Parigi, 3 giorni d’arte nella capitale francese

Parigi è una delle mie città preferite! Sono così innamorata dei suoi musei, della cucina francese e dell’atmosfera ha la città. Questo è un piccolo diario di viaggio con le cose che ho fatto durante i miei tre giorni a Parigi 🙂

Nike la vittoria alata

 Tutto l’anno

Cultura, Città, Enogastronomico, Da soli

3 giorni

0 – 500 €

Primo giorno – Parigi alla moda

Mi sono alzata molto presto ed ho preso l’aereo che in poco più di un’ora mi ha portato a Parigi, già alle 10 del mattino ero li ed ho avuto l’intera giornata per esplorare la città.
Era un grigio piovoso lunedì mattina e mi sentivo come l’unica persona in città. Parigi è sempre piena di turisti, ma questa volta le sue strade erano quasi vuote. Ho avuto la sensazione di aver viaggiato indietro nel tempo quando era solo la città dei parigini e di pochi viaggiatori.
Ho fatto una passeggiata dal Jardin du Luxembourg dove il mio hotel era situato verso la Senna, il Louvre e il Palais Garnier e dopo sono andata all’Opéra Garnier e ho continuato a camminare per il quartiere.
Sono passata accanto al primo negozio di Coco Chanel, uno degli appartamenti in cui abitava e un posto dove era solita venire per il suo caffè mattutino. In qualche modo, potevo quasi vedere Coco correre attraverso le stradine laterali dal suo appartamento all’ufficio con alcuni nuovi disegni di moda sotto il braccio.
È stato un giorno in cui mi sono immersa nella moda parigina. Ho fatto un pranzo delizioso in uno dei ristoranti con vista sull’Opéra Garnier. E ho deciso di trascorrere il mio pomeriggio esplorando alcuni dei famosi negozi vintage nel quartiere del Marais. Non ho mai trascorso molto tempo in quest’area ed è stata una piacevole sorpresa per me. Ho adorato le sue pittoresche strade piene di piccoli negozi, caffetterie e ristoranti carini.
C’è molta “street art” nella zona, ma questa volta non ho avuto abbastanza tempo per partecipare ad alcuni dei tour di street art, cosa che faro’ sicuramente in uno dei miei viaggi a Parigi in futuro.
Mi sono fermata poi a Marais, noto come uno dei migliori negozi vintage di Parigi, non sai mai cosa ci si può trovare: orecchini Dior o qualche altra gemma degli anni ’80. Non sono stato molto fortunata ma mi sono sicuramente divertita a visitare il posto, a guardare i vestiti e a parlare con altri acquirenti (alcune delle persone più belle che ho incontrato a Parigi).
Non stavo molto bene quel giorno, quindi sono tornata presto al mio hotel e mi sono presa una bella tazza di tè caldo e sono andata a dormire.

Secondo giorno – Parigi degli impressionisti

Quando mi sono svegliato la mattina dopo, mi sentivo molto meglio. Quindi, dopo una colazione in un ristorante vicino al mio hotel, ero di nuovo pronta per un giro turistico.
Il secondo giorno è stato riservato per saperne di più ed esplorare l’impressionismo francese a Parigi. È uno dei miei stili di pittura preferiti e sono assolutamente innamorata di quel periodo, dello stile di vita bohémien e della cultura alla fine del XIX secolo. Ho deciso di fare un giro per il quartiere di Montmartre e conoscere meglio i pittori impressionisti che abitavano e lavoravano lì. Ho incontrato la mia guida sotto la chiesa del Sacré-Coeur e siamo andati a Montmartre, dove mi ha mostrato alcuni dei luoghi importanti per il movimento impressionista di Parigi.
Quando lasciammo la zona più popolare di Montmartre alle nostre spalle, alcune strade e case sembravano ancora le stesse di fine XIX secolo. Potrei quasi immaginare le carrozze che passavano per quelle strade e la musica proveniente dai piccoli cabaret.
Il posto più speciale per me era la casa in cui Vincent e Theo van Gogh vivevano insieme, durante i due anni trascorsi a Parigi. Il quadro dipinto da Van Gogh mentre guarda attraverso la finestra di quell’appartamento è esposto nel museo dedicato a lui ad Amsterdam. Conosco così bene quel dipinto e, una volta lì, il posto mi è sembrato quasi familiare.
Dopo una breve pausa e qualche tarte tatin, ho continuato al Musée d’Orsay. Questo è il museo da visitare se vuoi vedere alcuni dei più famosi dipinti moderni. Ed è sede di una delle migliori collezioni di impressionisti a Parigi.
L’edificio in cui si trova il museo è esso stesso un’ opera d’arte, fu costruito come stazione ferroviaria alla fine del XIX secolo e successivamente convertito in museo. Ha quella fantastica combinazione di architettura industriale e una collezione d’arte moderna. E funziona davvero bene!
Ho ricevuto una raccomandazione dalla mia guida per un grazioso ristorantino vicino al Musée d’Orsay, chiamato Les Antiquires. Dopo un delizioso pranzo lì, sono andata in un altro museo con una delle migliori collezioni di dipinti degli impressionisti a Parigi – Musée Marmottan Monet.
L’ho visitato qualche anno fa durante un viaggio studentesco con la mia Università. E volevo tornare da allora. Questo è uno dei miei musei preferiti a Parigi. Ha una bellissima collezione di una delle migliori impressioniste femminili – Berthe Morisot e la più grande collezione di opere di Claude Monet. Non è un museo affollato, quindi c’è molto spazio per godersi alcuni dei capolavori dell’impressionismo in pace e tranquillità.
Mi chiedo sempre perché tutti si affrettano a vedere la Gioconda quando sono a Parigi, mentre ci sono molti bellissimi musei in città, come questo.
Dopo questa visita a Parigi, sono ancora più innamorata dell’impressionismo.

Terzo giorno – Parigi modernista

Il mio ultimo giorno a Parigi è iniziato con una delle migliori colazioni e dei caffè più incredibili che abbia mai avuto in vita mia. Ho fatto colazione a Carette vicino al Trocadero. Penso di aver sicuramente trovato il mio nuovo posto preferito a Parigi.
Anche se sono già stata a Parigi altre volte , la conosco abbastanza bene come città, tuttavia, c’era una parte che mi mancava: la Parigi modernista. Ha giocato un ruolo essenziale nel modellare la città: gli ingressi della metropolitana in stile Art Nouveau e la Torre Eiffel sono solo gli esempi più famosi del tempo.
Così, ho deciso di partecipare a un tour a piedi chiamato “Modernist Architecture” intorno al 16° arrondissement, per imparare qualcosa a riguardo. Durante il tour, abbiamo visto alcuni degli edifici modernisti, e visitato la Fondazione Le Corbusier e la mostra di architettura moderna nel Palais de Chaillot. È stato così interessante per me vedere come il movimento modernista ha modellato il modo in cui viviamo oggi.
Dopo il tour e un pranzo veloce, era tempo di riprendere l’aereo per il ritorno. I miei tre giorni a Parigi sono stati dedicati all’arte, principalmente all’impressionismo e all’architettura moderna. Ho anche cercato di saperne di più su alcuni dei suoi famosi ex cittadini come Monet, Renoir, Cezanne e Coco Chanel.

Quartierino a Parigi
Veduta di Parigi
Il piazzale dell'Louvre di notte
La Torre Eiffel
Notre dame de Paris

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.