Un fine settimana a Dublino

Diciamo sempre che amiamo viaggiare in Irlanda per i suoi paesaggi e la sua natura. Ma l’Irlanda è anche le sue città e soprattutto la sua capitale: Dublino. Molti giovani, sorridenti, orgogliosi del loro paese ma aperti al mondo, all’atmosfera dei pub, alla musica irlandese e a tutti i tipi che invadono la strada, la storia, la cultura … tutto ciò la rende una bella città, sebbene non ci siano pecore al pascolo.

Statua di Molly Malone

Tutto l’anno

Coppia, Con bambini, Città, Cultura

3 giorni

0 – 500 / 500 – 1000 €

PRIMO GIORNO:
Se dovessi entrare in un unico posto a Dublino questo dovrebbe essere il Trinity College. L’università più prestigiosa del paese, con i suoi 16 ettari di giardini, cortili lastricati ed edifici neoclassici, è assolutamente da vedere. I suoi tesori più preziosi si trovano all’interno di uno di questi edifici. In particolare, in cui è ospitata la Vecchia Biblioteca universitaria, con oltre 200.000 volumi di valore incalcolabile. Solo per ammirare alcune pagine del Libro di Kells con le sue miniature e incontrare i 65 m della Sala Lunga vale la pena viaggiare a Dublino.
Tra tutti i musei che abbiamo visitato a Dublino, il nostro preferito era il museo archeologico: il Museo Nazionale d’Irlanda. Qui, nel “tesoro”, sono conservati i più famosi gioielli archeologici dell’Irlanda, come la spilla di Tara e il calice di Ardagh.
Se sei appassionato di pittura, puoi anche fermarti alla National Gallery, dove ci sono dipinti irlandesi a un Caravaggio e interessanti sono le mostre temporanee.
Se il tuo primo giorno è un giovedì come nel nostro caso, il museo aprirà fino alle 20:00, in caso contrario, dovrai scegliere tra questo e il sito archeologico.
Merrion Square, una delle più belle piazze georgiane della città, è molto vicina ai due musei. In un angolo del grande giardino che occupa la sua parte centrale, c’è una scultura dedicata a uno dei più famosi scrittori irlandesi di tutti i tempi: Oscar Wilde. È rappresentato sdraiato e con uno sguardo malizioso, come potrebbe essere altrimenti.
Grafton Street è una delle strade più conosciute e commerciali del centro di Dublino. Puoi fermarti per un po ‘ad ascoltare i musicisti di strada che di solito “lo occupano”: i cosiddetti artisti di strada.
Ritornando in Grafton Street, arriviamo a quella che forse è la statua più famosa di Dublino: quella di Molly Malone.
Non è chiaro se questa pescatrice di Dublino del XVII secolo esistesse davvero, ma la canzone che fu composta in suo onore nel XIX secolo è diventata l’inno non ufficiale di Dublino e di tutta l’Irlanda. Se non l’hai ancora fatto, devi ascoltare la canzone Molly Malone. Sì, quello che inizia con “Nella bella città di Dublino” e in cui Molly, mentre tira il suo carretto, grida “Cardi e cozze, vivi, vivi, oh!”.
Attraversando il fiume Liffey dal ponte O’Connell e dopo aver “salutato” la statua dedicata al liberatore irlandese, arriviamo alla strada che prende il nome, un altro dei posti più commerciali della città.
Lì, ciò che spicca di più è il Monumento alla Luce – memoriale della luce -, molto meglio conosciuto come The Spire – l’ago. È una scultura in acciaio inossidabile a forma di cono molto alta, con più di tre metri di base e circa 15 centimetri sulla punta. A 119 metri di altezza, The Spire è considerata la scultura più alta del mondo.
L’Ha’penny Bridge, un elegante ponte pedonale in ghisa dei primi anni del XIX secolo, è una delle icone di Dublino. È noto come un “ponte di mezzo penny” perché quello era il pedaggio incaricato di attraversarlo quando fu costruito.
Attraversando il ponte Ha’penny raggiungerai il Temple Bar, la zona pub più famosa di Dublino e forse in tutto il mondo. I pub qui sono piuttosto turistici, ma è per questo che è ancora un palcoscenico da non perdere.

SECONDO GIORNO:
La Cattedrale di San Patrizio, la chiesa più grande d’Irlanda, è un altro di quei luoghi che devi vedere a Dublino per obbligo. La tomba di Jonathan Swift – decano della cattedrale nel XVIII secolo – all’interno o nel pozzo di San Patrizio – dove avrebbe battezzato i capi celtici.
Accanto a San Patrizio si trova uno degli angoli più belli e meno conosciuti di Dublino: la Marsh’s Library. Una biblioteca con tre secoli di storia e che è rimasta quasi intatta, con i suoi 25.000 volumi e mensole in rovere.
Dopo San Patrizio, l’altra cattedrale di Dublino: Christ Church. Oltre a passeggiare tra le sue maestose navate, vale la pena scendere nella sua enorme cripta, parte della chiesa vichinga originale. Una curiosità: nella cripta troverai un gatto e un ratto mummificati, chiamati “Tom e Jerry”. Sono stati intrappolati in una canna d’organo nel 19° secolo e si sono mantenuti bene.
A Dublino ci sono due cattedrali: quella di San Patrizio e la Christ Church, entrambe appartenenti alla Chiesa d’Irlanda, di confessione anglicana. La prima è considerata la “cattedrale nazionale” dell’Irlanda, ma non ha vescovi. La sede storica dell’arcivescovado di Dublino è la Christ Church.
I cattolici, soprattutto in Irlanda, non hanno una cattedrale a Dublino, poiché la Christ Church ha quel titolo in città sin dal Medioevo, prima della separazione delle due confessioni. La principale chiesa e sede cattolica dell’arcidiocesi di Dublino è la “cattedrale” di Santa Maria.
L’unica chiesa medievale attiva a Dublino è la St. Audoen Church of Ireland, un’altra chiesa anglicana – da non confondere con la chiesa cattolica di St. Audoen del XIX secolo che si trova proprio accanto. La visita è interessante, ma è la più sacrificabile delle tre chiese e l’unica che non ha l’ingresso incluso nel Dublin Pass.
Dietro St. Audoen puoi vedere un pezzo delle mura medievali di Dublino con una delle sue porte.
Dopo tante chiese, fai una pausa culinaria. Se è sabato, può essere al vicino Market Bar Food Market – dalle 10 alle 17 c’è un piccolo mercato di produttori locali e cibo di strada. Se stai cercando un altro mercato durante la settimana, c’è il St. Arcade Market di George. Anche se in realtà è piuttosto un centro commerciale con tutti i tipi di negozi e anche una “food court”.
Dopo aver attraversato il fiume Liffey e passato davanti all’imponente tribunale georgiano Four Courts, arriviamo al quartiere di Smithfield. Lì, oltre alla Smithfield Plaza, con la sua architettura e i suoi bar contemporanei, la “grande attrazione” è la Jameson Distillery, la visita alla distilleria di whisky Jameson.
È vero che la visita è inclusa nel Dublin Pass quindi, se ce l’hai, non ti costa nulla entrare – in caso contrario, è di € 20 -. Tuttavia, riteniamo che non valga la pena visitarlo. È vero che non beviamo, ma la spiegazione è molto breve, non si vede nulla del processo di produzione e quasi nulla viene appreso durante la degustazione. È stata l’unica delusione del nostro tempo a Dublino

TERZO GIORNO:
St. Stephen’s Green, alla fine di Grafton Street, è uno dei parchi più belli di Dublino con il suo lago e l’aspetto bucolico. Sebbene in passato fosse uno degli scenari più noti dell’insurrezione pasquale – ci sono poster che lo ricordano in tutto il parco.
Il parco fu privato fino a quando, nel XIX secolo, fu aperto al pubblico grazie alla famiglia Guinness che lo riformò.
La prigione di Kilmainham, oltre ad essere un bellissimo edificio vittoriano, ha assistito ad alcuni degli episodi più significativi della storia della moderna Irlanda. È qui che gli inglesi imprigionarono e giustiziarono molti dei prigionieri politici responsabili delle ribellioni che avrebbero portato all’indipendenza del paese.
Se la visita a Jameson ci ha deluso, quella che abbiamo fatto al Guinness Storehouse è piaciuta anche se non ci piace la birra.
Nei suoi sette stabilimenti, scopriamo di più sul processo di produzione, sui suoi ingredienti, sulla storia dell’azienda e sulla sua pubblicità.
Se hai ancora un giorno, ti consigliamo altre due visite: l’escursione nella vicina città di Howth e l’area Docklands con il Museo EPIC. Dato che impiegano un po’ più di tempo, ti consigliamo di effettuare queste visite il secondo o il terzo giorno del viaggio, che sono intere, e continuano a lasciare St. Stephen’s Park, il carcere di Kilmainham e il Guinness Storehouse per l’ultimo giorno.

Prigione in Irlanda
Prateria irlandese
Scorcio a Dublino
Il famoso Temple bar di Dublino
La Cattedrale di Cristo
Scorcio di Dublino

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.