Itinerario di viaggio in Romania (11 giorni)

La Romania è un paese affascinante soprattutto fuori dalle grandi città. L’itinerario che vi propongo è di 11 giorni e si concentra sulle regioni della Transilvania (Brasov – Sighisoara – Triangolo di Sibiu) e Bucovina.
Molto è stato lasciato fuori, certo, ma questo itinerario ti consente di conoscere molto del meglio che la Romania ha da offrire e ad un ritmo equilibrato.
Mi dispiace di non essere andato nella città di Iasi, nel Delta del Danubio e nella regione dei Maramures, luoghi che, anche senza saperlo, ti consiglio vivamente di includerli nel tuo itinerario romeno, soprattutto se hai più di due settimane da dedicare al paese.

Il castello di Peles

Aprile – Ottobre

Coppia, Cultura, Città, Natura 

11 giorni

1000 – 2000 €

1° giorno: Castello di Peles

Dopo essere arrivato a Bucarest, sono andato immediatamente alla stazione ferroviaria di Bucarest Nord e ho comprato un biglietto per Sinaia. L’idea era quella di visitare il Castello di Peles, prima di proseguire per Brasov, dove avrei dormito la prima notte del mio itinerario di viaggio in Romania.
Situato ai piedi dei Monti Bucegi, il Castello di Peles è un capolavoro della cosiddetta architettura del Nuovo Rinascimento tedesco, ed è considerato da molti il ​​più spettacolare di tutti i castelli della Transilvania. Ci sono più di 160 stanze distribuite su tremila metri quadrati. È imponente, gigantesco e molto vario. Una delle grandi ricchezze di Peles è, infatti, la diversità degli stili decorativi utilizzati all’interno del palazzo, con molte divisioni ispirate alle diverse culture del pianeta. Come una stanza di ispirazione turca, per fumare un narghilè.
Dopo aver visitato il castello, mi sposto ancora verso la stazione ferroviaria di Sinaia, ma avrei dovuto aspettare quasi un’ora per il prossimo treno. Quindi ho preso un minibus per raggiungere Brasov.
Nel pomeriggio, avevo ancora tempo per un primo contatto con la bellissima area storica della città di Brasov.
Pernottamento a Brasov: Antler Boutique Hotel (meraviglioso)

2° giorno: Prejmer e Brasov

La mattina presto sono andato a visitare la chiesa fortificata di Prejmer, situata a soli 20 km da Brasov. Prejmer è uno dei villaggi meglio conservati in Transilvania ed è un sito protetto dall’UNESCO.
Questa la chiesa fortificata del villaggio è una chiesa in stile gotico con un muro circolare spesso quattro metri, incollate al quale sono costruite quasi 300 stanze in cui vivevano gli abitanti e conservavano il cibo per sopravvivere in situazioni di assedio prolungato. Un sistema di approvvigionamento considerato uno dei più ingegnosi e di successo in Transilvania.
Nel pomeriggio, ho esplorato con calma l’intera area del centro storico di Brasov (all’interno della vecchia area murata della città) e il distretto di Schei (fuori dalle mura). A questo punto, era già innamorato di Brasov.
Pernottamento a Brasov: Antler Boutique Hotel

3° giorno: Rasnov e Brasov

La mattina del terzo giorno del mio itinerario in Romania, sono andato a visitare la cittadella di Rasnov, situata a circa 20 km da Brasov. La città fortezza fu costruita come parte di un sistema di difesa per i villaggi della Transilvania esposti ai rischi di invasione straniera – alcuni dei quali facevano parte della mia tabella di marcia. Questo è anche il motivo per cui le aspettative per Rasnov erano alte, ma quello che ho trovato non mi ha sedotto.
Lo stile architettonico della cittadella è semplice, simile a quello delle case ordinarie del suo tempo, adattato per soddisfare le esigenze di fortificazione. Ciò che non mi è piaciuto è stata la sensazione di trovarmi in un posto senz’anima, spogliato di gente e pieno di negozi di souvenir.
Pernottamento a Brasov: Antler Boutique Hotel

4° giorno: Escursione a Poiana Brasov

La mattina presto sono andato a fare una passeggiata a Poiana Brasov.
Poiana Brasov è una tipica città di montagna, con rifugi dai tetti spioventi, molti dei quali realizzati in legno, frequentati principalmente dagli sciatori durante l’inverno romeno, ma nel resto dell’anno Poiana Brasov consente passeggiate relativamente facili vicino alle piste da sci.
Purtroppo è stata l’unica passeggiata naturale che ho fatto in Romania, anche perchè molte persone romene mi hanno detto la stessa cosa: “il meglio della Romania è nelle montagne, non nelle città”. È qualcosa da prendere assolutamente in considerazione nel prossimo viaggio nel Paese.
Di ritorno a Brasov, ho preso un autobus per Sighisoara, la tappa successiva del mio percorso. È una città bellissima, la cui cittadella ho avuto l’opportunità di visitare per la prima volta la sera stessa.
Pernottamento a Sighisoara: Casa Lia (genuina ospitalità)

5° giorno: Sighisoara e Biertan

Data la mancanza di mezzi pubblici da Sighisoara, visitare la chiesa fortificata di Biertan è stata una vera avventura, ciò che avrebbe potuto richiedere un paio d’ore con normale noleggio di auto è finito per impiegare più di sei ore con i mezzi pubblici.
In ogni caso, il piccolo villaggio di Biertan ha qualcosa che mi ha attratto molto. Forse i colori, le case, i tetti, l’atmosfera rurale – non so spiegare, ma mi è piacciuto molto. Poi sono tornato a Sighisoara ad esplorare di nuovo la cittadella locale.
Pernottamento a Sighisoara: Casa Lia

6° giorno: Medias e Sibiu

Ho approfittato del fatto che Medias era sulla strada tra Sighisoara e Sibiu per conoscere, seppur fugacemente, il piccolo ma piacevole villaggio. Una volta era una delle città più importanti della Transilvania – l’epicentro delle città abitate dai sassoni nella regione – e conserva ancora oggi parte delle sue mura medievali.
Ho colto l’occasione per visitare la piazza centrale di Medias, visitare la Chiesa di Santa Margherita, passeggiare per le strade del centro storico e, alla fine, sedermi su una terrazza con un bel caffè espresso. Tutto questo in meno di due ore.
Quando sono arrivato a Sibiu, verso le 14:30, faceva abbastanza caldo. Così sono rimasto nel mio piccolo appartamento per un paio d’ore, fino a quando il centro storico di Sibiu mi ha chiamato e mi sono arreso alla scoperta.
In quei giorni c’era il Festival Internazionale del Teatro e quindi la città era ancora più vivace e con un’atmosfera internazionale.
Pernottamento a Sibiu: Sibiu Residence o Smart Hostel

7° giorno: Sibiu

Mi sono svegliato molto presto per fotografare l’alba a Sibiu. La luce era magica e sentivo che l’atmosfera del mattino mi chiamava per fare delle foto spettacolari, e così è stato. Non ho visitato consapevolmente nessun museo, chiesa o altro. Ho semplicemente vagato per l’ambiente medievale del centro storico della bellissima città di Sibiu. L’ho adorato! Sibiu deve davvero far parte di qualsiasi itinerario di viaggio in Romania!
Nel pomeriggio, ho preso un autobus da Sibiu ad Alba Iulia, un villaggio di cui avevo grandi aspettative ma che che invece si è rivelato essere una delle mie più grandi delusioni in Romania.
Pernottamento ad Alba Iulia: Pensione Marylou

8° giorno: Alba Iulia

Dato che il tempo era soleggiato, ho deciso di visitare la cittadella di Alba Iulia, il principale punto di interesse nel il villaggio. Ho trovato un posto troppo ordinato (anche se pieno di opere), con poche o nessuna gente che viveva tra le sue mura. Sembrava uno di quei luoghi senz’anima, un pò come quello che della fortezza di Rasnov. In poche parole, Alba Iulia non mi ha conquistato.
Il resto del tempo, ho finito per stare in ostello a mettere giù un paio di righe sul mio itinerario. Intorno alle 19:30, ho preso il treno notturno che mi avrebbe portato a Suceava, la città principale nella regione romena della Bucovina.
Pernottamento: treno notturno

9° giorno: monasteri di Bucovina

La giornata è iniziata presto ed era piovosa, non erano ancora le 8:00 quando l’autista di Hello Bucovina apparve sulla porta dell’ostello dove alloggiavo a Suceava. Non ricordo il suo nome, ma è stato indicato come la mia “guida”. Ha spiegato l’itinerario pianificato e i quattro monasteri che visiteremo durante il giorno: Humor, Voronet, Moldovita e Sucevita.
Quando sono tornato a Suceava, il mio obiettivo principale nella regione della Bucovina era stato raggiunto e avrei potuto approfittare dell’opportunità di viaggiare di notte a Bucarest. Ma dato che la notte precedente era stata anche passata su un treno, ho deciso di dormire a Suceava e partire la mattina successiva.
Pernottamento a Suceava: Agropensiunea Ioana

10° giorno: Bucarest

Erano le 4:00 quando è scattata la sveglia. Era tempo di vestirsi, dirigersi alla fermata dell’autobus e prendere il primo trasporto pubblico per la stazione ferroviaria di Suceava. Un lungo viaggio in treno per Bucarest mi stava aspettando, dove sono arrivato la mattina tardi.
Avevo in programma di fare una passeggiata attraverso la “città vecchia” di Bucarest, a due passi dall’ostello dove ero Sono rimasto, e dè quello che ho fatto molto tranquilla, il modo perfetto per terminare il mio viaggio in Romania.

Pernottamento a Bucarest: Bread & Breakfast o Antique Hostel

11° giorno: Ritorno

Dato che il mio volo era relativamente presto e il traffico per l’aeroporto può essere complicato, ho finito per lasciare Bucarest la mattina presto e concludere così il viaggio.

Non ho visitato tutto ciò che avrei volutp in Romania, ma quelo che ho visto mi dato una bellissima idea del cuore del paese.

Monastero nella regione della Bucovina
Monastero in Bucovina
Lago nella zona montagnosa della Romania
La statua di Decebalo
Il palazzo del Parlamento a Bucarest
Il bel paese di Brasov

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *