbiamo scambiato il “pranzo in macchina” con acquisti di mercato per un delizioso pranzo presso la Fridheimar Tomato Farm, che è il secondo produttore di pomodori in Islanda.
Il pranzo inizia con la visita alla parte della serra dove si trovano i pomodori, e la spiegazione del processo produttivo, poi siamo stati invitati a sederci a pranzo, con un aperitivo di benvenuto.

Pomodoro Fridheimar
Il ristorante è bellissimo ed è tutto a base di pomodoro: antipasti, secondi, bevande e persino dessert. Ho optato per la tradizionale zuppa di pomodoro ed era deliziosa. Il dessert è stata la cheesecake, che ha anche il pomodoro come ingrediente – semplicemente fantastica.
Consiglio vivamente questa esperienza, una delle migliori che abbia mai avuto quando si tratta di ristoranti. Mentre fuori nevicava molto, dentro la serra quell’atmosfera accogliente e cibo caldo! È necessario prenotare in anticipo per il pranzo, poiché la richiesta è alta.

Il prossimo punto da visitare per la giornata sono state le cascate Sejjalandsfoss (o Seljalandsfoss) e Gljúfrafoss. La visita alle cascate è gratuita, ma il parcheggio è a pagamento (costa circa R$ 26,00 e si paga alla macchina).
Seljalandsfoss è una cascata con 60 metri di dislivello, più un sentiero che attraversa il retro della cascata. In inverno, a causa dell’accumulo di neve e ghiaccio, questo sentiero è stato chiuso.
Quando ti avvicini alla cascata, noti già che si bagna molto, quindi se è possibile fare il sentiero il giorno della tua visita, assicurati di andare con abbigliamento impermeabile.
Vicino alla prima c’è una seconda cascata chiamata Gljúfrafoss. L’auto è rimasta nel primo parcheggio e siamo andati a piedi. A causa della neve/ghiaccio. Indossavo solo scarponi da neve e sono scivolato alcune volte lungo il percorso, senza cadere.
Gljúfrafoss si forma all’interno di una grotta scavata dalla cascata stessa. È possibile camminare sugli scogli ed entrare nella grotta, ma se non vuoi, andando all’ingresso della grotta, hai già una buona visuale. Ancora una volta, è importante indossare abiti e scarpe impermeabili, poiché si bagnano un pò.

Quella notte abbiamo dormito nel miglior hotel del viaggio: l’Hotel Rangá (situato a Hella, vicino alle cascate Seljalandsfoss e Gljúfrafoss), che ha il sigillo Small Luxury Hotels of the World.
Oltre ad avere un osservatorio stellato, il Rangá è un hotel di lusso situato in mezzo alla strada, lontano dalle luci della città, il che lo rende un luogo eccellente per vedere l’aurora boreale se le condizioni sono favorevoli. C’è un servizio di sveglia per il momento in cui appare l’aurora boreale, il che rende l’esperienza dell’ospite ancora migliore e più confortevole.
L’hotel si trova vicino al fiume Rangá dei salmoni, offrendo agli ospiti una vista bellissima e paradisiaca.

Il muro di basalto della spiaggia di sabbia nera vicino a Vik

Giorno 5
Il 5 iniziamo il percorso verso Skogafoss, una delle cascate più belle d’Islanda, con parcheggio e ingresso gratuiti.
La cascata Skogafoss è larga 15 metri e alta 60 metri. Come se la sua bellezza non bastasse, alla sua base compare spesso un arcobaleno.
Accanto alla cascata c’è una scala che dà accesso alla sua sommità, essendo possibile osservarla dall’alto. Anche in inverno le scale erano ad accesso libero. È una parte del tour che richiede un pò più di impegno, ma ho pensato che ne valesse la pena.
Continuando il nostro viaggio, passiamo davanti al vulcano Eyjafjallajökull, apparso nel film “La vita segreta di Walter Mitty” e diventato famoso in tutto il mondo dopo la sua ultima eruzione nel marzo 2010.
Abbiamo fermato l’auto sul lato opposto della strada, dove si trovava il vecchio centro informazioni. Siamo rimasti lì per qualche minuto a guardare quell’immensità della natura e ad immaginare com’era quando è esplosa.

La tappa successiva è stata al parcheggio (gratuito) che dà accesso al relitto dell’aereo Dakota – DC3 Plane Wreck, che si trova sulla spiaggia di Sóllhemasandur.
L’aereo Dakota, un C-47 SkyTrain, della Marina nordamericana, fece un atterraggio forzato sulla spiaggia di Sóllhemasandur nel 1973. I 7 passeggeri della spedizione sopravvissero. Poiché sarebbe stato troppo costoso rimuovere l’aereo, il Dakota è rimasto lì e oggi è diventato un luogo turistico in Islanda.
Per raggiungere il Dakota è necessario lasciare l’auto nel parcheggio che dà accesso alla strada che porta all’aereo.
Ci sono due opzioni: camminare o pagare un autobus che si ferma vicino all’aereo. L’autobus costa 2.500 ISK a persona (circa R$ 90,00).
Quel giorno c’era un vento assurdo, quindi ho escluso la possibilità di camminare. Tuttavia, in una giornata con condizioni migliori, è un’opzione (il viaggio di andata e ritorno dovrebbe durare circa 3 km).

Continuiamo verso la penisola di Dyrhólaey, dove si trova l’Arco di Dyrhólaey Lookout, e più avanti alla fermata vicino al faro, che si affaccia sulla spiaggia di Kirkjufjara , una spiaggia di sabbia nera.
C’è un bagno a pagamento in loco – 200 ISK, con la possibilità di strisciare la carta.
Il parcheggio è gratuito, così come la visita al sito.

La meta successiva è stata Reynisfjara Beach, la spiaggia di sabbia nera più famosa d’Islanda, nota per le sue formazioni rocciose chiamate Reynisdrangar, che sono formazioni basaltiche che costituiscono un’immensa parete, oltre alla grotta di Hálsanefshellir.
La spiaggia di Reynisfjara e la grotta di Hálsanefshellir appaiono in numerosi film e programmi TV di Hollywood come Star Wars, Il Trono di Spade, La vita segreta di Walter Mitty e Thor.
Da questa spiaggia è possibile scorgere tre emblematici scogli in mezzo al mare (anche se, vista l’inclinazione, sembrano essere solo due). La leggenda islandese narra che le rocce siano i Troll Skessudrangar, Landdrangar e Langhamrar, che furono trasformati in pietra.

L’ultimo punto di riferimento della sceneggiatura è stato Vik , un villaggio piccolo ma molto affascinante.
Vik è il luogo scelto da molti turisti per pernottare, in quanto dispone di una buona struttura, con hotel, benzinaio e supermercato.
Consiglio di salire alla fotogenica chiesetta in cima alla collina per avere una vista della città e della spiaggia sullo sfondo. Da lassù vedrai di nuovo quei tre scogli che hai visto sulla spiaggia di Reynisfjara (i Troll Skessudrangar, Landdrangar e Langhamrar).

L’albergo prenotato per quella notte era l’Hotel Vík í Mýrdal.

Giorno 6
Il primo posto dell’itinerario del sesto giorno è stato il Canyon FJdrárgljúfur, un canyon molto bello e profondo.
Ci sono circa 2 km di canyon, con un muro alto 100 metri tagliato dal fiume Skaftá.
Il Canyon FJdrárgljúfur divenne noto in tutto il mondo come “Bieber Canyon”: Nel 2015 Justin Bieber ha registrato il video di I’ll Show You at Canyon Fjadrárgljúfur. A causa della fama, il posto ha iniziato a ricevere migliaia di persone dall’uscita del video. L’aumento dei turisti ha causato danni all’ambiente e l’Associated Press – l’Agenzia per l’ambiente islandese – ha riferito che queste visite hanno lasciato danni alla vegetazione.
Il canyon è stato chiuso per un pò, ma ora è di nuovo aperto al pubblico. L’accesso e il parcheggio sono gratuiti.

La tappa successiva è stata piuttosto veloce: abbiamo fermato l’auto per vedere le formazioni rocciose di Dverghamrar – colonne esagonali di basalto simili a quelle che abbiamo visto più tardi alla cascata di Svartifoss.
Poi siamo andati allo Skaftafell National Park (il più grande parco nazionale d’Europa). Qui il parcheggio è a pagamento (750 ISK – circa R$ 26,00), ma l’accesso al parco è gratuito.
Abbiamo fatto un sentiero di circa 40 minuti fino a raggiungere la cascata Svartifoss, il tutto circondato da pietre di basalto scuro a forma rettangolare. Il parco era bellissimo, tutto innevato! Abbiamo impiegato un pò più del previsto, perché camminare sulla neve richiede un pò di più…Probabilmente se non c’è neve, il percorso dura circa 30 minuti o meno.

In questo stesso parco si trova il più grande ghiacciaio d’Europa: il Vatnajökull. Se vuoi, puoi fare una visita guidata del ghiacciaio e scoprire una grotta di ghiaccio. Consenti una media di 4 ore per questo tour.
Non l’abbiamo fatto perché la visita sarebbe stata solo al ghiacciaio, dato che l’ingresso della grotta era chiuso dalla neve.
In bassa stagione puoi acquistare questo tour proprio lì nel parco, vicino al centro visitatori vedrai il chiosco delle vendite. Ma se vuoi organizzarti in anticipo, puoi dare un’occhiata alle opzioni offerte da Arctic Adventures.
Lasciamo il parco e visitiamo alcuni laghi glaciali, tra cui le lagune FJallsarlon e Jokulsárlon, entrambe formate dallo scioglimento del ghiacciaio Vatnajökull.
Sono rimasto scioccato quando ho avuto l’opportunità di trovarmi di fronte a un ghiacciaio. Era tutto così bello, così bianco, così congelato. Mi sentivo come se fossi in una scena di un film, impossibile non sentirlo.
Nei mesi estivi avrai l’opportunità di vedere gli iceberg muoversi lentamente attraverso la laguna. In inverno vedrai anche la stessa laguna ghiacciata. Incredibile in entrambi i modi.
Jokulsárlon, che è la laguna glaciale più famosa, e quando non è ghiacciata, è possibile fare un giro in motoscafo, che ti porta vicino al ghiacciaio.
Abbiamo terminato il programma a Diamond Beach, una spiaggia di sabbia nera piena di grossi pezzi di ghiaccio che si staccavano dal ghiacciaio e arrivavano lì.
Jökulsárlón è collegata all’oceano da un canale, che trasporta gli iceberg al mare. Come risultato dell’azione delle onde e dei venti, molti iceberg ritornano sulla spiaggia di sabbia e il risultato è semplicemente incredibile: una spiaggia di sabbia nera piena di pezzi di ghiaccio di tutte le dimensioni! Incredibile!

Per dormire dopo quel giorno, consiglio il Fosshotel Nupar o il Fosshotel Glacier Lagoon. Entrambi sono sulla strada, lontano dalle luci della città e con buone possibilità di vedere l’aurora (se le condizioni sono buone).

Un gayser

Giorno 7
Il giorno 7 è stato il giorno in cui ho prenotato per visitare la capitale Reykjavik.
Tra i punti di interesse ci sono:
– Hallgrímskirkja, la chiesa più grande d’Islanda (alta circa 75 metri), la sua architettura è stata ispirata dalle inondazioni basaltiche.
– Harpa Concert Hall, un teatro dell’opera di Reykjavik.
– La scultura Solfar, un omaggio agli antenati vichinghi.
– L’area del porto storico (Porto Vecchio).
– Le vie Laugavegur e Skólavörðustígur, le principali vie dello shopping della città.
– Sala concerti Harpa – Reykjavik

A Reykjavik è possibile mangiare molto bene. Se ti piacciono i ristoranti specializzati in alta cucina, li adorerai!
Ho provato Apotek Restaurant e Grillmarkadurinn. Entrambi hanno un menu alla carta e un menu degustazione in più fasi. Mi sono piaciuti entrambi, ma il mio preferito è stato il secondo. Sono ristoranti più costosi, ma a prezzi ragionevoli considerando la qualità.
Inoltre, l’hot dog al Bæjarins beztu pylsur (situato di fronte all’hotel Radisson Blue), considerato il migliore al mondo (la bancarella è diventata famosa dopo che Bill Clinton ha mangiato lì), non può essere escluso dalla tua programmazione.
Per lo stile classico dell’hot dog, è buonissimo…Ma lo consiglio per la fama e la tradizione del posto. Suggerisco di non andarci aspettandomi di mangiare il miglior hot dog del mondo.

Giorno 8
L’ultimo giorno del viaggio era un giorno libero nell’itinerario.
Ho lasciato apposta la giornata libera, perché nel caso il tempo non mi permettesse di portare a termine le attività nei tempi previsti, avrei comunque quell’ultimo giorno per riorganizzarmi.
Considerando che dovevo fare solo alcune inversioni, ma che ho completato tutto il previsto il giorno 7, ho approfittato del giorno 8 visitando una stazione sciistica vicino alla capitale.
La stazione di Bláfjöll dista 35 km da Reykjavik ed è frequentata da islandesi, non da turisti.

È abitudine della popolazione uscire dal lavoro o dalla scuola e recarsi alla stazione per trascorrere il resto del pomeriggio e la prima serata. Considerando questo, Bláfjöll è aperto fino alle 21:00.
La stazione non è molto grande, ma era l’ideale per garantire il divertimento della giornata.
I biglietti per gli impianti di risalita e le attrezzature (sci o snowboard) possono essere noleggiati proprio lì.
Ci sono più stazioni sciistiche in Islanda, come Arnarstapi (193 km da Reykjavik), Skçalafell, con splendide viste sull’omonimo parco nazionale; la stazione di Hlidarfjall Akureyri, vicino alla città omonima (Hlídarfjall – è a nord), così come la stazione di Tindastól (a nord) e Dalvik (a nord).
L’ultima notte abbiamo dormito all’Hotel Laxnes, situato a 10 minuti dal centro di Reykjavik. Il giorno dopo ci siamo svegliati presto per prendere il volo a Keflavík.

È stata una grande avventura e un’esperienza memorabile. Per quanto io descriva minimamente i dettagli del viaggio, solo per essere lì per capire un Paese così piccolo nelle dimensioni territoriali e così grande nei fenomeni naturali.

La carcassa del Douglas Super DC-3 abbandonato in Islanda

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.