Itinerario di viaggio a Minorca (5 giorni)

Sebbene Minorca sia conosciuta principalmente come destinazione estiva (al punto che molte attività chiudono non appena l’autunno invade l’isola), la verità è che ho viaggiato durante il mese di ottobre e nel mio itinerario di viaggio a Minorca ho incluso molto più che belle sabbie.
Minorca non è molto grande – rispetto ad esempio, alla vicina Maiorca – ma c’è molto da vedere sull’isola. Vale quindi la pena investire del tempo a Minorca, cercando di distribuire le attrazioni nei diversi giorni del viaggio per sfruttare al meglio il soggiorno. Non fermarti solo alle spiagge, potresti rimanere sorpreso!
A questo proposito, in questo articolo condivido il mio itinerario a Minorca, giorno per giorno, in modo che possiate adattare l’itinerario ai vostri gusti personali e ai vostri obiettivi di viaggio.
Sono stati solo cinque giorni, ma molto ben spesi, comprese passeggiate pedonali, monumenti megalitici, attrazioni urbane e, naturalmente, numerose calette e spiagge.
Detto questo, considera questo itinerario di viaggio a Minorca come punto di partenza per creare il tuo itinerario, in base ai tuoi interessi e al tempo a disposizione.

Cala Macarella

Tutto l’anno

Mare, Cultura, Natura, Con bambini

5 giorni

500 – 1000 €

Giorno 1: Ciutadella de Menorca
Sono atterrato a Minorca la mattina presto e sono andato subito a ritirare l’auto a noleggio per poi dirigermi a Ciutadella de Menorca, il luogo dove ho scelto di passare la notte sull’isola.
Poi ho iniziato a esplorare le attrazioni di Ciutadella de Menorca, tra cui il centro storico, la Cattedrale di Santa Maria de Ciutadella, il Convento di Sant’Agostino e il Porto Vecchio, tra molti altri luoghi.
Era già metà pomeriggio quando decisi di dare un’occhiata a due spiagge vicine – Son Saura e Cala Playa des Talaier – e percorrere un piccolo tratto del Caminho dos Cavalos, un percorso pedonale lungo 185km che circonda l’isola nella sua interezza (e di cui parlerò più avanti).
Di ritorno a Ciutadella de Menorca, c’è ancora tempo per dare un’occhiata al Castello di São Nicolau, prima di cenare su una delle spianate di Plaça dels Pins. Era la fine di un primo giorno molto ben speso del mio itinerario a Minorca.

Mahón

Giorno 2: Old Binibeca, spiagge, rovine e Fornells
Di buon mattino sono andato a visitare il Mercato Comunale di Cuitadella, dove diversi produttori della regione vendevano ortaggi, formaggi e altri prodotti locali, oltre a pesce fresco, ed ho scoperto che è possibile acquistare pesce fresco al mercato e portarlo in un ristorante vicino per essere cucinato.
Fu allora il momento di lasciare Cuitadella de Menorca, alla ricerca della necropoli megalitica Naveta des Tudons, uno dei luoghi più emblematici della cosiddetta Menorca talaiotica. Devo dire, tra l’altro, che visitare queste strutture megalitiche, sparse per tutta l’isola, è un ottimo programma per chi non vuole passare le giornate a gattonare sulle bellissime spiagge di Minorca. È quello che ho fatto in questo itinerario a Minorca, intervallando le spiagge con altre attività, ed è andato tutto alla perfezione.
A proposito, l’itinerario mi ha poi portato alle calette Cala Binidali, Cala Biniparratx e Cala Blanco, dove ho fatto il mio primo tuffo godendomi le acque lisce, calde e trasparenti. Sono passato anche da Praia Binisafuller, prima di addentrarmi nei vicoli della bellissima Old Binibeca. È un antico villaggio di pescatori, molto ben tenuto, con vicoli stretti e labirintici e le case tutte dipinte di bianco. Nel mio taccuino ho scritto: “Per un attimo mi sono sentito come in un paesino di un’isola greca”.
Prima di lasciare Binibeca, ho anche dato un’occhiata all’omonima spiaggia, un facile accesso e un bar sulla spiaggia che ho trovato molto piacevole.
Alla fine del pomeriggio, e dopo aver visitato Talatí de Dalt e la città talaiotica di Trepucó, ho deciso di andare a dare un’occhiata al famoso bar Cova d’en Xoroi, a Cala en Porter, per guardare il tramonto e bere un gin. Una volta lì, mi sono imbattuto in una fila enorme di persone all’ingresso (era sabato), che mi ha fatto immediatamente cambiare strada. So che è una delle principali attrazioni turistiche di Minorca, ma confesso che la quantità di persone mi ha veramente scoraggiato.
Sono passato anche da un altro sito megalitico, ma era chiuso, quindi, dopo aver valutato le possibilità, ho deciso di sfruttare il resto della giornata per conoscere il villaggio costiero di Fornells, dove – dicono! – puoi mangiare il miglior stufato di aragosta a Minorca. Una volta lì, ho anche finito per resistere alla tentazione di provare l’aragosta di Minorca, non solo per i prezzi assurdamente alti (da € 65 a € 75 a persona) ma anche perché ottobre non è la stagione ideale.
Stavo per tornare a Ciutadella quando ho visto un caffè-ristorante senza pretese ed economico, e ho deciso di sedermi sulla terrazza. Ed è così che ho scoperto un posto spettacolare dove mangiare a Fornells chiamato Sa Nansa. La valutazione su Tripadvisor non è delle migliori, ma il menu offre insalate spettacolari, deliziosa “pasta à sailor”, pesce alla griglia e pizze di qualità, tra le altre opzioni. Insomma, potrebbe non essere nemmeno il miglior ristorante di Fornells, ma a giudicare dalla mia (ottima) esperienza, ha un rapporto qualità/prezzo difficile da eguagliare.
È stato il modo perfetto per concludere una giornata impegnativa in questo itinerario di viaggio a Minorca.

La stagione della pesca dell’aragosta a Minorca si svolge tra maggio e agosto, quindi al di fuori di tale finestra temporale, l’aragosta servita nei ristoranti “o è congelata, o proviene da vivai, o non è di Minorca”. Le parole sono di un residente locale che, su mia richiesta, ha indicato i posti migliori dove mangiare il famoso stufato di aragosta a Fornells. ristorante Es Port e ristorante Es Cranc. Preferibilmente tra maggio e agosto, ovviamente!

Cala di Minorca

Giorno 3: Spiagge della costa meridionale (da Cala Turqueta a Cala Galdana)
Questo è stato il primo di due giorni incentrati sulla realizzazione di tratti del Caminho dos Cavalos, unendo diverse spiagge della costa meridionale dell’isola. È lì che, senza dubbio, troverai le spiagge più belle di Minorca.
Quindi, indossando calzature adeguate, mi sono messo in cammino. L’idea era quella di percorrere lentamente l’intera tappa 13 del Caminho dos Cavalos, con soli 6,4 km di lunghezza, tra Cala Turqueta e Cala Galdana, per scoprire tutte le spiagge e le calette che appaiono lungo il percorso. Tra questi, Cala Macarelleta (probabilmente la mia spiaggia preferita a Minorca) e la vicina Cala Macarella.
All’arrivo a Cala Galdana – che non mi piace -, è ora di pranzare, riprendere le energie e tornare fino a Cala Turqueta, dove avevo lasciato la macchina.
Prima di tornare a Ciutadella de Menorca, e poiché non era il momento di visitare i monumenti megalitici, ho deciso di dare un’occhiata alla spiaggia di Son Xoriguer. Si trova nella turistica Cala en Bosch e forse anche per questo non ha soddisfatto le mie aspettative.
E così ho concluso un’altra giornata piena di paesaggi meravigliosi. Quasi sempre a piedi. E dove ho visto le spiagge più mozzafiato dell’isola.

Cala Cavalli

Giorno 4: Spiagge della costa meridionale (da Cala Mitjana a Cala Escorxada)
Per questo giorno, il piano era di continuare il Caminho dos Cavalos, all’incirca dalla fine della sezione precedente, come parte della tappa 14 che collega Cala Galdana a Sant Tomás.
Parcheggiata l’auto, raggiungo a piedi Cala Mitjaneta, una piccola baia situata accanto alla spiaggia più ambita di Mitjana. Da lì inizio la passeggiata costiera che mi porterà alle spiagge di Cala Trebalúguer, Cala Fustam e Cala Escorxada.
Dopo una sosta per riposarmi, è arrivato il momento di tornare a Cala Mitjana, dove avevo parcheggiato la mia macchina. Una volta lì, e poiché il tramonto era ancora lontano, mi sono diretto a nord per dare un’occhiata al Faro di Cabo Cavalleria e all’omonima spiaggia.
Già stanco (ma felice), sono poi tornato nella comodità di casa a Ciutadella de Menorca, non prima di aver visitato il cosiddetto Ipogeo di Torre del Ram e di aver fotografato le piscine della vicina Cala en Brut. La luce non era nelle migliori condizioni, quindi mi sono costretto a tornare la mattina successiva.
Con una doccia, una cena e due birre, si è conclusa un’altra intera giornata alla scoperta delle bellezze di Minorca.
Non ci sono assolutamente bar o stabilimenti balneari tra Cala Mitjana e Cala Escorxada. Porta molta acqua e degli snack, oltre a un cappello e una crema solare.

Faro di Favaritx

Giorno 5: Rovine Talaiotiche, Minorca settentrionale e la capitale Mahón
L’ultimo giorno di questo itinerario a Minorca, e poiché il volo di ritorno era solo nel tardo pomeriggio, ho potuto cogliere l’occasione per scoprire altre attrazioni di Minorca. Compresa una spiaggia sulla costa settentrionale, due località sulla rotta Talayótica e, naturalmente il capoluogo Mahón.
Prima di allora, ho iniziato la giornata con una sosta mattutina a Cala en Brut, situata alla periferia di Ciutadella de Menorca, dove nonostante la temperatura mattutina non fosse ancora elevata, c’era già gente che faceva il bagno nelle acque della cala.
Poi mi sono diretto a nord verso Praia des Tancats, situata a Cala d’Algaiarens, prima di dedicarmi a due monumenti megalitici di grande importanza storica. Mi riferisco a Torre d’en Galmés e Torralba d’en Salort, che consiglio vivamente di visitare (sì, Minorca non è solo spiaggia!).
È arrivato il momento di esplorare un pò Mahón, la città principale di Minorca, dove ho visitato il mercato del pesce e l’adiacente Mercado Sa Plaça, ospitato nel chiostro dell’ex Convento del Carme, dove ho pranzato tardi. Volevo ancora visitare l’imponente Chiesa di Santa Maria de Mahón, ma purtroppo era chiusa. La soluzione era recarsi presso l’importante Fortezza La Mola, fatta costruire dalla regina Isabella II a difesa dell’isola. Come curiosità geografica, li c’è il punto più orientale della Spagna.
Come addio alle Isole Baleari, sono andato a dare un’occhiata ad un’ultima spiaggia per intravedere le spiagge della regione di Mahón. Ho scelto Sa Mesquida, a soli 8km dalla fortezza, ma non c’era molto tempo per i bagni, quindi mi sono dedicato solo all’arte della fotografia.
Per concludere l’itinerario a Minorca, pensavo ancora di andare al Poblat Talaiòtic de Sa Torreta de Tramuntana, un altro dei siti megalitici di Minorca Talayótica, ma la prudenza ha prevalso e ho deciso di non rischiare. Sono quindi andato a consegnare l’auto a noleggio, prima di dirigermi all’aeroporto di Mahón per prendere il volo di ritorno. Era la fine di questo viaggio di cinque giorni a Minorca, nelle Isole Baleari spagnole, che mi ha permesso di scoprire la maggior parte delle sue principali attrazioni. Insomma, ne è valsa davvero la pena!

La Minorca preistorica

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.