Russia: Mosca e San Pietroburgo 11 giorni

Abbiamo deciso di visitare la Russia nel solstizio d’estate. Volevamo vivere le notti bianche di San Pietroburgo, quel giorno quasi infinito dal 21 al 22 giugno quando il sole tramontava appena all’orizzonte. Il tempo è mite, vediamo gente del posto prendere il sole sulle pareti della fortezza di San Pedro e San Pablo, e le giornate sono lunghe, davvero lunghissime. Forse, il momento migliore per viaggiare a Mosca e San Pietroburgo.

Museo Hermitage a San Pietroburgo

Maggio – Settembre

Coppia, Cultura, Città, Lusso

11 Settimane

1000 – 2000 €

Giorno 1: Arrivo a San Pietroburgo

Anche se il nostro volo è arrivato dopo le due del pomeriggio, le giornae sono molto lunghe in questo periodo del’anno ma abbiamo perso comunque tutta la giornata nel tentativo di acquistare un biglietto del treno per Mosca. A quel tempo non si poteva comprare online e nella stazione ferroviaria di San pietroburgo abbiamo perso tutto il pomeriggio. Non c’era nessuno che parlava inglese e le code erano molto lunghe, quindi anche per i locali era un’impresa ottenere un biglietto senza passare mezza giornata alla stazione.
La cosa buona è che, dato che non si stava facendo buio, abbiamo avuto il tempo di attraversare la piazza del palazzo, Dvorcovaja Ploščad, di fronte all’Ermitage. Quindi ci avviciniamo al giardino estivo, Letnij Sad, con il palazzo estivo, Letnij Dvorec, all’interno. Rientro in hotel, un’altra piazza, quella di Kazanskaja, con la cattedrale di Nostra Signora di Kazan.

Giorno 2: San Pietroburgo

Il secondo giorno è un tour intensivo di Ermitage. All’interno del museo trascorriamo sette ore! E perché hanno chiuso e ci hanno buttato fuori. Ne vale la pena? La verità è che con una visita di un paio d’ore – massimo tre – e vedere le opere più importanti sarebbe bastato.
Dopo che siamo stati cacciati, siamo andati a fare un altro giro della città. Iniziamo dalla piazza di San Isacco.
Entriamo nella cattedrale di San Isacco e saliamo al colonnato della cupola – 562 gradini – per vedere la città dall’alto. Camminiamo attraverso Ploščad ‘Dekabristov, con la statua equestre di Pietro I il Grande. Ci avviciniamo al palazzo dell’Ammiragliato con la sua guglia d’oro. Abbiamo finito per goderci l’apertura dei ponti sul fiume Neva.

Giorno 3: Peterhof E San Pietroburgo

Partiamo in barca, dal molo dietro l’Eremo, sulla strada per il Palazzo di Peterhof. Trascorriamo la mattinata alla scoperta delle fontane nei suoi giardini e delle meraviglie degli interni dell’edificio.
Di ritorno a San Pietroburgo, visitiamo la fortezza di San Pietro e San Paolo. All’interno si trova la cattedrale di San Pietro e San Paolo con le tombe della famiglia Romanov.
Camminando verso il centro, passiamo davanti alla crociera Aurora. E, come il giorno prima, abbiamo assistito all’apertura dei ponti, questa volta, dal molo della Sfinge.

Girno 4: Pushkin e San Pietroburgo

Bus per Pushkin dove si trova il palazzo di Catherine. Facciamo il viaggio per visitare i suoi giardini, quasi come quelli del Palazzo Peterhof.
Prima di tornare verso raggiungere il centro di San Pietroburgo, ci fermiamo a Pobedy Square, Victoria. Qui sorge il monumento al sito di Leningrado, il monumento agli eroici difensori di Leningrado.
All’ultimo minuto ci siamo avvicinati a piazza Dvorcovaja dove avevano preparato il palcoscenico per la festa delle notti bianche.

Giorno 5: Pushkin e San Pietroburgo

Volevamo vedere la stanza d’ambra – una replica, perché l’originale fu saccheggiato dai nazisti e scomparve senza lasciare traccia – nel palazzo di Caterina. Quindi, siamo tornati in autobus a Pushkin e siamo riusciti a entrare nel palazzo. Ci avevano già detto che in Russia i viaggi dovevano essere organizzati con un paio di giorni di margine …
Sulla via del ritorno a San Pietroburgo, abbiamo visitato la chiesa di San Salvador, la prima con cupole bulbose che abbiamo visto in Russia. Passiamo per Piazza Ostrovskogo e Avenue Nevski. Abbiamo finito per attraversare il ponte Anichkov sul fiume Fontanka con le statue equestri di Peter Clodt von Jürgensburg.
Il nostro primo autobus urbano ci portò al convento Smolny, che, cose della vita, era chiuso quando siamo arrivati.

Giorno 6: Treno da San Pietroburgo a Mosca

Treno da San Pietroburgo a Mosca per prima cosa. La nostra idea era quella di viaggiare in un treno notturno ma, dopo il primo giorno alla stazione, ci siamo sistemati nel rimo che abbiamo trovato.
Una volta in città, abbiamo visitato i monasteri di Novodévichi e Donskoy prima di salire sulla Piazza Rossa per la prima volta. Non perdiamo l’opportunità di entrare nei lussuosi negozi GUM.

Giorno 7: Mosca

È ora di visitare il Cremlino. Passiamo all’interno delle mura per tutta la mattina da una chiesa all’altra, dall’armeria al tesoro, dal cannone alla campana.
Nel pomeriggio ci avviciniamo a Kolómenskoye, l’antica residenza dei grandi duchi e zar della Russia.
Non avevamo finito la nostra odissea con i treni in Russia e, dopo la prima e terribile esperienza a San Pietroburgo, ci siamo messi alla ricerca di biglietti per visitare l’Anello d’oro vicino a Mosca. Dopo aver perso alcune ore, siamo riusciti ad avere un biglietto solo per Yaroslavl. Impossibile arrivare in treno a Suzdal e ancora più difficile farli capire … con un po ‘di stress lasciamo la stazione.

Giorno 8: Mosca

Abbiamo visitato le principali stazioni della metropolitana di Mosca. Un museo autentico che ci ha lasciato veramente a bocca aperta.
La nostra visita alla metropolitana si è conclusa presso il Centro espositivo pan-russo, l’ex Mostra dei successi dell’economia nazionale dell’URSS. All’interno, oltre a un gigantesco parco, si trova il monumento ai conquistatori dello spazio, il gruppo scultoreo dell’operaio e del Kolkhoz e grandi edifici e fontane.
Finiamo la giornata, ancora, nella Piazza Rossa.

Giorno 9: Yaroslavl

Visita della città di Yaroslavl. Niente di che ma non c’erano molte opzioni per continuare a visitare l’anello d’oro una volta arrivati ​​lì …

Giorno 10: Sergiyev Posad e Mosac

Rientro a Mosca in treno. Prima di arrivare ci fermiamo a Sergiyev Posad e visitiamo il monastero della Trinità e San Sergio, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.
Una volta a Mosca, entriamo nella Cattedrale di San Basilio.

Giorno 11: Mosca e ritorno

Entriamo nel mausoleo di Lenin nella Piazza Rossa prima di vedere la Mosca più moderna nella piazza del Manège. Negli anni ’90 del secolo scorso fu costruito un grande centro commerciale sotterraneo nella piazza.
Trasferimento all’aeroporto di Vnukovo e volo di ritorno.

Carrozza del tempo degli Zar
Reggia di Peterhof
Palazzo Russo
Piazza rossa Mosca
Scorcio di Mosca
Cremlino di Izmajlovo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *