Messico: Viaggio nello Yucatan e Riviera Maya

Il Messico è un paese affascinante, vario e geograficamente vasto, quindi è essenziale definire le regioni da visitare, tenendo presente che non è possibile vedere tutto in un viaggio di due o tre settimane. Quindi, approfittando dei nuovi voli TAP verso Cancún, ho scelto di concentrarmi sulla penisola dello Yucatan, lasciando la regione di Oaxaca e Città del Messico per un prossimo viaggio (chissà).
L'itinerario proposto dura 23 giorni ed è circolare, coprendo l'asse Cancún – Holbox – Valladolid – Mérida – Campeche – Palenque – Calakmul – Bacalar – Tulum – Cozumel – Cancún. In totale sono circa 3.000 km. Anche se non è un viaggio per chi ama posti come Cancún e Playa del Carmen, può essere adattato per includere queste destinazioni, combinando località balneari e parchi avventura con l'esplorazione del lato più autentico del Messico che vi propongo qui.

Veduta sul mare dall'isola di Holbox

Novembre – Maggio

Mare, Città, Cultura, Natura

3 settimane

2000 – 3000 €

Giorni 1 e 2: Holbox Island
Erano le 4 del mattino quando sono atterrato all'aeroporto internazionale di Cancun. Ora, poiché non volevo soggiornare in un resort a Cancún, avevo deciso di noleggiare un'auto e percorrere i 145 km che mi separavano da Chiquilá, dove avrei preso un traghetto per Isola Holbox.
I due giorni successivi sono stati trascorsi esplorando Holbox in bicicletta, facendo un tuffo in mare o semplicemente godendosi il ritmo rilassato e spensierato della vita sull'isola. È stato il modo migliore per iniziare questo itinerario di viaggio in Messico, prima di dedicarmi a visitare rovine, immergermi nei cenotes e scoprire bellissime città coloniali.

Pernottamento: un semplicissimo airbnb

Giorno 3: Rovine di Cobá e Valladolid
La mattina presto ho lasciato Holbox, ho preso il traghetto e mi sono messo in viaggio verso il complesso archeologico di Cobá. Sono sicuramente una delle migliori rovine Maya dello Yucatan.
Prima di arrivare a Valladolid, mi sono fermato al Cenote Suytum per valutare il numero delle persone. Nonostante non sia pieno, ho pensato che sarebbe stato bello provare a tornare presto la mattina successiva, aspettandomi di trovare ancora meno persone. Guardando la mappa, c'era un altro cenote che volevo visitare appena fuori Valladolid, ed è esattamente quello che ho fatto: sono andato all'altrettanto bellissimo cenote dell'Hacienda Oxmán.
La fine della giornata è già stata trascorsa a Valladolid, prima con un tuffo al Cenote Zaci, situato nel cuore della città; poi passeggiando lungo la suggestiva Calzada de Los Frailes e sorseggiando una birra rinfrescante su una terrazza accanto al Convento di San Bernardino a Siena. È stata una giornata molto ben spesa!

Pernottamento : Hotel Casa Rico, nel centro di Valladolid.

Giorno 4: Valladolid e Cenote Suytun
Al mattino, e dopo una bella colazione al Café del Profesor Pitágoras, sono andato a visitare il cenote Suytun, in un momento in cui era praticamente vuoto. È uno dei cenote più fotografati di tutto il Messico (colpa di Instagram) – e vederlo così, senza nessuno, è stato davvero straordinario!
Di ritorno a Valladolid, è tempo di girovagare senza meta nel cuore storico coloniale di questa bellissima città dello Yucatan, immergendosi nell'atmosfera, e anche per una breve visita alla Iglesia de San Servacio, situata nella piazza principale di Valladolid. A questo punto, ero già consapevole che Valladolid era diventata rapidamente una delle mie città messicane preferite. Mi è piaciuta davvero tanto!

Pernottamento : Hotel Casa Rico , nel centro di Valladolid.

La spiaggia di Cancun

Giorno 5: Rovine di Ek' Balam, cenotes ed Espita
Un'altra intera giornata in questo itinerario in Messico, questa volta dedicata alla visita di varie attrazioni a nord di Valladolid, tra cui rovine, cenote e città coloniali. La giornata è iniziata con una deliziosa colazione al Canto Encanto, un bar meraviglioso che consiglio vivamente, prima di partire alla scoperta di nuovi posti.
La prima tappa è stata al complesso archeologico di Ek' Balam (uno dei miei preferiti dell'intero viaggio!), che ho esplorato a mio piacimento. Dopo la visita, e poiché c'erano dei cenote nelle vicinanze, niente di meglio di un bagno rinfrescante (infatti, posso garantire che le rovine seguite da un tuffo in un cenote sono una combinazione imbattibile). Così mi sono tuffato nei cenote Xcanche e Sac-Aua, prima di dirigermi verso la cittadina di Tizimín per un pranzo tardivo.
La verità è che Tizimín non ha molto di interesse, ma per un'incredibile coincidenza ho scoperto un ristorante spettacolare per pranzo: si chiama Casa Makech e se ne merita tutti gli elogi. Per concludere la giornata in bellezza, sono andato a visitare Espita, una bellissima cittadina coloniale e molto ben tenuta. Con il ritorno a Valladolid si è conclusa quella che era stata un'altra giornata perfetta nello Yucatan!

Pernottamento : Hotel Casa Rico , nel centro di Valladolid.

Giorno 6: Chichén-Itzá (UNESCO), cenote Ik-Kil e Izamal
La mattinata è stata dedicata alla visita di Chichén-Itzá, un complesso archeologico che conoscevo di fama e che sono andato a vedere molto presto, sperando di trovarlo con pochi turisti. E così è stato. Il sito archeologico fa parte del Patrimonio dell'UNESCO in Messico, ed avere la possibilità di rivederlo senza migliaia di turisti, è stato straordinario.
Dopo aver esplorato Chichén-Itzá, sono andato a fare un tuffo nel fotogenico cenote Ik-Kil, senza dubbio un altro dei migliori cenote dello Yucatan. È bellissimo! Rinfrescato, sono poi andato a Izamal, la “città gialla”, una bellissima città coloniale che ho avuto l'opportunità di visitare a mio piacimento. A titolo di curiosità, menziono che Izamal fa parte della lista dei Pueblos Mágicos de México (Lista di paesi messicani che mostrano l'identità nazionale in ogni suo angolo). Tutto sommato, la giornata è stata un altro momento clou del mio itinerario di viaggio in Messico: in effetti, l'intera prima settimana è stata straordinaria!

Volendo vedere più cenote nella regione, avevo menzionato il cenote Yokdzonot. Alla fine non ci sono andato perché volevo avere il pomeriggio per visitare Izamal, penso ne valga la pena.

Pernottamento : Hotel San Miguel Arcángel , nel centro di Izamal.

Giorno 7: Mérida
Giornata trascorsa a Mérida, capitale dello stato messicano dello Yucatan. Venendo dalla piccola Valladolid, la prima impressione di Mérida è stata di un certo disagio. Ma la verità è che Mérida merita tutti gli elogi dei viaggiatori: è una città con un bel centro storico in stile coloniale, con molto turismo, ma comunque piacevole.
E poi, dopo aver fatto il check-in allo storico hotel Casa del Balam, sono andato subito al Mercato Lucas de Galvéz, con l'obiettivo non solo di visitarlo ma anche di mangiare qualcosa tra le sue bancarelle.
Una volta a Mérida, ero molto interessato a visitare il Grande Museo del Mondo Maya; ma purtroppo era chiuso. E così, ho finito per rimanere nella zona della Cattedrale di Mérida, dopo aver colto l'occasione per visitare il semplice Museo d'Arte Fernando García Ponte, dove erano esposte alcune opere d'arte contemporanea, in particolare dipinti. Nel tardo pomeriggio, ho camminato lungo la famosa Avenida Paseo de Montejo, con le sue case monumentali, fino all'iconico Monumento alla Patria.

Pernottamento : Hotel Casa del Balam , nel centro di Mérida.

La piramide di Chichén Itzá

Giorno 8: sito archeologico di Mayapán, cenote di Nah Yah e Acanceh
Giornata trascorsa fuori città, su un circuito che mi ha portato alle rovine di Mayapán e ad altri tre cenote nella regione. Sono fuggito dalla Hacienda Mucuyché commerciale – che ha un bellissimo cenote – e ho optato per cenote altrettanto belli, gestiti dalle comunità locali. Erano il cenote Yaal Utzil, a Mucuyché; il cenote Nah Yah (sicuramente uno dei più caratteristici e spettacolari di questo itinerario del tour in Messico) e il vicino cenote Suem.

Una volta terminato il percorso dei cenotes, era ora di dirigersi ad Acanceh per il pranzo e dare un'occhiata alle piramidi attorno alle quali si sviluppò il nucleo urbano della città. Di ritorno a Mérida, è tempo di godersi un vivace sabato pomeriggio, con tanta gente per strada e musica ad ogni angolo; e una cena in “Plaza Grande”. Tutto sommato, valeva davvero la pena includere questa gita di un giorno da Mérida nel mio itinerario dello Yucatan.

Pernottamento : Hotel Casa del Balam , nel centro di Mérida.

Giorno 9: Giorno di riposo
Dopo più di una settimana ad alto ritmo, ho scelto di rimanere questo giorno a Mérida per rilassarmi. Era domenica, ero in un ottimo hotel (con piscina!) ad un prezzo incredibile, ed ero fisicamente un pò stanco. Ho fatto ancora qualche giro intorno a Mérida nelle ore più fresche, ma in pratica è stata una giornata per ricaricare le batterie.

Pernottamento : Hotel Casa del Balam , nel centro di Mérida.

Giorno 10: Rovine di Uxmal (UNESCO) e Ezdná
Al mattino presto, ho lasciato Mérida diretto al complesso archeologico di Uxmal, per visitare una delle rovine Maya della lista del Patrimonio Mondiale che non avevo ancora visto. E ancora una volta, avevo le rovine praticamente tutte per me (arrivare molto presto aiuta sempre!).

Nel mio piano originale, l'itinerario per un viaggio attraverso il Messico dovrebbe poi portarmi alla scoperta delle bellissime rovine di Ruta Puuc, note per la loro decorazione più espansiva. Stavo per organizzare due giorni alle rovine, ma a Uxmal sono stato informato che sfortunatamente erano tutte chiuse ed è stato un peccato.
Delusione a parte, mi sono quindi recato a Campeche, capitale dell'omonimo stato, il cui centro storico è protetto dall'UNESCO, e dove ho trascorso il pomeriggio in missione di ricognizione.

Pernottamento : Hotel H177 , nel centro di Campeche.

Mare di Campeche

Giorno 11: Campeche (UNESCO)
Giornata interamente dedicata alla scoperta del centro di Campeche. Ho visitato il Mercato Comunale; il Museo dell'Architettura Maya; Ho attraversato la Porta della Terra e la Porta del Mare; Ho vagato per le strade incredibilmente fotogeniche della città; ho calpestato il malecon; Ho avuto una conversazione con gente del posto come il signor Ramón; Mi sono lasciato andare sulle spianate di Calle 59 assorbendo l'atmosfera magica di Campeche. Non mancano le cose da fare a Campeche, una delle città più sorprendenti che ho visitato durante questo itinerario. Non mi aspettavo che Campeche mi piacesse così tanto!

Pernottamento : Hotel H177 , nel centro di Campeche.

Giorno 12: Palizada
Un altro dei Magic Pueblos della penisola dello Yucatan. Sono partito da Campeche molto presto al mattino, per un viaggio durato più di cinque ore. Palizada è un paesino che mi piace, di quelli dove dopo un paio d'ore tutti sanno che uno straniero sta passeggiando per le loro strade. Detto questo, non è un paese che ritengo essenziale includere in un itinerario di viaggio in Messico, a meno che non ti piacciano luoghi remoti (come me!) o non abbia un particolare interesse a visitare i Magic Pueblos del Messico.

Pernottamento : Casa Diaz, a Palizada.

Giorno 13: Rovine di Palenque (Chiapas)
Ancora una volta, la giornata è iniziata molto presto. Ho lasciato Palizada intorno alle 7:00 per arrivare a El Panchán, situato alle porte delle incredibili rovine di Palenque, prima di qualsiasi autobus turistico.
Dopo le rovine, ho fatto una breve passeggiata nella giungla, lungo un sentiero chiamato Sendero Motiepá. Il resto della giornata è stato trascorso assorbendo l'atmosfera hippie di El Panchán.

Pernottamento : Hotel Cabañas Margarita & Ed, a El Panchán, vicino all'ingresso del complesso archeologico.

Giorno 14: Visita Calakmul
Essendo la giornata con il maggior numero di ore di guida dell'intero viaggio, mi sono alzato anche prima del solito. Purtroppo, uscendo da Palenque, sono stato colto da una protesta di tassisti che hanno bloccato quasi completamente le strade della città, ho sprecato almeno un'ora cercando di uscire di lì. L'idea era quella di dirigersi direttamente al complesso archeologico di Calakmul, a più di cinque ore di distanza.
Con una sosta per il pranzo in un ristorante lungo la strada, sono arrivato a Calakmul quasi alle 14:00, ancora in tempo per visitare queste rovine protette dall'UNESCO. E sono davvero magnifico!
Non appena ho lasciato il complesso, ho fatto di nuovo i 60 chilometri fino alla strada principale e sono andato a El Xpujil, dove ho pernottato.

Pernottamento : Hotel Chaac Calakmul , un hotel semplice con una posizione conveniente a El Xpujil.

Spiaggia nella riviera maya

Giorno 15: Rovine del “Corridoio Archeologico” e Bacalar
Giornata per tornare sulla costa della penisola dello Yucatan per esplorare con calma le bellezze della Riviera Maya e tuffarsi in altri cenotes. Sulla strada per Bacalar, però, ho colto l'occasione per visitare le rovine del cosiddetto Corridoio Archeologico, composto dalle rovine di Kohunlich, Dzibanché e Kinichná.
Poi sono andato a Bacalar, fermandomi alle terme di Sac-Ha per un tuffo e un primo scorcio della “laguna dei sette colori”. Il tardo pomeriggio è stato trascorso a Bacalar, visitando il forte ed esplorando il villaggio.

Pernottamento : Hotel Casa Lima , ottimo albergo nel centro di Bacalar.

Giorno 16: Bacalar
Di buon mattino, mi sono diretto al cosiddetto Cenote Azul, una laguna circolare indipendente dalla Lagoa de Bacalar, solo per fotografare. L'idea era, infatti, di trascorrere la mattinata in laguna, ma in un luogo chiamato Cocalitos, considerato un santuario per le stromatoliti, esseri viventi microscopici che crescono al ritmo di un centimetro ogni 30 anni. Si ritiene che queste “pietre che respirano” siano stati i primi esseri viventi a rilasciare ossigeno al pianeta.

Il pomeriggio è stato trascorso nel fantastico hotel dove ho soggiornato, al riparo dal caldo; prima di ripartire e respirare la semplice atmosfera di Bacalar.

Pernottamento : Hotel Casa Lima , a Bacalar.

Giorno 17: Riserva della Biosfera di Sian Ka'an (UNESCO) e Tulum
Ho lasciato Bacalar con l'obiettivo di visitare le piccole rovine di Muyil ed entrare per la prima volta nella Riserva della Biosfera di Sian Ka'an, che l'UNESCO classifica come Patrimonio dell'Umanità. Dopo le rovine, ho fatto un breve ma bellissimo giro all'interno della riserva, ma ho scelto di non fare nessuna gita in barca alle lagune; perché in seguito bisognerebbe rientrare nel parco naturale da un'altra posizione.
Dopodiché, ho proseguito per Tulum, andando dritto alla cosiddetta Zona degli Hotel. Purtroppo la regione è totalmente orientata al turismo, con la particolarità che la maggior parte delle spiagge sono ad uso privato degli ospiti dell'hotel. Detto questo, sono andato in una spiaggia pubblica e mi sono preso il tempo per visitare il negozio Bazaar IK nell'affascinante hotel Azulik, con la promessa di tornare il giorno successivo per visitare la galleria. Per concludere la giornata, devo citare un'ottima cena al ristorante Poók Chuúk (incredibilmente vuoto e poco conosciuto).

Pernottamento : Hotel Los Arcos , a Tulum.

Giorno 18: Rovine di Tulum e Cenote Nohoch
Al mattino mi sono diretto alle rovine di Tulum, ma non abbastanza presto per evitare di torvare la folla dei turisti. Per quanto riguarda le rovine, non sono davvero spettacolari, ma la loro posizione, su una scarpata che si affaccia sul Mar dei Caraibi, le rende uniche tra le rovine Maya esistenti nella penisola dello Yucatan .

In seguito, avevo intenzione di visitare il cenote Dos Ojos, ma quando sono arrivato mi sono reso conto che il cenote era eccessivamente commercializzato (costoso e con molti gruppi organizzati), il che mi ha portato a fare retromarcia, guardare la mappa e scegliere un cenote sconosciuto nelle vicinanze. Era la cosa migliore che avrei potuto fare. È così che ho scoperto l'incredibile cenote Nohoch, dove ho trascorso diverse ore facendo il bagno, riposando sull'amaca e facendo una passeggiata attraverso le grotte del sistema fluviale sotterraneo. Assolutamente memorabile.

Per concludere in bellezza la giornata, ho visitato anche la straordinaria galleria Sfer Ik, un capolavoro di architettura organica che ricorda le opere di César Manrique a Lanzarote. Imperdibile!

Pernottamento : Hotel Los Arcos, a Tulum.

Rovine di Tulum

Giorno 19: Punta Allen Dopo aver fatto colazione in un baracchino, ho preso la macchina per percorrere i poco più di 50 km che separano Tulum da Punta Allen. La strada era così brutta che il viaggio durò circa tre ore. Una volta a Punta Allen, un piccolo paradiso perduto alla fine del mondo, era ora di passeggiare per il villaggio, parlare con la gente del posto, fare un tuffo e rilassarsi. E ancora guardare il tramonto in un molo circondato da mangrovie. Stavo entrando in quel ritmo tranquillo tipico dei piccoli posti…ed è stato davvero bello.

Pernottamento : Villas Roseliz, a Punta Allen.

Giorno 20: Riserva della Biosfera di Sian Ka'an Mi sono svegliato con la voglia di fare una gita in barca attraverso le mangrovie della riserva e l'area protetta dalla barriera corallina. In questo modo ho visto per la prima volta i lamantini, anche se solo fuori dall'acqua, quando mamma e piccoli sono venuti in superficie per respirare. Meglio di niente, ma quello che mi è davvero piaciuto è stato guardare queste creature dall'aspetto preistorico sott'acqua. C'è ancora tempo per fare snorkeling, vedere uccelli, delfini e tartarughe, prima di tornare sulla terraferma. Nel primo pomeriggio, e nonostante mi sentissi molto bene a Punta Allen, ho deciso di riprendere il tortuoso sentiero di ritorno a Tulum, dove ho finito per pernottare. Era una questione strategica, quindi il giorno dopo potevo arrivare prima a Cozumel.

Pernottamento : Hotel Los Arcos, a Tulum.

21 e 22: Cozumel L'ultima tappa di questo itinerario attraverso il Messico mi ha portato all'isola di Cozumel, al largo della quale, si dice, fiorisca la seconda barriera corallina più grande del pianeta. Per questo, ho lasciato Tulum la mattina verso Playa del Carmen, fermandomi ad Akumal. Mi sembrava tutto troppo pretenzioso (con la maggior parte delle spiagge privatizzate, come Tulum), anche se bellissimo posto, quindi non mi sono soffermato troppo a lungo. All'arrivo a Playa del Carmen, ho preso il traghetto per Cozumel, dove avrei trascorso gli ultimi due giorni del viaggio. Per quanto riguarda il pomeriggio, è stato dedicato alla conoscenza del villaggio principale dell'isola. Fu solo la mattina successiva che mi imbarcai in una gita in barca lungo le scogliere al largo di Cozumel, il motivo principale che mi portò sull'isola, dove vidi una moltitudine di meravigliosi pesci e coralli. Non è stato il miglior viaggio di snorkeling che ho fatto in vita mia, ma non mi pento di averlo fatto.

Pernottamento : Casa Calido, a Cozumel.

Giorno 23: Puerto Morelos e volo di ritorno Ho lasciato Cozumel su uno dei traghetti mattutini, ho preso l'auto che avevo lasciato a Playa del Carmen e sono andato a esplorare Puerto Morelos, una piccola città con un'atmosfera molto più interessante di Cancún o Playa del Carmen, e con un mare di colori incredibili. È stata una bella sorpresa! Insomma Puerto Morelos mi è piaciuto molto, e mi è sembrata un'ottima alternativa per chi vuole andare al mare nella Riviera Maya. È stato il modo di concludere magnificamente il mio viaggio in Messico! A metà pomeriggio sono andato all'aeroporto internazionale di Cancún, ho consegnato l'auto a noleggio e sono salito sul volo di ritorno. Erano le 19:30 quando l'aereo è decollato e ho salutato la penisola dello Yucatan. E' stato un viaggio magnifico in Messico e onestamente non credo che sarà l'ultima volta, anche perché c'è ancora così tanto da scoprire qui.

Mare a Bacalar

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.