Itinerario del nostro viaggio in Sud Africa

La ricchezza di un viaggio in Sudafrica è molta, la varietà di cose da vedere è unica nel suo genere e la natura è complice. Numerosi sono i parchi nazionali protetti dove ammirare le diversità naturalistiche esistenti, che a seconda del clima variano dalla savana al bush, dalle foreste al deserto.
Ecco il programma del nostro viaggio in Sudafrica per due settimane, nel caso in cui possa ispirarti …

Elefanti in Sud Africa

Marzo, Aprile, Maggio

Matura, Avventura, Coppia, On the road

2 settimane

 1000 – 2000 / 2000 – 3000 €

Primo giorno: Volo per Johannesburg, Soweto e Johannesburg.

Trasferimento dall’aeroporto all’ostello. Visita con un tour prenotato a Soweto, ex ghetto per neri costruito in tempi di apartheid e ora mega-sobborgo della capitale sudafricana. Lì visitiamo la casa-museo Nelson Mandela, Mandela House, vediamo la casa di Desmond Tutu e visitiamo l’Hector Pieterson Museum. Passiamo davanti allo Stadio Olimpico, Soccer City Stadium, ancora in costruzione, e arriviamo al centro di “Jo’burg” dove saliamo sulla terrazza panoramica del Carlton Center, chiamato “Top of Africa”, poiché è l’edificio più alto in Africa. Panoramica e ritorno in auto attraverso un centro pieno di edifici abbandonati, sembra una scena da film di zombi…

Notte a Johannesburg al Brown Sugar Backpackers.

Secondo giorno: Parco di Johannesburg-Kruger.

Raggiungi il Kruger Park, il Kruger National Park, entrando dalla Porta Numbi (a circa 400 km di distanza e circa quattro ore in auto, anche se con le fermate ce ne sono volute sei). Parecipiamo al primo safari.

Notte al campo di riposo Pretoriuskop.

Terzo giorno: Kruger Park

Intera giornata di safari. Abbiamo iniziato con un safari mattutino, alle sei. E finiamo con un safari notturno. Abbiamo visto i “big 5” e molti erbivori, in un’esperienza paragonabile a quella che facemmo anni fa in Tanzania.

Quarto giorno: Parco Kruger-Johannesburg.

Ultimo safari nel parco e ritorno a Johannesburg. Lungo la strada oltrepassiamo la Panorama Route e ci fermiamo nel punto panoramico del Blyde River Canyon, il terzo più lungo del mondo.

Notte a Johannesburg al Brown Sugar Backpackers.

Quinto giorno: Johannesburg-Città del Capo

Trasferimento all’aeroporto. Volo Johannesburg-Città del Capo. Trasferimento all’ostello. A Cape Town approfittiamo del bel tempo per scalare la Table Mountain in funivia, dove godiamo di uno dei panorami più impressionanti che abbiamo avuto la fortuna di vedere. Tramonto a Camps Bay e ritiro rapido per paura della notte delle città sudafricane.

Notte agli Ashanti Backpackers.

Sesto giorno: Città del Capo – Penisola del Capo

Escursione a Cape Peninsula, Cape Peninsula: barca da Hout Bay all’isola di Duiker per vedere i leoni marini; La strada panoramica di Chapman Peak Drive; colonia di pinguini – pinguini del Capo o pinguini sudafricani, pinguini di Jackass – vicino a Simon’s Town; Table Mountain National Park e Cape of Good Hope e Cape Point, con il suo faro. Paesaggi incredibili per raggiungere il punto più meridionale che avevamo percorso fino ad allora.
Sulla via del ritorno a Città del Capo, cammina attraverso il quartiere Bo-Kaap, una città multiculturale originariamente abitata dall’etnia Cape Malay, con case colorate e strade acciottolate. Cena a Long Street al ristorante Mama Africa, per provare carni “diverse”: abbiamo finito per mangiare kudu, springbok – la mascotte della squadra nazionale di rugby – struzzo e coccodrillo.

Notte agli Ashanti Backpackers.

Settimo giorno: Città del Capo – Hermanus

Buz bus da Città del Capo a Hermanus. Giro in kayak per vedere le balene, anche se vediamo solo un leone marino.

Notte agli Hermanus Backpackers.

Ottavo giorno: Hermanus – Gansbaai – Hermanus.

Giornata dedicata all’escursione per vedere lo squalo bianco dalla gabbia di Gansbaai. Una delle esperienze più incredibili che abbiamo mai avuto. Inoltre, sulla via del ritorno, vediamo alcune balene dal molo di Hermanus.

Notte agli Hermanus Backpackers.

Nono giorno: Hermanus – George – Oudtshoorn

L’ultima osservazione delle balene dal molo di Hermanus al mattino. Buz bus per George e bus per Oudtshoorn. La nostra intenzione era di prendere il treno Outeniqua Choo Tjoe da George a Knysna, un treno a vapore in uso in Africa, ma ha smesso di funzionare nel giugno 2009.

Notte al Paradise Backpackers a Oudtshoorn.

Decimo giorno: Oudtshoorn – George – Città del Capo

Giornata dedicata a due escursioni dopo la colazione a base di uova di struzzo, tra le altre cose. La prima escursione è alla Grotta del Cango … la seconda è quella di una fattoria di struzzi dove ci spiegano di più su questi animali e persino li possiamo cavalcare. Dalla fattoria torniamo a Oudtshoorn, da lì a George e da George in Buz autobus a Città del Capo.

Notte agli Ashanti Backpackers.

Undicesimo giorno: Città del Capo e dintorni.

Giornata dedicata a un’escursione attraverso le cantine della regione che non ci piacciono affatto: c’è solo la degustazione, in cui non ci viene insegnato a degustare il vino ma solo provarlo, niente per visitare le cantine stesse o una spiegazione sul processo di produzione, la storia e la cultura del vino nella zona, che alla fine era ciò che ci interessava. Una giornata persa.

Dodicesimo giorno: Città del Capo – Johannesburg

L’intenzione era quella di andare a Robben Island: subito dopo aver acquistato il biglietto ci dicono che, a causa del vento, le barche non partono. Siamo riusciti a recuperare i soldi ma ci è rimasto il desiderio di vedere l’isola in cui Mandela è stata imprigionato nei periodi dell’apartheid. L’isola è dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. In alternativa, facciamo una passeggiata al Castello di Buona Speranza, l’edificio più antico del Sud Africa, con le sue sale, i sotterranei, le stanze delle torture e le stanze del governatore. Alle dodici c’è anche una piccola cerimonia storica, con un colpo di cannone incluso. Poi abbiamo attraversato il mercatino di Greenmarket Square, che non ci sembra tanto bello – secondo la guida era spettacolare e c’erano prodotti provenienti da tutta l’Africa ma non abbiamo trovato quasi nulla. Volo per Johannesburg.

Notte all’ostello Brown Sugar Backpackers.

Tredicesimo giorno: Johannesburg – Limpopo

Questo giorno ed il prossimo sono dedicati a un’escursione nel nord del paese, nella provincia di Limpopo. Un’escursione che è stata un fallimento. La nostra guida non poteva andare perché sua figlia aveva preso l’influenza ed è stata sostituita da un autista che non conosceva la strada, ha sempre superato i limiti di velocità, non aveva mappe – dovette corrompere alcuni poliziotti quando lo fermavano – e di notte si era ubriacato. Inoltre, il 4 × 4 in cui dovevamo andare ha subito un tentativo di rapina, hanno rotto una finestra. E la Loggia, in cui eravamo soli, non era lussuosa come pensavamo ed era una Loggia di caccia piuttosto che dedicata ai safari…
In ogni caso, vediamo l’allevamento di coccodrilli Thaba Kwena. Attraversiamo la capitale del Limpopo: Polokwane, Fredericksburg in Afrikaans, attraversiamo il Tropico di Capricorno in auto per la prima volta e arriviamo al lodge per fare i nostri safari. Danza della cultura della benda (che è stata anche un’esperienza rara e lunga da raccontare).

Notte al Lodge.

Quattordicesimo giorno: Limpopo – Johannesburg

Visite culturali in diversi villaggi con cooperative di artigiani di tessuti stampati, sculture in legno, ecc. Ma è sabato, sono aperti solo a noi e più per vendere che per spiegarcelo. Vedremo quindi un’area con piantagioni di tè e i siti più sacri della cultura Venda: la cascata di Phiphidi, il lago Fundudzi e la foresta Thathe Vondo o “foresta sacra”.

Notte all’Intercontinental Johannesburg O.R. Aeroporto di Tambo

Quindicesimo giorno: Ritorno a casa

Visita al parco divertimenti Gold Reef City e alla sua impressionante miniera d’oro in disuso e al Museo dell’Apartheid, Apartheid Mueum. Molto interessante per riflettere sulle barbarie di cui l’essere umano è capace. Volo di ritorno da Johannesburg.

Table Bay Harbour Sud Africa
Savana Sud Africa
Tramonto sul mare
Grotte calcaree in Sud africa
Zebra nella savana
Porto di Città del Capo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *