2 settimane in Brasile

Il più grande paese dell’America Latina, il Brasile copre circa la metà del Sud America. È un paese con una diversità impressionante tra le sue spiagge idilliache, la sua lussureggiante Amazzonia e il suo grande patrimonio coloniale.
Con così tante gemme da scoprire, le opzioni di viaggio in Brasile sono abbondanti e può essere abbastanza difficile mettere insieme un itinerario. Oltre alle lunghe distanze, ogni regione offre un panorama molto diverso e richiede diversi giorni per visitarla bene. Non puoi scoprire il Brasile correndo, ma è possibile scoprirne il massimo quando hai poco tempo a disposizione!
Ecco il mio itinerario suggerito per 2 settimane in Brasile alla scoperta della mitica Rio, delle cascate dell’Iguaçu, dell’Amazzonia e infine della costa brasiliana per goderne le spiagge e il suo fascino coloniale.

Rio De Janeiro

Tutto l’anno

Mare, Natura, Cultura

2 settimane

1000 – 3000 €

1 tappa: Rio de Janeiro (3-4 giorni)
La seconda città più popolosa del Brasile, Rio de Janeiro è una grande città affascinante con molto da offrire. I tre o quattro giorni a Rio saranno sicuramente molto impegnativi!
Puoi iniziare il tuo itinerario dal lato storico di Rio, con il Teatro Comunale e gli altri splendidi edifici di Cinelandia, la Cattedrale Metropolitana con la sua architettura unica e gli Archi di Lapa, acquedotti costruiti nel 18° secolo. A soli 5 minuti a piedi troverete anche le famose e colorate scale Selaron.
Inoltre, non perdetevi l’arrampicata sulla cima del Corcovado, situata nella foresta di Tijuca, per vedere il Cristo Redentore, monumento eletto 7a nuova meraviglia del mondo. Da lì, la vista dei dintorni è mozzafiato, tra le spiagge, le verdi colline e l’intera baia di Guanabara costellata di isole. Sulla via del ritorno, dirigiti al Parc Lage per una pausa caffè nel grazioso edificio d’epoca circondato da freschi giardini.
Merita una visita anche il giardino botanico. Dichiarata Riserva della Biosfera, è senza dubbio una delle più belle al mondo con i suoi 140 ettari di natura che contengono 6.000 specie di piante, oltre a uccelli esotici, scimmie e tucani. Da lì, puoi prendere la funivia fino al Pan di Zucchero, un altro punto panoramico imperdibile della città.
Imperdibile, ovviamente, una gita alle spiagge di Copacabana, una delle più famose al mondo, e di Ipanema, resa famosa dal brano “La fille d’Ipanema”. Questa potrebbe essere un’opportunità per partecipare a una partita di pallavolo o di calcio! A proposito di calcio, i tifosi non mancheranno di fare una gita al mitico Stadio Maracana.
Per un drink serale o semplicemente per una passeggiata, puoi dirigerti verso il quartiere bohémien di Santa Teresa con le sue strade lastricate, i negozi, i caffè e la vista sulla baia di Rio, il quartiere trendy e più chic di Leblon, o Botafogo, il nuovo quartiere alla moda.
E dopo tutto questo programma, se hai ancora tempo libero, puoi fare un giro in barca attraverso la Baia di Guanabara: Isola del Governatore, Fundao e Isola dei Serpenti o andare direttamente all’Isola di Guanabara con Paqueta.

2 tappa: San Paolo (1-2 giorni)
La più grande città del Sud America, San Paolo è la capitale economica del Brasile. Non ha lo stesso fascino rilassato di Rio, ma è una città grande e vivace che ha anche molto da offrire tra i suoi spazi verdi e la vivace scena culturale.
Puoi passeggiare lungo la famosa Avenida Paulista, che collega il centro storico al quartiere degli affari. Ci sono gallerie, bar, caffè, ristoranti, librerie e soprattutto il Museo d’Arte di San Paolo (MASP), riconosciuto in tutto il mondo per la sua impressionante collezione di 80.000 opere che vanno dall’antichità all’arte contemporanea.
Fai anche una gita al Mercato Municipale, un bellissimo mercato in stile art déco che è un vero paradiso per i buongustai. Si possono anche assaggiare alcune specialità: il pastel de bacalhau, una specie di torta di merluzzo grattugiato, o anche la feijoada, un piatto di carne di maiale e fagioli, tradizionalmente servito il mercoledì a San Paolo. Delizioso!
Prosegui poi per la Cattedrale di San Paolo, chiamata anche Cattedrale di Sé, che non è altro che uno dei cinque edifici religiosi più grandi del mondo! È un edificio in stile neogotico che contiene più di 800 tonnellate di marmo, con una bellissima cripta e uno dei più grandi organi dell’America Latina.
Per una piacevole passeggiata, non perdetevi il Parco Ibirapuera, un’enorme oasi verde di 158 ettari, che è uno dei più grandi parchi urbani dell’America Latina. Ospita il Planetario, il Museo d’Arte Contemporanea e il Museo Afro-Brasile.

3 tappa: Cascate dell’Iguazú (2 giorni)
Oggi è la tanto attesa scoperta di Iguaçu: larga il doppio delle cascate del Niagara, è il più grande insieme di cascate del mondo. Una vera forza della natura!
È un parco nazionale diviso tra lo stato di Parana in Brasile e lo stato di Misiones in Argentina e ti esorto davvero a visitare entrambi i lati per vedere le cascate da un’angolazione diversa. Su entrambi i lati troverete bellissimi sentieri escursionistici.
L’ideale è programmare almeno 2 giorni nell’itinerario per visitare Iguaçu: almeno un giorno sul versante argentino che ha la maggior parte delle cascate, e mezza giornata sul versante brasiliano.
Dal lato argentino, prendi il treno della giungla. Parte ogni mezz’ora dal centro visitatori per andare alla stazione delle Cataratte e poi alla stazione della Gola del Diavolo (Garganta del Diablo) che è l’attrazione principale da cui si può ottenere un magnifico punto panoramico sul sito.
Puoi anche prendere il Macuco Trail attraverso la foresta pluviale che porta alle cascate di Arrechea. È possibile nuotare dietro la cascata!

Sono inoltre presenti 5 sentieri principali segnalati e asfaltati:
– Circuito superiore : un’escursione abbastanza breve verso splendidi punti panoramici sopra le cascate
– Circuito inferiore : una passeggiata più lunga ai piedi delle cascate, dove si possono vedere il Salto Bossetti e il Dos Hermanas . Da lì puoi prendere il traghetto per l’ isola di San Martin .
– Isola di San Martin : questa è un’isola che può essere raggiunta solo in traghetto (gratuito, opera dalle 10:00 alle 13:00). Ci sono due principali torri di avvistamento su lati diversi delle cascate e molti uccelli.
– Sul lato brasiliano , la vista della Gola del Diavolo e del resto del sito è sublime perché hai davvero una panoramica di Iguazu ! Prendi l’autobus (passa ogni 10 min) che va a Trilha das Cataratas e prendi il sentiero che porta dietro le cascate .

Ci sono due momenti particolarmente interessanti: quando passi sotto le cascate in fondo alla passerella e quando prendi (hai la scelta, ma te lo consiglio!) l’ascensore panoramico in vetro per seguire le cascate in altezza.
Cosa portare a Iguazu: non dimenticare un impermeabile o un poncho antipioggia e una buona protezione per la tua macchina fotografica perché ti bagnerai, questo è certo! Prendi anche il tuo costume da bagno e porta un asciugamano, sarà molto utile. Infine troverete cibo in loco ma è costoso, vi consiglio di portare snack e acqua.

Cascate di Iguaçu

4 tappa: Scoperta dell’Amazzonia (3 giorni)
Al mattino, volo da Iguazu a Manaus. Prova a stare dal lato del finestrino per ammirare il panorama dell’Amazzonia: un mare di foresta verde, attraversato da una rete di fiumi argentati.
Ci sono diversi ecolodge nella giungla che organizzano soggiorni che di solito vanno dai due ai cinque giorni a seconda dei tuoi interessi e del tempo che hai a disposizione, ma in tre giorni in Amazzonia avrai il tempo di vivere una bella immersione.
Scoprirete il Parco Nazionale Jau, che è la più grande foresta tropicale protetta del Sud America (23.000 kmq) e una delle regioni più ricche di biodiversità del mondo.
Le attività sono numerose: escursione notturna per osservare i caimani, fare escursioni attraverso i sentieri della giungla, ammirare gli uccelli esotici e le scimmie che si divertono a saltare da un albero all’altro, andare in canoa attraverso foreste allagate, pescare piranha o visitare comunità locali, come i Tiririca, alla scoperta delle loro tradizioni e del loro modo di vivere.

5 tappa: Salvador de Bahia (2 giorni)
Al mattino, continua il tuo percorso verso Salvador de Bahia. Città fondata nel XVI secolo come porto per l’esportazione di canna da zucchero e caffè nel vecchio continente, è oggi una città con un’architettura coloniale magnificamente conservata e un importante patrimonio afro-brasiliano.
Da non perdere la Bahia de Todos Os Santos (Baia di Tutti i Santi), che è la baia più grande del Brasile e la seconda più grande del mondo! Per una vista mozzafiato sulla baia, prendi l’ascensore Lacerda. Fatto sorprendente: costruito nel 1873, è stato il primo ascensore pubblico al mondo.
Passeggia per Pelourinho, il cuore della città che è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, con i suoi graziosi edifici colorati, le stradine e le piazzette.
Sarebbe un peccato lasciare Salvador de Bahia senza partecipare a una dimostrazione di capoeira, perché è nata qui! E’ infatti uno dei grandi pilastri culturali della regione e vi imbatterete inevitabilmente in ballerini durante una serata nel centro storico. Puoi anche prendere una lezione per provare!

6 tappa: Praia do Forte (3 giorni)
A soli 70 km da Bahia, Praia do Forte è un altro must da vedere in un viaggio di 2 settimane in Brasile!
È un villaggio di pescatori con le sue graziose barche colorate e la sua chiesa in riva al mare, circondato da lunghi chilometri di spiagge con piscine naturali. Le migliori piscine naturali si trovano a Papa Gente Beach e Lord Beach.
Per sfruttare al meglio la costa non mancano le attività: snorkeling, pesca, gite in barca, kayak, ecc.
Puoi anche visitare il Forte Garcia d’Avila (1556), che è l’ unica costruzione feudale in America Latina e la Riserva Naturale di Sapirang, un’area protetta con sentieri escursionistici, fiumi e cascate.

Scorcio di Salvador de Bahia

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.