Cosa vedere a Zanzibar (8 giorni)

È noto che Unguja, comunemente chiamata l’isola di Zanzibar, è soprattutto una destinazione balneare. È vero che ci sono villaggi, spezie e una città molto interessante – Stone Town -, ma le principali attrazioni dell’arcipelago sono le sabbie incontaminate e le calde acque delle sue spiagge.
L’itinerario dura 8 giorni e comprende Stone Town, la regione di Jambiani e l’intera costa orientale, le famose piantagioni di spezie e persino luoghi come Nungwi e Kendwa, nell’estremo nord.

Negozi sulla spiaggia di Zanzibar

Gennaio – Marzo / Giugno – Ottobre / Dicembre

Mare, Coppia, Viaggio di Nozze

8 giorni

1000 – 2000 €

1° giorno: Stone Town

Sono atterrato all’aeroporto di Zanzibar intorno alle 4:00 del mattino e qualche ora dopo già esploravo Stone Town. Era giunto il momento di prendere un taxi per l’ostello, situato nel cuore dell’unica città principale di Zanzibar, dormire quattro ore e uscire di nuovo.
Mi sono reso conto rapidamente che c’è molto da fare a Stone Town. E così, nel primo giorno del viaggio, ho iniziato visitando Beit-el-Sahel (o il Palazzo del Sultano a Zanzibar), il Forte della Città Vecchia di pietra e l’imponente Museo della schiavitù; prima di pranzare nel famoso ristorante Lukmaan (buono ed economico).
Dopo pranzo, sono andato a prendere un caffè al Puzzle Coffee Shop, uno dei migliori caffè di Stone Town, prima di ritirarmi in una locanda per rifugiarmi dal caldo e recuperare le energia. Nel tardo pomeriggio, ho deciso di andare a mangiare nelle bancarelle installate nei giardini di Forodhani, ma è stato un errore. Dei buoni amici mi avevano consigliato questo posto ma la delusione era grande quanto le aspettative che avevo all’inizio. In altre parole, mi sono sentito nel mezzo di uno di quegli schemi per ingannare i turisti. E non mi è piaciuto!
Pernottamento a Stone Town

2° giorno: Spice Farm

Giornata dedicata alla visita di una piantagione di spezie intorno a Stone Town. Alla fine del pomeriggio, sono tornato per esplorare le strade del centro storico e sono andato a vedere il caotico Mercato Darajani, prima di assistere a un magnifico tramonto sulla spiaggia.
Nel complesso, sono stati due giorni molto interessanti alla scoperta di Stone Town. La mattina dopo, era tempo di dirigersi verso Jambiani e mettere piede su una delle spiagge più famose di Zanzibar.
Pernottamento a Stone Town

3° giorno: Jambiani

La mattina presto ho preso un trasferimento economico per Jambiani. La giornata è stata interamente dedicata all’esplorazione della spiaggia di Jambiani e all’interiorizzazione dell’espressione polepole in swahili, che significa andare adagio, lentamente.
Pernottamento a Jambiani: Mango Beach House (raccomandato)

4° giorno: Jambiani – Paje

Giorno in cui sono andato a esplorare la fascia costiera tra Jambiani e la spiaggia di Paje, godendomi le acque calde e le sabbie incredibilmente belle delle spiagge della regione. Tranquillamente, lentamente, non c’è molto altro da dire.
Pernottamento a Jambiani: Mango Beach House (mi raccomando)

5° giorno: Jambiani

Il quinto giorno di questo itinerario a Zanzibar, ho esplorato i villaggi circostanti per un periodo più lungo e sono andato a vedere la grotta di Kuza, una delle grotte sacre dell’isola. È stata un’esperienza bellissima, nonostante la pioggia che è caduta su Jambiani quella mattina.
Pernottamento a Jambiani: Mango Beach House (raccomandato)

6° giorno: Zanzibar East Coast

Utilizzando i consigli di un tassista, ho scoperto molte delle migliori spiagge di Zanzibar, indagando in particolare quelle situate sulla costa orientale dell’isola. Tra questi, le fantastiche spiagge di Dongwe, Pongwe, Kiwengwa e Matemwe. Poi, già a Nungwi, mi sono goduto una serata al mare.
Pernottamento a Nungwi: Nungwi House (raccomandato)

7° giorno: Nungwi

Colazione, spiaggia, pranzo in una taverna locale, riposo, spiaggia, tramonto, cena in terrazza, sonno. Penso di aver incarnato perfettamente lo spirito “polepole”, l’hakuna matata di Zanzibar 🙂
Pernottamento a Nungwi: Nungwi House (raccomandato)

8° giorno: Kendwa

Al mattino presto, con la bassa marea, ho coperto l’intera lunghezza della spiaggia che collega Nungwi a Kendwa, con l’obiettivo di conoscere una delle spiagge più belle di Zanzibar (Kendwa, appunto). Nel pomeriggio, mi sono lasciato perdere nelle strette stradine di Nungwi e sono andato a visitare i cantieri navali dove sono costruite le tradizionali barche da dhow. È stato il modo perfetto per terminare il mio tinerario di viaggio di 8 giorni a Zanzibar.

Pontile sul mare di Zanzibar
Stonetown, il capoluogo di Zanzibar
Isoletta The Rock a Zanzibar
Tipica imbarcazione di Zanzibar
Tranquille compagnie in una spiaggia di Zanzibar
Tramonto sul mare di Zanzibar

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *