Itinerario di viaggio in Uzbekistan (14 giorni)

Essendo un paese dove esiste un percorso geograficamente logico per visitare le destinazioni più emblematiche – Samarcanda, Bukhara e Khiva – è molto facile mettere insieme un itinerario in Uzbekistan che li attraversa tutti e la capitale Tashkent. Una sorta di itinerario di base che funge da introduzione alle tante bellezze architettoniche del paese.
Le difficoltà maggiori arrivano se si vogliono includere destinazioni meno ovvie, come Moynaq o la Valle di Fergana, per esempio o se hai un’avversione al viaggiare in treno che invece per me è uno dei grandi piaceri nel viaggiare in Uzbekistan.
L’itinerario proposto è di 14 giorni (si può fare anche in meno tempo) e si concentra su questo asse di base che va da Tashkent a Khiva, passando per Samarcanda e Bukhara. In ogni caso, considera questo itinerario di viaggio in Uzbekistan come punto di partenza per creare il tuo piano, in base ai tuoi interessi e al tempo a disposizione.
Anche perché, naturalmente, in questo itinerario sono state tralasciate alcune destinazioni, tra cui Nukus (porta di accesso al Turkmenistan), Moynaq e il cimitero delle barche sul lago d’Aral, o la già citata Valle di Fergana, al confine con il Kirghizistan. Se hai tempo, ti consiglio di includere alcuni di questi luoghi nel tuo itinerario di viaggio.

La moschea di Bukhara

Aprile – Ottobre

Città, Cultura, Coppia, Lusso

3 giorni

500 – 1000 €

Giorni 1 e 2: Tashkent

Il mio tour in Uzbekistan è iniziato a Tashkent, una città monumentale, con vasti viali ed edifici giganteschi che ricordano il passato sovietico di questa città. Una delle cose che ho notato subito, è stata la cordialità della gente. Ho percepito subito una bella atmosfera, nel trattamento e nella cordialità delle persone che mi ha fatto sentire subito a casa.
Tra le cose che ho visitato a Tashkent, metto in evidenza luoghi come il mercato di Chorsu; Piazza Timur e Indipendenza, il simbolico Hotel Uzbekistan, il complesso Hazrati Imam, molti caffè interessanti e, naturalmente, le magnifiche stazioni della metropolitana di Tashkent.
Luoghi come la Casa della Fotografia a Tashkent (che purtroppo era chiusa) restavano da visitare, ma tutto sommato sono stato felice di fermarmi per qualche tempo nella capitale uzbeka.

Pernottamento: ho soggiornato in un ostello chiamato Sunrise Caravan Stay – Boutique Guesthouse, che consiglio vivamente.

La moschea di Tashkent

Giorni 3, 4 e 5: Samarcanda

Avevo grandi aspettative per Samarcanda. Per me la città era l’ex libris dell’antica Via della Seta, forse la più famosa e mitica delle città attraversate da carovane di cammelli che hanno cambiato il mondo, avvicinando commercialmente l’Oriente e l’Europa. La capitale dell’impero Tamerlano. Un mondo da scoprire.
Per qualche ragione, però, Samarcanda non mi ha rapito come avevo immaginato. È vero che luoghi come il Mausoleo di Gur-Emir o la necropoli di Shakhi-Zinda sono molto suggestivi (uno dei miei posti preferiti in tutto il paese) ma sentivo che mancava qualcosa nell’esperienza della visita.
Nonostante ciò, durante i giorni in cui ho soggiornato a Samarcanda, ho visitato luoghi come Piazza Registan, il Mausoleo Gur-Emir, il già citato complesso Shakhi-Zinda, le moschee Bibi-Khanym e Hazrati Khizr (compresa la Tomba del Presidente) e il mercato Siab. Ho anche avuto l’opportunità di visitare il mercato di Urgut, situato a 40 km da Samarcanda.

Pernottamento : ho soggiornato al Trip.LE Guesthouse e onestamente penso che avrei potuto scegliere di meglio.

Scorcio di Tashkent

Giorni 6, 7 e 8: Bukhara

Bukhara è una città affascinante. Il suo centro storico è forse ancora più interessante di quello di Samarcanda. E questo nonostante una famigerata esagerazione nel risanamento urbano effettuato un pò in tutto il centro. Tuttavia, Bukhara mi ha conquistato molto.
Tra le cose che ho visitato a Bukhara, un punto culminante è stata la fortezza dell’Arca; le moschee Kalan e Bolo Hauz; il minareto di Kalan; le madrasa Mir Arab, Abdulaziz Khan e Nadir Divan-Begi, i mercati di strada Toqi Zargaron e Toqi Telpak Furushon, Piazza Lyabi Khauz, il Museo dei Tappeti di Bukhara, la Galleria Shavqat Boltaev, e il bellissimo Coro Minore. Tutti posti fantastici da includere nel tuo itinerario in Uzbekistan.

Pernottamento : ho soggiornato in un’eccellente pensione chiamata Old Bukhara, con camere perfettamente pulite e una posizione fantastica!

Khiva patrimonio unesco

Giorni 9, 10, 11 e 12: Khiva

È vero che non ci vogliono quattro giorni per conoscere Khiva, ma quello è stato il tempo che ho dedicato alla città.
Infatti è praticamente impossibile per un viaggiatore non innamorarsi di Khiva, forse la più grande perla della Via della Seta in territorio uzbeko. Anche perché la cittadella Itchan Kala (centro storico di Khiva) è ancora abitata, e questo per me, è un ingrediente fondamentale per il suo fascino.
Tra le cose che ho visitato durante il mio soggiorno, segnalo l’incredibile Moschea Juma, ma anche luoghi come l’Islam Khoja e i minareti minori di Kalta, la Fortezza dell’Arca di Kunya, il Mausoleo di Pakhlavon Mahmoud, e naturalmente, i palazzi Tash Khovli e Isfandiyar.
Da Khiva ho preso un treno notturno per tornare a Tachent. Pensavo ancora di prendere un volo ma, poiché mi piace viaggiare in treno, ho optato per questo mezzo di trasporto più popolare ed ecologico.

Pernottamento : ho soggiornato in una pensione molto recente e ben referenziata chiamata Islam Khodja. È come stare a casa di qualcuno, non in un hotel. Mi raccomando, a patto di moderare le aspettative.

Khiva

Giorno 13: Tashkent

Sono arrivato la mattina presto, pronto a trascorrere l’ultimo giorno del viaggio in Uzbekistan esplorando un pò di più la capitale Tashkent. Sono andato direttamente alla pensione, ho lasciato lì il mio zaino e mi sono immerso nel trambusto della città.
Quel pomeriggio lo trascorsi rilassandomi nella stessa pensione dove ho soggiornato all’inizio del viaggio e verso le undici di sera, sono andato a prendere il volo di ritorno. È stata la fine di questo programma che mi ha portato a conoscere le meraviglie dell’Uzbekistan.

Altre destinazioni
Come ho detto prima, con il tempo limitato e il caldo infernale, ho dovuto fare scelte dolorose. Tra queste, non visitare Nukus e Moynaq, una città quasi fantasma situata nel nord del Karakalpakstan e porta d’accesso al cimitero delle barche nell’ormai secco Lago d’Aral.
Mi sarebbe piaciuto anche conoscere Shahrisabz, un villaggio protetto dall’UNESCO situato a 85 km da Samarcanda, ma alla fine non ci sono riuscito.
Avrei voluto includere anche la Valle di Fergana nel mio itinerario in Uzbekistan.

Bukhara

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.