Copenaghen, cosa vedere in 4 giorni

Abbiamo usato le vacanze di Pasqua per visitare Copenaghen in 4 giorni, partendo il venerdì mattina e tornando il ​​lunedì sera.
Direi che 4 giorni erano l’ideale, forse se ne avessi avuto uno in più mi sarei allungato per vedere anche Malmo in Svezia, oppure sarei andato a conoscere alcuni degli altri castelli e palazzi nei dintorni.

Canale di Copenaghen

Marzo – Dicembre

 Cultura, Città, Enogastronomico

4 giorni

0 – 500 €

1° giorno

Siamo arrivati ​​a Copenaghen al mattino presto in aereo (un’ora e mezza di volo). Dall’aeroporto abbiamo preso la metropolitana per il centro città e poi siamo andati a piedi fino all’hotel. Dato che era troppo presto per fare il check-in, abbiamo lasciato la valigia e siamo andati a fare una passeggiata, iniziando con l’area di Nyhavn che è una delle cartoline della città con le sue case colorate che si riflettono sul canale. Abbiamo scelto uno dei numerosi ristoranti e abbiamo fatto uno spuntino veloce.
Da lì, abbiamo deciso di andare a vedere la famosa scultura della Sirenetta (Den Lille Havfrue), tutti dicono che dal vivo sia molto più piccola di quanto sembri, ma non sono d’accordo! Abbiamo camminato un po’ più avanti, in un’area chiamata Kastellet (se guardi la mappa di Copenaghen, è un parco/isola a forma di stella), e da lì siamo andati ad Amalienborg.

Amalienborg è un complesso di palazzi reali, disposti attorno a una piazza ottagonale. Al centro si trova la statua di Federico V di Danimarca. Alcuni palazzi sono visitabili, ma non siamo riusciti ad entrarci. Abbiamo visto il cambio della guardia e abbiamo anche colto l’occasione per visitare Marmorkirken (che è formalmente chiamato Frederikskirken), la “Chiesa di marmo”, che è bellissima all’interno.
La “cena” è stata un’ottima esperienza al mercato del cibo di strada a Papirøen, ci sono diverse bancarelle che vendono cibo da tutto il mondo, in un ambiente molto rilassato. Da lì siamo tornati in hotel, terminando il primo giorno a Copenaghen.

La sirenetta di Copenaghen

2° giorno

Il secondo giorno a Copenaghen (un sabato) era programmato per visitare Tivoli, il famoso parco divertimenti che si dice abbia ispirato Walt Disney. Ci siamo andati a piedi lungo Strøget Street, una delle strade pedonali più lunghe d’Europa (è lunga 1,1 km), che è sempre piena di gente (ci sono negozi e ristoranti lungo la strada).
Abbiamo fatto una deviazione per esplorare il “Quartiere Latino”, una delle aree più antiche della città e dove si trova l’università locale. Approfittando del fatto che eravamo vicini ed era ancora presto e abbiamo scalato Rundetaam (Torre Redonda) per vedere la città dall’alto. La salita è una rampa circolare, quindi è tranquilla anche per chi ha bambini con sè. Lassù (34,8 metri di altezza) c’è molto spazio per camminare e fotografare.
È finalmente arrivato il momento di entrare in Tivoli. Era appena stato riaperto per la stagione estiva solo 3 giorni fa, quindi molti locali hanno approfittato del sabato soleggiato per visitare anche il parco. Abbiamo scelto una caffetteria per pranzo e poi abbiamo iniziato a esplorare il posto. Abbiamo camminato per tutto e provato le divertenti attrazioni, soprattutto il cappello messicano (che si chiama Star Flyer ed è uno dei più alti del mondo, con 80 metri). Da lassù hai una vista unica sulla città, ma non potevo concentrarmi troppo sulla vista perché mi dava un po’ di agonia quell’altezza!

Abbiamo lasciato Tivoli prima del previsto, quindi abbiamo deciso di visitare Ny Carlsberg Glyptotek, un bellissimo museo che si trova praticamente dall’altra parte della strada. È noto soprattutto per le sculture, ma l’ala moderna (che è un edificio all’interno dell’edificio), ha dipinti impressionisti e post-impressionisti.
A questo punto della giornata eravamo già molto stanchi e abbiamo deciso di tornare in hotel, ma abbiamo preso una strada diversa e ne abbiamo approfittato per vedere un’altra attrazione turistica a Copenaghen, Christiansborg Slot, dove si trova il Parlamento e la casa del Primo Ministro. Ci siamo riposati in hotel e ci siamo preparati per andare di nuovo a cena al mercato del cibo di strada a Papirøen.

Scorcio di Copenaghen

3° giorno

Il terzo giorno ci siamo rilassati, dato che eravamo esausti dal camminare tanto nei giorni precedenti! Abbiamo fatto colazione più tardi (alle 11!) in un ristorante a Kongens Nytorv, e siamo andati alla slot di Rosenborg dove si trovano i gioielli della famiglia reale. Il castello si trova all’interno di un parco, è un piacere passeggiarvi.
Nelle vicinanze si trova il Museo Statens per Kunst, un altro museo meraviglioso che vale la pena visitare. Prima di entrare, abbiamo approfittato del sole e ci siamo seduti sulle sedie di fronte, per abbronzarci un pò e dare una spinta alla vitamina D:) Siamo stati in questo museo per molto tempo, principalmente nell’area degli artisti locali, non ne conoscevo nessuno. Tra gli artisti più noti, incontrerai Matisse e Modigliani, oltre a dipinti medievali e mostre di arte contemporanea.

Dato che volevamo andare di nuovo al Tivoli, per vedere com’era di notte, abbiamo deciso di andare in hotel a riposare (dopo un pranzo veloce in uno dei fantastici caffè che abbiamo trovato lungo la strada). Poco prima del tramonto, verso le 7, abbiamo iniziato a camminare verso il Tivoli e ci siamo rimasti quasi fino alla sua chiusura, intorno alle 23. Il parco di notte è davvero bello, tutto illuminato. Il pubblico cambia un po’: meno famiglie con bambini e più adolescenti e coppie che apprezzano i ristoranti.
Vale la pena ricordare che i chioschi alimentari chiudono prima, quindi se vuoi cenare tardi a Tivoli dovrai andare in uno dei ristoranti! Non lo sapevamo, e fortunatamente abbiamo trovato uno stand ancora aperto, l’unico, dove abbiamo mangiato un delizioso sandwich di maiale (non volevamo andare in un ristorante, sederci, ecc.). Quella fu la nostra ultima notte a Copenaghen, e da Tivoli andammo dritti in albergo (di nuovo a piedi).

Zone verdi di Copenaghen

4° giorno

Giorno del ritorno! Ma il volo era solo la sera, quindi abbiamo avuto tutto il giorno per goderci ancora la città. Dopo aver trovato un posto dove prendere un caffè, abbiamo deciso di andare nel quartiere Christiania, la “società alternativa” di Copenaghen, quindi abbiamo deciso di scalare la torre della chiesa Vor Frelsers Kirke, che alla fine è stata uno dei momenti salienti del viaggio – lo consiglio!
Avevamo ancora tempo così abbiamo deciso di camminare sul bordo del canale e poi di raggiungere un bar/ristorante vicino al Quartiere Latino. Camminando molto lentamente!

Dato che il nostro hotel era molto vicino a Nyhavn, ci siamo fermati di nuovo per scattare le ultime foto prima di partire per l’aeroporto. Questa è una zona davvero interessante, e penso che se avessi avuto solo qualche ora in più a Copenaghen , è lì che andrei!

Il Parco giochi di Tivoli a Copenaghen

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *