A spasso per Barcellona, 3 giorni

Sono andata a Barcellona senza aspettative, ero così impegnata prima di partire che non mi sono preparata affatto. Avevo solo bisogno di qualche giorno di pausa e di trascorrere un po’ di tempo tranquilla con mio marito ed il mio piccolo. Quindi, il mio piano iniziale era solo prendere un po ‘di sole e gustare la cucina spagnola. Abbiamo alloggiato in un appartamento di un edificio storico nel quartiere di Dreta de l ‘Eixample. Eravamo tra Casa Batllo, Casa Mila e Sagrada Familia di Gaudì, un ottimo posto per esplorare i lavori di Gaudì, con molti edifici eleganti, ottimi ristoranti e non è lontano dal centro della città.

La Sagrada Familia

Tutto l’anno

Cultura, Città, Con bambini, Da soli, Enogastronomico

3 giorni

0 – 500 €

Primo giorno

Dopo aver fatto il check-in nel nostro appartamento, abbiamo attraversato La Rambla verso il porto di Barcellona e anche se ho sentito molte cose brutte sulla strada più famosa di Barcellona, ​​non è stato affatto male.
Forse, perché eravamo lì durante la bassa stagione e non era per niente pieno di gente.
In realtà, l’ho adorata per il mercato di La Boqueria. C’è un detto lì se non riesci a trovare qualcosa a La Boqueria, non vale la pena mangiare, per niente! Tutto il cibo sembrava così fresco, il pesce e la varietà di prodotti era incredibile. Ho adorato i frullati freschi (venduti solo per 1-2 euro) e una scatola di snack riempita con prosciutto spagnolo Jamón.
Alla fine de La Rambla c’è la statua di un uomo che ha cambiato la storia della città: Cristoforo Colombo. Ora possiamo discutere se la sua scoperta sia stata vantaggiosa per Barcellona o meno, ma è stata sicuramente importante.
Tuttavia, la sua statua segna simbolicamente l’ingresso al porto di Barcellona. È un posto meraviglioso, con un’architettura moderna e molti yacht da vedere. C’è anche un bel sentiero, quindi è un posto perfetto per una passeggiata serale.
Alla fine della giornata, abbiamo terminato con una cena in uno dei ristoranti di Barceloneta. Abbiamo mangiato delle tapas e bevuto vino rosso mentre ci godevamo la vista sul porto e sul mare.

Secondo giorno

Come per Barcellona, ​​non mi aspettavo molto dalla Sagrada Familia, la chiesa che è ancora in costruzione e circondata da gru. Ma quanto mi sbagliavo! La chiesa è meravigliosa! Non sono sicura se mi piacessero di più gli interni
o gli esterni più illuminati con statue che ovviamente ispiravano George Lucas per alcuni dei personaggi dei film di Star Wars. È un posto incredibile, senza riferimenti evidenti nell’architettura storica. Non riuscivo a smettere di chiedermi dove avesse trovato ispirazione per il suo lavoro.
La cosa più sorprendente è stata in realtà la sensazione che ho avuto all’interno. Mi sentivo come un piccolo contadino medievale in piedi in una delle cattedrali gotiche francesi, sentendo la presenza di Dio in essa.
Era come se avessi lasciato il mondo fuori ed entrassi in un luogo molto sacro. Ha sicuramente fatto una cattedrale gotica dei tempi moderni.
L’unica attività che abbiamo effettivamente programmato è stata la visita della città vecchia. Fortunatamente eravamo in un piccolo gruppo e avevamo una straordinaria guida Lowri. Era così ben informata, amichevole e ha davvero cercato di adattare il tour ai nostri interessi. Ci ha spiegato la storia di Barcellona, ​​della Catalogna e della guerra civile spagnola e ci ha anche portato ad alcune degustazioni di dolci tradizionali e spiegato le origini di alcuni personaggi divertenti che abbiamo visto al mercatino di Natale. La nostra adorabile guida ci ha dato la raccomandazione per il ristorante con un cibo eccezionale, situato nella più antica pensione di Barcellona risalente al 15° secolo.
Ho adorato tutto di quel posto, gli interni e il modo in cui hanno decorato la vecchia casa con dettagli moderni, il servizio e il fatto che sono stati così gentili con noi che avevamo un bambino. Il cibo era assolutamente
la parte migliore! È stato delizioso! È stato così bello che siamo venuti qui anche a pranzo il giorno dopo!
Nel pomeriggio siamo andati a visitare il museo di Picasso. È un antico palazzo medievale, con belle finestre eleganti e sottili pilastri. Quello che non mi è piaciuto così tanto è stata la collezione. Hanno esposto i primi lavori di Picasso e quelli molto recenti, quindi è una collezione piuttosto piccola di dipinti piuttosto sconosciuti.
I primi lavori sono interessanti perché puoi vedere un grande talento che stava già dimostrando come un giovane studente di 14 anni. Anche la “fase blu” è eccitante, così come alcuni dei suoi pezzi in ceramica dipinta della fase successiva. Il resto della collezione sarebbe interessante per i veri ammiratori di Picasso, ma per il resto suggerirei il suo museo a Parigi.

Terzo giorno

Questo è stato il giorno per Mr. Gaudi! Dato che stavamo nella zona di Dreta de l’Eixample, i suoi famosi edifici erano situati a pochi passi dal nostro appartamento.
Uno dei vantaggi di soggiornare in un quartiere dove vivono i locali è anche vivere la vita locale. Siamo andati ad un ristorante per la colazione, situato a pochi isolati dal nostro appartamento.
E abbiamo fatto colazione con i nostri vicini, ascoltando la lingua catalana e mangiando deliziosi jamón.
Queste piccole situazioni della vita di tutti i giorni, quando stai vivendo la vita locale, piuttosto che correre da una vista all’altra, sono secondo me ciò che significa viaggiare.
Dopo la Sagrada Familia, ho iniziato a incuriosirmi su Gaudi e la sua vita. Quindi, una sera prima avevo letto tutto ciò che ho trovato su Internet su di lui, il suo affetto infantile per la natura ed i riflessi nella sua architettura.
Quindi, Casa Mila (La Pedrera) e Casa Batlló erano le prossime nella nostra lista, tuttavia, le osserviamo solo dall’esterno. Entrambe le case hanno un aspetto davvero unico e sono molto diverse l’una dall’altra. Ma ciò che entrambi hanno in comune, e ciò che è stato così sorprendente per me, è che sono così diversi nella forma e nella decorazione dal resto degli edifici, ma in qualche modo, si adattano perfettamente. Potrei semplicemente sedermi di fronte a loro, guardandole per ore, scoprendo ogni singolo dettaglio e chiedendomi da dove Gaudi abbia trovato l’ispirazione per questi capolavori.
Volevamo visitare alcuni dei quartieri residenziali per avere una visione migliore della vita locale, quindi abbiamo fatto una passeggiata nella zona di Gràzia. È un luogo pieno di vita. Dato che eravamo lì sabato mattina,
molte persone sono andate al mercato o stavano prendendo un caffè con gli amici. Abbiamo trovato posto sulla terrazza di uno dei caffè li in zona, su una piccola piazza con una chiesa al centro.
L’intera area ci dava la sensazione di una città mediterranea, con facciate colorate, alberi di arance e limoni e vestiti che si asciugavano sui balconi. Quei piccoli dettagli mi hanno dato la sensazione della forte forte personalità che Barcellona ha in se, con un’arte di strada ispirata a Star Wars, decorazioni floreali Art Deco sulle facciate o bandiere catalane esposte con orgoglio su molti balconi.
Barcellona è sicuramente una città con un’anima!
Salire le scale per andare a vedere Park Guell sicuramente ci metterà in paura ma fortunatamente hanno installato anche alcune scale mobili, che sono state particolarmente divertenti per il nostro bimbo.
Dopo aver visto la chiesa di Gaudì, poi i suoi edifici residenziali, mi chiedevo quale fosse il parco che aveva creato. E non mi ha deluso! È incredibile il modo in cui ha combinato la natura con le forme dell’architettura e
la posizione del parco ha una splendida vista sulla città. L’enorme terrazza da cui è possibile vedere Barcellona e riposare un po’ sulle sue panchine decorate con piccoli pezzi di ceramica dipinta.
Adoro i parchi cittadini e ti raccontano sempre una storia sullo spirito della città e dei suoi abitanti. Con le sue decorazioni colorate, l’aria fresca e mite e un bellissimo odore di fiori, questo rappresentava sicuramente Barcellona.
Dopo pranzo, ormai nel mio ristorante preferito in città, siamo tornati nella zona della città vecchia. Era sabato pomeriggio e molte persone andavano a fare una passeggiata per la città. Molti musicisti e artisti di strada escono per le vie e noi abbiamo trascorso la nostra ultima serata in città, ascoltando musica, comprando alcune decorazioni natalizie e perdendoci nelle vecchie strade di Barcellona.

Stazione di Barcellona
Arco di trionfo di Barcellona
Il famoso Parc Guell
Dettaglio all'interno della Sagrada Familia
Centro di Barcellona

Potrebbero interessarti anche...