Il mio itinerario di 16 giorni nello Sri Lanka

Il mio itinerario di viaggio in Sri Lanka è stato ragionevolmente standard, sono stato in destinazioni che fanno parte del percorso normalmente da turisti indipendenti.
Detto questo, la diversità di questo itinerario non sono le destinazioni stesse, ma la direzione del viaggio. Questo perché la stragrande maggioranza dei viaggiatori indipendenti viaggia in senso orario attorno allo Sri Lanka – prima il Triangolo Culturale, poi le spiagge della costa meridionale e occidentale. Io invece ho fatto il contrario.
Questo fatto diventa rilevante per il trasporto: un fattore da tenere in considerazione soprattutto in alta stagione. Ad esempio, il famoso treno che collega Ella a Kandy è molto meno affollato nella direzione Ella – Kandy che nella direzione Kandy – Ella.
Ecco quindi il mio itinerario di 16 giorni in Sri Lanka comprese le attività fatte giorno per giorno.

La famosa roccia di Sigiriya

Gennaio – Ottobre

Mare, Natura, Wellness, Cultura

16 giorni

 1000 – 2000 €

1° giorno: Colombo

Sono atterrato all’aeroporto internazionale di Bandaranaike intorno alle 10:00, dopo quasi 24 ore di voli e scali. Ho preso l’autobus dall’aeroporto alla stazione centrale di Colombo e poi un tuk tuk per l’hotel dove ho scelto di pernottare.
Ero stanco del viaggio, ma non volevo dormire; altrimenti confondevo ancora di più il fuso orario. Fatta la doccia, sono andata ad esplorare la capitale dello Sri Lanka.
Ho iniziato visitando il tempio buddista di Gangaramaya, prima di tornare nella parte vecchia di Pettah e perdermi nelle strade e nei mercati del cuore di Colombo. Passai davanti al vecchio edificio del Municipio (niente di speciale), entrai nella cosiddetta Moschea Rossa, e poi proseguii nella zona del Forte di Colombo, dove vidi l’edificio Cargils e l’ospedale olandese.
Ho finito la giornata passeggiando sulla Galle Green Face, scegliendo per cena “Nana”, una delle bancarelle di street food più apprezzate della capitale dello Sri Lanka. Forse sono stata sfortunata, ma è stata una grande delusione.
Pernottamento a Colombo: Sunrise Boutique

2° giorno: Hikkaduwa e Galle

Il secondo giorno del viaggio, ho preso il treno che collega Colombo a Galle, che va sempre lungo la costa. Non è il mezzo di trasporto più veloce per arrivare a Galle, ma è sicuramente il più interessante.
Mentre volevo visitare il Tsunami Photography Museum, situato nel villaggio di Telwatta, sono scesa dal treno a Hikkaduwa. All’arrivo alla stazione ferroviaria, ho negoziato con un autista tuk tuk per andare al museo – che si trova a soli tre chilometri da Hikkaduwa. L’ho visitato con calma e sono tornata in tempo per pranzare in una semplice taverna vicino alla stazione. Alle 14:30 ho preso un altro treno a Hikkaduwa per andare a Galle.
All’arrivo a Galle, sono stata ricevuta con grande simpatia da una famiglia che mi ha consigliato di andare il pomeriggio a fotografare i pescatori. E’ stata una bella esperienza.
La notte, ho fatto una passeggiata attraverso il Forte di Galle, che era particolarmente vivace poiché, proprio in quel fine settimana, si stava svolgendo il famoso Galle Literary Festival. Ho visto parte di uno spettacolo di danza e sono tornata all’alloggio.
Pernottamento a Galle.

3° giorno: Galle e Goyambokka

Ho preso la mattinata per esplorare il Forte di Galle, che l’UNESCO classifica come patrimonio dell’umanità. Dopo di che sono andata a prendere lo zaino e presi un autobus pubblico per Tangalle.
La costa meridionale dello Sri Lanka è famosa non solo per i pescatori che pescano sopra dei pali sul mare, ma anche per le sue spiagge. Il mare non è calmo come sulla costa occidentale, ma l’atmosfera rilassata – e le onde – attira i viaggiatori, persone giovani, surfisti, candidati a surfisti e sostenitori. Tra le dozzine e dozzine di spiagge esistenti, ho scelto Goyambokka per rimanere.

La spiaggia non si distingue visivamente da molte altre spiagge dello Sri Lanka, ma è comunque bellissima. Le acque non sono né dolci né traslucide, perché le correnti a volte sono molto forti e insidiose ma si può fare il bagno tranquillamente e c’è molto spazio nella spiaggia.
Di notte, nuova esperienza. Osservare la nascita delle tartarughe a Rekawa non faceva parte del mio itinerario di viaggio in Sri Lanka. Ma quando arriva a Tangalle in autobus da Galle, un autista tuk tuk mi ha detto di questa possibilità: “Siamo nella stagione delle tartarughe”, ha confermato! Dopo qualche indecisione – anche perché sapevo di alcune pratiche poco sostenibili – ho deciso di andare a vederle con i miei occhi.
Tutto sommato, Goyambokka mi ha conquistato. È stata una bella scelta da includere nell’itinerario dello Sri Lanka.
Pernottamento a Goyambokka: Golden Beach Resort

4° giorno: Tempio Mulkirigala e Hiriketiya

In questo giorno, gli obiettivi principali erano visitare il tempio di Mulkirigala e la spiaggia di Hiriketiya. Ho scelto di noleggiare uno scooter e quindi trascorrere la giornata in autonomia e in completa libertà. Ed è stato eccellente. A parte i tempi in cui dovevo guidare sulle strade principali, con più traffico, il viaggio era liscio e il paesaggio era molto bello.
Ho iniziato visitando Mulkirigala, molto probabilmente il tempio più spettacolare del sud dello Sri Lanka. E, sempre al mattino, sono andata a Hiriketiya, una spiagge della costa meridionale.
Hiriketiya era descritto in una recente guida di viaggio come “una piccola baia a ferro di cavallo che sta rapidamente diventando una delle spiagge più belle dello Sri Lanka”. E ha aggiunto: “per ora, è ancora un pò dalle rotte turistiche”.
Per me, Hiriketiya è stata una delusione, motivo per cui non sono “andata in spiaggia” e sono tornata al mio rifugio a Goyambokka. In scooter, ovviamente (è un piacere guidare in quei paesaggi).
Pernottamento a Goyambokka: Golden Beach Resort

5° giorno: Kataragama

Dopo la colazione, sono andata al terminal degli autobus di Tangalle e ho aspettato un autobus per Kataragama. Teoricamente c’era, ma non è apparso. Dopo un’ora di attesa, ho deciso invece di prendere un autob per Tissamaharama e dal li per Kataragama. E così è stato.
L’obiettivo principale del passaggio attraverso Kataragama era quello di guardare la puja che, ogni giorno, si svolge nel cosiddetto Parco del Santuario di Kataragama. È un grande spazio in cui convivono il tempio buddista Kiri Vehera, il tempio indù Ruhunu Maha Kataragama Devalaya e una moschea. Meraviglioso!

Kataragama è uno dei siti di pellegrinaggio più importanti dello Sri Lanka, superato solo dalla scalata verso Adam’s Peak; motivo per cui il Kataragama puja – un rito di adorazione per una o più divinità, praticato sia dagli indù che dai buddisti, e che include quasi sempre offerte in prodotti alimentari – è uno dei più popolari nel paese.
Pernottamento in Kataragama: Gem River Edge

6° giorno: Safari al parco nazionale di Yala

Mi sono svegliata alle 4:45, ho preso un tè caldo e sono andata immediatamente alla jeep che mi avrebbe portato al Parco Nazionale di Yala. L’idea era di fare un safari a Yala, anche se non è il miglior parco naturale per avvistare gli elefanti. Ma Carla, la proprietaria del Gem River Edge, dove ho soggiornato, mi ha fortemente suggerito di farlo, e ho accettato. Anche perché c’era una remota possibilità di vedere un leopardo.
Per circa cinque ore, ho fatto jeep su una parte del Parco Nazionale Yala alla ricerca di animali selvatici, sotto una pioggia ostile. Ho visto molti uccelli e antilopi, alcune scimmie, ippopotami e bufali e solo due o tre elefanti – prima di tornare al conforto del Gem River Edge.
Avrei dovuto recarmi a Ella in autobus dopo pranzo ma, essendo arrivata tardi al safari e dovendo andare poi immediatamente alla stazione degli autobus, ho deciso di passare il pomeriggio a Kataragama e di dirigermi verso Ella con i mezzi privati. È diventato più costoso, ma ne è valsa la pena.
Pernottamento a Ella: Will Guesthouse

7° giorno: Ella

Questa è stata una giornata perfetta a Ella. Una giornata intensa e affascinante. Ho iniziato passeggiando per il sentiero che porta all’Adam’s Peak. È una passeggiata molto facile, accessibile a tutti, tra le piantagioni di tè della regione. Oltre ai turisti (sì, ce n’erano molti), ho trovato molti lavoratori che raccoglievano foglie di tè, il che ha reso la passeggiata ancora più interessante. Lassù, la vista era davvero molto bella.
Sempre a piedi, ho seguito un sentiero per il cosiddetto ponte dei 9 archi. Quando sono arrivata a un punto di vista trasformato in una bancarella della strada, ho sentito il suono di un treno e sono corsa alla fine del ponte in pochi secondi. Ho fotografato, bevuto un drink e sono scesa dal ponte.
Poi con un tuk tuk son andata all’altra estremità del ponte, alla fabbrica di tè Uva Halpewaththa, che mi era stato consigliato da un amico. Ora, poiché il giorno precedente era stato un giorno di festa per lo Sri Lanka (giorno di luna piena), la produzione è stata interrotta a causa della mancanza di materie prime, quindi prendere la visita guidata sarebbe stata una perdita di tempo.
Di ritorno a Ella, ho pranzato in un ristorante più cosmopolita (per cambiare da riso e curry), sono andata nell’alloggio a riposarmi e, nel tardo pomeriggio, sono tornata in città per partecipare ad un corso di cucina dello Sri Lanka. È stato meraviglioso!
Pernottamento a Ella: Will Guesthouse

8° giorno: Haputale

Ho noleggiato uno scooter e sono andata a visitare la sede della Lipton. Mentre mi avvicinavo a Haputale, la foresta lasciava il posto a sempre più piantagioni di tè. Il verde dominava completamente il paesaggio. Sporadicamente, ho visto i lavoratori raccogliere le foglie di tè. Fino a quando ho raggiunto un cancello chiuso e, per un momento, ho pensato che non potevo andare avanti. Ma pagando un pegaggio sono andata avanti.
Non ero sicura di cosa avrei trovato sul posto di Lipton; e, in effetti, non c’è molto da vedere. Un cartello con l’indicazione “Lipton’s Seat” attira immediatamente l’attenzione e a destra si vede una panchina con una statua di Sir Thomas Lipton, presumibilmente l’uomo responsabile della notorietà che il tè dello Sri Lanka ha ancora oggi in tutto il mondo, seduto a guardare il paesaggio.
Avendo uno scooter, è stato molto facile raggiungere la fabbrica di Dambatenne, dove ho partecipato ad una visita guidata per circa 45 minuti sulla produzione del tè. E ne è valsa la pena.
Dopo la visita alla fabbrica di tè, sono tornata a Ella per altre strade secondarie. ED ero esattamente a metà dell’itinerario di viaggio dello Sri Lanka.
Pernottamento a Ella: Will Guesthouse

9° giorno: treno Ella per Nuwara Eliya e Kandy

La giornata è stata dedicata al viaggio in treno più famoso dello Sri Lanka, con una breve sosta per vedere Nuwara Eliya.
Quando stavo progettando il mio itinerario di viaggio in Sri Lanka, una delle domande che avevo riguardava Nuwara Eliya. Varrebbe la pena andare lì? Varrebbe la pena attraversare la cosiddetta Piccola Inghilterra, un epiteto acquisito a seguito dell’influenza britannica che, ancora oggi, è possibile osservare in città?
In realtà, non ero molto motivata a visitare Nuwara Eliya; e fu solo quando mi venne in mente di fare una breve sosta, durante il viaggio in treno tra Ella e Kandy, che decisi di dare una rapida occhiata a Nuwara Eliya ed avrei preso il treno successivo, proseguendo per Kandy. Così ho fatto – e non me ne pento.
Con tutto ciò, sono arrivata a Kandy nel tardo pomeriggio. Era ora di sistemarsi nella locanda, mangiare qualcosa e passeggiare per il centro città. L’esplorazione di Kandy sarebbe stata per il giorno seguente.
Pernottamento a Kandy: Freedom Lodge Kandy

10° giorno: Kandy

Ho iniziato la giornata dirigendomi al Tempio del Santo Dente, ma c’erano così tante persone che ho rinunciato. (Ritorno nel tardo pomeriggio). Ho preso la mattina per visitare la chiesa adiacente al tempio e passeggiare per il centro di Kandy, senza grandi progetti. Era un modo di sentire la città, senza “l’obbligo” di visitare qualcosa.
Ero curiosa di vedere le immagini di alcune foto che avevo visto e, dopo aver pranzato, ho deciso di visitare l’hotel Folly di Helga senza sapere davvero cosa aspettarmi. Ho preso un tuk tuk verso le colline di Kandy.

Non sono sicura di come definire l’hotel Folly di Helga. È l’ispirazione di un genio creativo o di un’assurda eccentricità? Una stravaganza affascinante o una creazione kitsch sconnessa? Un hotel geniale o una casa brutta? O è tutto e niente allo stesso tempo? Onestamente, non ne ho idea. So solo quanto è diverso di sicuro. Non ci tornerei quasi sicuramente, ma mi è piaciuto visitare il posto.
Alla fine del pomeriggio, sono poi tornata al Tempio del Sacro Dente. Entrai, osservavo rispettosamente i credenti nella preghiera, apprezzavo le loro offerte di fiori e riso, non senza notare l’emozione e l’energia che emanano dallo spazio sacro. Prima di lasciare il complesso, ho anche visitato il Museo Internazionale del Buddismo.
Pernottamento a Kandy: Freedom Lodge Kandy

11° giorno: Dambulla e Sigiriya

Ho lasciato Kandy la mattina presto con un obiettivo chiaro: Dambulla. Una volta lì, ho visitato le grotte di Dambulla, senza fretta, ansiosa di trovare la grotta più spettacolare del complesso, con numerose statue di Buddha e affreschi sul soffitto. C’erano molti turisti – locali e stranieri – ma ne valeva la pena.
Di nuovo in macchina, sono andata verso l’obiettivo finale del viaggio di quel giorno: Sigiriya. All’arrivo, ho deciso di prendere ciò che restava del pomeriggio per fare un giro in bicicletta attraverso le aree rurali intorno alla città. La fortezza di Sigiriya e la roccia di Pidurangala rimarranno per il giorno seguente.
Pernottamento a Sigiriya: Paradise Inn Guesthouse

12° giorno: Sigiriya

Mi alzo dal letto e fuori, una spessa nebbia avvolse Sigiriya. Non si riusciva a vedere assolutamente nulla, nemmeno la cima della roccia di Sigiriya oltre il campo di riso che avevo visto così bene il pomeriggio precedente. Sigiriya sembrava essere avvolta da zucchero filato, sembrava un ambiente mistico. Ci sono andata intorno alle 7:00. L’obiettivo era visitare l’antica fortezza di Sigiriya con poca gente.
Alzando lo sguardo, la roccia di Sigiriya era avvolta da una nuvola. A volte si riusciva a distinguere la sua sagoma, che era più scura; in altri era pura nebbia al punto da riuscire a malapena a vedere gli antichi giardini reali sulla strada per il sito archeologico che l’UNESCO ha anche incluso nella lista dei siti del patrimonio mondiale in Sri Lanka. È lì che ho iniziato a esplorare Sigiriya.
Dopo i Giardini reali di Sigiriya, la grotta affrescata, il cosiddetto Muro degli Specchi e la Porta dei Leoni, salii l’ultima scala verso la vecchia fortezza. Quando sono arrivata in cima, la nebbia era ancora densa, mantenendo quell’aura di misticismo che ha reso il posto ancora più speciale. Ma la parte migliore è che, a poco a poco Sigiriya si stava mostrando. È stato perfetto!
Sono quindi tornata alla mia locanda, mi sono riposata per un pò e a metà pomeriggio, sono salita in bicicletta e sono andata a visitare Pidurangala. La storia narra che la regione di Pidurangala fu occupata dai monaci buddisti due millenni e mezzo fa. I monaci vivevano nelle cantine intorno alla roccia di Pidurangala.
La prima parte del sentiero è stata fatta attraverso una scala irregolare che, nonostante ciò, è stata abbastanza facile. La seconda (e ultima) parte della salita, questa, è stata molto impegnativa, era necessario arrampicarsi sulle rocce di granito ma lo sforzo è stato ripagato.
Lassù, la vista era magnifica. Da un lato, la roccia di Sigiriya avvolta nella giungla, tutto il resto, verde, molto verde.
È stata una giornata impegnativa, una delle migliori del mio itinerario in Sri Lanka!
Pernottamento a Sigiriya: Paradise Inn Guesthouse

13° giorno: Ritigala

Fu, ancora una volta, la raccomandazione di un amico con una profonda conoscenza dello Sri Lanka, che mi consigliò di visitare le rovine perdute di Ritigala. Ebbene ci son ostato ed in effetti ne è valsa la pena.
Si tratta di cun complesso archeologico nel mezzo della giungla, un antico monastero buddista in cui i pazienti di vario tipo venivano trattati con tecniche avanzate di Ayurveda – la “scienza della vita” -, uno dei più antichi sistemi medicinali dell’umanità.
Dopo aver lasciato Ritigala alle spalle, ho deciso di sottopormi a un massaggio ayurvedico in una specie di spa locale. È stata una nuova esperienza, che consiglio.
Pernottamento a Polonnaruwa: Villa Rovine

14° giorno: Polonnaruwa

Mi sono svegliata presto, con l’obiettivo di conoscere l’antica città di Polonnaruwa in bicicletta. La visita in uno dei luoghi più emblematici classificati come patrimonio mondiale dello Sri Lanka è durata gran parte della giornata; e, quando a metà pomeriggio ho deciso di tornare nell’alloggio, sono stata assolutamente sopraffatto dalla stanchezza.
La fatica accumulata dalla visita a Sigiriya, Pidurangala e Ritigala nei due giorni precedenti si faceva sentire. Quindi, ciò che è rimasto del pomeriggio è stato trascorso nel patio esterno della pensione, parlando con gli altri inquilini.
Pernottamento a Polonnaruwa: Villa Rovine

15° giorno: viaggio

Gran parte della giornata è stata trascorsa nel viaggio da Polonnaruwa a Negombo in autobus pubblico, con un cambio a Kurunegala. Sono arrivata a Negombo in tempo per un pranzo. Il resto della giornata l’ho trascorso rilassandomi in un bar sulla spiaggia e godendomi il tramonto sulla spiaggia di Negombo.
Pernottamento a Negombo: Fun Whales Guesthouse

16° giorno: Negombo

Era il mio ultimo giorno in campagna ed ho visitato il mercato del pesce di Negombo. L’obiettivo era di fare un ultimo giorno in maniera più tranquilla, così ho deciso di passare l’ultima notte a Negombo (che è vicino all’aeroporto) ed approfittare della giornata per conoscere la città e di notte prendere l’aereo per il ritorno a casa.
Entrai nel mercato ittico di Negombo e fui immediatamente conquistato. È uno spazio semplice, con poca ombra e talvolta un odore nauseabondo, ma affascinante. C’erano alcuni turisti, ma l’atmosfera era autentica al 100%. Come è normale, c’erano molte bancarelle che vendono pesce. Ma sempre in piccole quantità, come se ogni pescatore vendesse i suoi pesci direttamente, senza intermediari all’ingrosso. C’erano sardine e sugarelli, ma anche pesci più grandi. E, sulla spiaggia, molti pesci ad essicare.
Dopo aver visitato il mercato al mattino, ho colto l’occasione per passeggiare per Negombo e sentire la città. A quel punto, il caldo era già insopportabile, quindi sono stato alla locanda fino a metà pomeriggio. Fu allora che feci una gita in barca nella laguna di Negombo, più per passare il tempo che per vero entusiasmo. Ed in effetti non mi è piaciuto e non lo consiglio.
Dato che il volo era di notte ho finito per avere il tempo di cenare tranquillamente a Negombo (ci sono molti ristoranti eccellenti). Solo quando la città era praticamente addormentata andai all’aeroporto, in tuk tuk, ovviamente! E lì finì questo fantastico viaggio in Sri Lanka.

Donne al lavoro sui campi di tè
Il famoso treno tre le piantagioni di tè
Buddha nello Sri Lanka
Pescatore nello Sri Lanka
Famosi pescatori su pali dello Sri Lanka
La fortezza di Galle

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.