Procida, una perla nel golfo di Napoli

Procida è una perla nel Golfo di Napoli. È la più piccola e la meno visitata perché le sue sorelle maggiori, Capri e Ischia , le rubano tutto il rilievo. Tuttavia, è proprio questo che le permette di conservare il fascino di chi non è ancora stato ceduto ai circuiti turistici internazionali.
Grazie ai frequenti battelli che partono da Napoli e Pozzuoli, è facile raggiungere Procida in una piacevole navigazione. Abbiamo preso un traghetto dal porto di Pozzuoli e, in meno di 30 minuti, siamo sbarcati nel porto situato sulla costa nord di quest’isola.

Procida Corricella

Tutto l’anno

Città, Mare, Natura, Coppia

1 giorno

0 – 500 €

Prima di iniziare la nostra passeggiata, ci fermiamo al bar-pasticceria Roma per prendere un caffè macchiato e una deliziosa lingua di crema al limone. Questo dolce tipico dell’isola è una delicata pasta sfoglia cotta con molto zucchero. Non ne avevamo mai sentito parlare, ma guardando le persone al bar sgranocchiare uno di questi dolci, abbiamo deciso di seguire il famoso detto “ovunque tu vada, fai quello che vedi”. Che bel posto!

Bisogna attraversare il paese e il quartiere Terra Murata per salire all’Abbazia di San Michele Arcangelo. Strade strette attraverso le quali salgono veloci i motorini e gli stretti veicoli che percorrono l’isola. Tutto ci ricorda “Il Postino”, il delizioso film che è stato girato qui negli anni Novanta.

Durante la nostra salita raggiungiamo il Belvedere dei Cannoni con una vista spettacolare sulla Corricella Marina. Con le sue belle case cubiche dai colori sgargianti, questo porticciolo dalle calme acque turchesi è coronato dalla Chiesa di Santa Maria delle Grazie .

Procida centro storico

Entriamo nell’abbazia che è quasi un labirinto arroccato sulle alte scogliere che dominano Napoli e il Vesuvio. Poi scendiamo al porto tra le barche e fare un tuffo. Anche se la spiaggetta vicino al porto merita un pò di manutenzione, c’è della plastica e del vetro in qualche angolo.

Mangiamo proprio lì al Maestrale, un gustoso antipasto, pasta e pesce con vista sul mare turchese. Ci chiediamo come sarà la calda estate su quest’isola se, ora, ad aprile, il sole è già caldo. La brezza è fresca e piacevole, ci rilassiamo facendo nostro il “dolce fare niente”.

Per esplorare il resto dell’isola, una buona opzione è noleggiare una bicicletta o un motorino. Siamo saliti su uno dei piccoli e vecchi autobus che ti portano da un posto all’altro in pochi minuti. Quest’isola è lunga circa 4 km quindi può essere esplorata perfettamente a piedi. I limoneti pieni di frutta illuminano ogni angolo. I giardini delle case con fichi e gelsomini completano la decorazione. I profumi sono deliziosi e pensiamo di essere in paradiso!

Isola di Procida

Arriviamo al Porto della Chiaiolella e decidiamo di approfittare del pomeriggio per rilassarci sulla lunga spiaggia di sabbia nera sotto le imponenti pareti di quella che deve essere cenere vulcanica pietrificata.

In lontananza passano alcune barche in direzione di Ischia, che si erge imponente in lontananza. Scende il pomeriggio e dobbiamo tornare al porto per riprendere il battello per Pozzuoli. Prendiamo dei gelati e carichiamo delle lingue di crema nello zaino per la colazione di domani, non abbiamo saputo resistere…

Mentre aspettiamo l’arrivo della nave, ci guardiamo attorno estasiati ed ascoltiamo le conversazioni in dei locali strettamente in Napoletano.

Il Sole tramonta. La bandiera italiana sventola a poppa della nave. Ci allontaniamo dall’isola e la osserviamo in silenzio. Senza dubbio, è un bel posto per perdersi una giornata di sole. Bella Procida!

Centro storico di Procida

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.