Panama e Guatemala: 2 settimane in America Centrale

Le acque cristalline di San Blas, la maestosità delle piramidi Maya di Tikal, il passato coloniale di Antigua, la cornice dei vulcani intorno al lago Atitlan…un viaggio tra Panama ed il Guatemala, vedendo paesaggi meravigliosi e scenari storici, scoprendo tradizioni affascinanti e assaggiando qua e la una cucina deliziosa.
Ho trascorso due settimane in America Centrale, il Guatemala era la mia destinazione principale, ma ho approfittato di un volo che fermava a Panama per dare un’occhiata al paese del famoso canale.

Il lago di Atitlan in Guatemala

Novembre – Maggio

Avventura, Natura, Mare, On the road

2 settimane

1000 – 2000 € / 2000 – 3000 € 

1° giorno: Arrivo a Panama

Il volo vero Panama arriva alle 6 del mattino all’aeroporto di Tocumen.
Arrivare così presto lascia due opzioni: pagare una notte in più in hotel e andare direttamente alla sistemazione per fare un pisolino o godersi la mattinata in un giro della chiusa di Miraflores, sul Canale di Panama e altri punti interessanti della città come Cinta Costeira e Casco Antiguo (Centro storico).
Io ho scelto la seconda opzione e penso di aver fatto la cosa migliore. Ho preso una guida con l’agenzia Guia Panamá, l’agenzia offre un servizio eccellente e mi ha permesso di fare un bellissimo tour di presentazione a Panama City.
Roque (la guida) mi ha incontrato all’aeroporto di Tocumen e da lì siamo partiti per il Canale di Panama.
L’itinerario di questo tour della città è durato circa 6 ore ed ha coperto la maggior parte delle attrazioni di Panama City. (Molto interessante!)
Dopo di che, mi sono registrato in hotel (il Best Western Plus Panama Zen Hotel, nel quartiere di Cangrejo) e ho passato la serata riposandomi per il giorno successivo.

Panama City
Canale di Panama

2° giorno: San Blas (Kuna Yala)

Quando vuoi visitare un paradiso come quello delle isole San Blass devi fare almeno un picolo sacrificio e per me me è stato quello di alzarzi molto presto, intorno 4:30 del mattino, fare colazione ed essere bello pimpante in attesa del trasferimento verso lo stupendo arcipelago.
Io ci sono stato per motivi di tempo solo per una giornata, ma ti consiglio di prenotare almeno una notte in una delle isole per goderti questo incredibile pezzo di Caraibi.
Qui mi sono goduto tutta la giornata a passeggiare tra la natura incontaminata delle isole e prendere un pò di sole in spiaggia, è stato meraviglioso!

Scorcio delle isole San Blas

3° giorno: Panama – Guatemala

Era il mio ultimo giorno a Panama ed avevo ancora il mattino libero prima di partire per il Guatemala, quindi ho approfittato per fare una passeggiata per Casco Antiguo, pranzare in un buon ristorante e tornare in hotel per il trasferimento all’aeroporto.
Il mio volo per Città del Guatemala è partito alle 16:40 ed è arrivato alle 20:20 (il fuso orario del Guatemala è un’ora prima di Panama).
La sistemazione era all’hotel Barceló di Città del Guatemala, un hotel con camere enormi e molto confortevoli, nella cosiddetta zona viva che è più sicura e molto vicino all’aeroporto di Aurora.
Ho preferito riposare e riprendere le forze per i giorni successivi.

4° giorno: Città del Guatemala – Tikal – Antigua

Mi sveglio prestissimo, alle 4:30 del mattino, pronto per salire a bordo per Flores, nella regione di Petén.
Ma il sacrificio era per una buona causa: avrei realizzato il mio vecchio sogno di visitare il sito archeologico di Tikal, la grande città della civiltà Maya.
Ho preso un tour con Travel Center Guatemala, un’agenzia che non ha nemmeno un sito Web, l’ho trovata su Facebook (le informazioni di viaggio in Guatemala non sono molto abbondanti su Internet).
Hanno comunque organizzato tutto in modo ordinato e il viaggio è stato semplice. Il mio volo da Guate a Flores è partito alle 6 del mattino. Un’ora dopo sono arrivato all’aeroporto di Mundo Maia, da dove sono arrivato in furgone a Tikal, è una visita interessante e commovente, che vale la pena di vivere.
Nel tardo pomeriggio, sono tornato all’aeroporto di Flores per tornare a Guate, dove mi aspettava un trasferimento per portarmi direttamente ad Antigua, a 40km dalla capitale.

Città del Guatemala

5° giorno: Antigua Guatemala

L’antica città di Santiago de los Caballeros, fondata nel 1543, è una destinazione incantevole, una delle città coloniali più belle che abbia mai visto in America.
Antigua, come viene ora chiamata, era la capitale del Capitan General del Guatemala, una colonia spagnola che si estendeva dall’attuale stato messicano del Chiapas al territorio che ora appartiene al Costa Rica.
Questa importanza di Antigua si riflette bene nella grandiosità degli edifici coloniali che fiancheggiano le strade acciottolate con pietre irregolari.
Antigua fu devastata da un terremoto nel 18° secolo, che portò al trasferimento della capitale a Città del Guatemala ma oggi è uno degli incanti turistici del paese ed è molto frequentata nei fine settimana e nei giorni festivi.
Ho trascorso quattro notti ad Antigua a passo lento, godendomi i balconi fioriti delle dimore, l’ottima cucina e l’orizzonte segnato dalla sagoma di tre vulcani: Acatenango, Água e Fuego, quest’ultimo ancora attivo.
Il mio soggiorno è stato presso l’Hotel Museo Casa Santo Domingo, un ex monastero dei domenicani, del XVI secolo.

6° giorno: tour a Chichicastenango

Circa 90km separano la placidità coloniale di Antigua dal villaggio di Chichicastenango, roccaforte della conservazione della cultura Quiché (o K’iche), uno dei rami delle tradizioni Maya che hanno raggiunto i nostri giorni.
In un’agenzia di Antigua, ho acquistato un trasferimento, andata e ritorno, per conoscere il villaggio e il vivace mercato di strada che, ogni giovedì e domenica, brulica di gente.
Il colorato mercato di Chichicastenango prende il controllo delle strade principali della città e attira residenti da tutta la regione, che vengono a vendere i loro prodotti e acquistare ciò di cui hanno bisogno.
Più interessanti dell’abbondante offerta di prodotti artigianali offerti ci sono le cerimonie religiose, tra riti Maya e Cattolici, con offerte di candele, fiori, liquori e spirito di canna.

7° giorno: Antigua

Il mio ultimo giorno ad Antigua, ho fatto un giro a piedi della città.
Questo è un buon modo per comprendere meglio la storia e le tradizioni di questa bellissima città. Ho anche colto l’occasione per rivedere i punti che più mi hanno incantato maggiormente.

8° giorno: Antigua – Panajachel (Lago Atitlán)

A 100km da Antigua, Panajachel è la ‘porta turistica’ del Lago Atitlán.
La città ha 15 mila abitanti, infrastrutture alberghiere che possono essere utilizzate per le spese e un porto da cui partono tour e trasporti regolari per i diversi villaggi intorno al lago.
Sono arrivato a Panajachel immaginando di trascorrere tre notti, ma mi sono reso conto poi che sono troppi visto che la città è abbastanza priva di attrazioni.
Se non pioveva così tanto, varrebbe la pena di esplorare la costa di Atitlan e il suo paesaggio ornato dai vulcani, ma il tempo non ha aiutato e sono rimasto solo un giorno e mezzo lì.
Il mio alloggio a Panajachel era al Regis Hotel & Spa, che è semplice, ma molto ordinato.

Sito archeologico di Tikal Guatemala
Sito archeologico di Tikal Guatemala

9° giorno: giro del lago Atitlán – ritorno a Guate

Il modo migliore per godersi lo scenario del lago Atitlán è fare una gita in barca e visitare le città sulla sua riva.
Questo è quello che ho fatto il secondo giorno a Panajachel (il primo, mi sono nascosto dalla pioggia con un piccolo libro da leggere).
Dopo la gita in barca sul lago Atitlan, sono salito sull’ultimo autobus della giornata (alle 16:00) per andare a Città del Guatemala.
Il viaggio, di ‘soli’ 107km, può richiedere dalle tre alle cinque ore (nel mio caso, grazie alla Legge di Murphy, erano in realtà cinque), a causa della strada piena di curve, in salita, in discesa e ingorghi stradali epici.

10° e 11° giorno: Città del Guatemala

Non è esattamente turistica e lo sapevo già. Sono rimasto lì solo tre notti per sfuggire alla pioggia sul lago Atitlan.
Per vedere le attrazioni (come il buon Museo di Archeologia ed Etnologia) ed esplorare un pò la città, sarebbe sufficiente un giorno.
Ma è stato un piacevole soggiorno, grazie all’hotel che ho scelto, l’eccellente Radisson Hotel & Suites.

12° giorno: Guatemala – Panama

Questo dovrebbe essere stato il mio ultimo giorno di viaggio. Ho preso il trasferimento per l’aeroporto e tornare a casa ma…il mio volo era sovraffollato e alla fine ho deciso di rimanere un’altra notte lì.
La compagnia aerea mi ha ospitato all’Eurostars Panama City, un hotel a 5 stelle con casinò, vicino al quartiere El Cangrejo, dove avevo già soggiornato all’inizio del viaggio, la cosiddetta zona viva, la regione più moderna, sicura, verde e nel tardo pomeriggio puoi vedere la catena montuosa che incornicia lo skyline della capitale guatemalteca

13° giorno: Panamá Viejo e ritorno a casa

Nel mio ‘giorno bonus’ di questo itinerario, ho colto l’occasione per visitare Panamá Viejo, le rovine della prima città di Panama.
Verso la fine di questa giornata passata molto lentamente ho preso ancora la strada dell’aeroporto per poi tornare molto tristemente a casa, ma altrettanto arricchito da questa cultura centro-americana che ho avuto la possibilità di conoscere ed esplorare in questo viaggio.

Il mercato di antigua in Guatemala

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Paolo ha detto:

    E’ possibile visitare il canale di Panama, come turista?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *