Istanbul: Attrazioni e luoghi di interesse

Una città divisa tra due continenti, dove moschee, monumenti storici ed edifici moderni si mescolano, convivono e offrono una delle esperienze culturali più arricchenti che tu possa avere! Questa è Istanbul, la città che fa di tutto per conquistare il cuore del turista.

Dervisci Rotanti

Tutto l’anno

Città, Cultura, Coppia

3 – 5 giorni

500 – 1000 €

Piazza Sultanahmet
Piazza Sultanahmet è il luogo in cui si concentrano le principali attrazioni turistiche di Istanbul, come l’antico Ippodromo, la Moschea Blu e la Basilica di Santa Sofia. È senza dubbio il luogo più iconico di Istanbul.
La regione è caratterizzata anche dalla presenza di obelischi, il più famoso dei quali è l’Obelisco di Teodosio (1490 a.C.), portato dal Tempio di Karnak (Luxor – Egitto) dall’imperatore Teodosio nell’anno 390.
Molto vicino alla piazza si trova anche la Cisterna Basilica e il Palazzo Topkapi.
In una giornata è possibile fare tutte queste attrazioni, senza la necessità di utilizzare i mezzi pubblici per spostarsi dall’una all’altra, visto che sono tutte praticamente “di lato”.
Tutti questi tour li abbiamo fatti con una guida direttamente dall’agenzia Tulipa – puoi farlo con o senza guida, ma sicuramente con una guida il tuo tour sarà culturalmente arricchito e imparerai di più su ogni luogo che visiterai.

Ippodromo
L’ Ippodromo fu costruito nell’anno 203 dall’imperatore romano Settimio Severo. Successivamente, nel IV secolo, Costantino lo ampliò.
L’Ippodromo era destinato all’intrattenimento, largo 120 metri e lungo 80 metri, con una capacità fino a 100.000 spettatori.
Vi si svolgevano cortei, incontri politici e le famose corse di cavalli.
L’evento storico che ha segnato l’ippodromo è stata la “Rivolta di Nikka” nel 531, che ha ucciso circa 30.000 persone. Più tardi, nel 1826, fu anche all’Ippodromo che Sultan Mahmut II uccise i giannizzeri, che si erano ribellati contro di lui.
I crociati distrussero l’Ippodromo e oggi ne restano i seguenti monumenti:
– L’ Obelisco Egizio (costruito con granito rosa) portato da Luxor, dove fu eretto nel 1490 aC dal faraone Thutmose III, davanti al Tempio di Karnak per commemorare la vittoria del suo esercito in Mesopotamia.
– La Colonna Serpentina (realizzata in bronzo e lunga 8 metri), composta da tre serpenti intrecciati. Era la base di un calderone con tre teste a serpentina ed è stato realizzato dai Greci dopo aver sconfitto i Persiani. L’imperatore Costantino lo portò nell’anno 324, collocandolo nell’Ippodromo.
– La fontana tedesca, che è una fontana a cupola (a forma ottagonale), si trovava all’ingresso dell’Ippodromo dal 1898. Fu un dono dell’imperatore tedesco Guglielmo II al sultano Abdulhamid II.
– L’Obelisco Murato fu eretto sul lato sud dell’Ippodromo, ma non si sa quando fu costruito. L’imperatore Costantino Porfirogeneto collocò lastre di bronzo sulla sua superficie, ma le lastre furono saccheggiate durante la Quarta Crociata.

Moschea Blu (Moschea Sultanahmet o Moschea Blu)
Il nome “Moschea Blu” non si riferisce al colore della moschea, ma alle 20.000 piastrelle di tonalità prevalentemente blu, che si trovano all’interno.
Nell’Islam, il numero di minareti (torri) in una moschea è proporzionale alla sua importanza.
Sebbene oggi la maggior parte delle “chiamate alla preghiera” siano trasmesse tramite registrazione, c’è stato un tempo in cui avvenivano dal vivo (ciascuno delle cinque volte al giorno) e venivano trasmesse dall’almuadem, dall’alto del minareto.
La visita alla Moschea Blu è gratuita, ma con limitazioni:
L’ingresso principale è riservato ai fedeli.
I turisti entrano attraverso l’ingresso laterale.
Luglio e agosto (alta stagione) è comune fare la fila per entrare.
Le donne dovrebbero coprirsi la testa e le spalle (portare una sciarpa o una pashmina nella borsa è l’opzione migliore).
Anche le gambe devono essere coperte (se si indossa un vestito o una gonna devono essere lunghe) e i pantaloni non devono essere troppo stretti (non possono “modellare” il corpo). Per quanto riguarda gli uomini: non dovrebbero indossare pantaloncini.
Se il vostro abbigliamento non è adatto, saranno messe a disposizione sciarpe e tuniche.
È necessario togliersi le scarpe per entrare nella moschea. All’ingresso ti danno un sacchetto di plastica per mettere le scarpe.
I turisti (non fedeli) possono circolare solo in un’area predeterminata (c’è un’area di preghiera esclusiva per i fedeli).
Orario di apertura: giornaliero, ma non visitabile durante gli orari di preghiera (“chiamate a pregare”).
All’interno della moschea è consentito filmare e fotografare normalmente, purché non venga utilizzato il flash.
Sebbene sia la moschea principale e più famosa di Istanbul, la Moschea Blu non è la più grande: la Suleymaniye è ancora più grande (anche se non è così famosa).

Santa Sofia (Hagia Sofia)
Hagia Sophia è pura storia! La storia dell’impero bizantino si è fusa con l’impero ottomano.
Un tempo era una chiesa greco-ortodossa (costruita dall’imperatore Giustiniano tra il 527 e il 565), una moschea e dal 1934 funge da museo, dove nello stesso spazio convivono icone della cristianità e simboli islamici.
Immagini, dipinti, scritte arabe…Tutti insieme e mescolati nel museo che per un millennio è stata la cattedrale più grande del mondo.
I mosaici e le vetrate (tutte ricoperte durante l’impero ottomano) sono molto ricchi di dettagli e sono ancora oggi molto ben conservati. Tuttavia, a causa del tempo e dei numerosi terremoti che hanno scosso la regione, sono stati necessari diversi restauri.
Non è consentito entrare nella Basilica di Santa Sofia con i treppiedi (se ne hai uno, si terrà all’ingresso e lo riprenderai all’uscita).
Costo d’ingresso: 60 TL.

Cisterna Basilica
La Cisterna Basilica fu costruita da Giustiniano nel 532, con lo scopo di rifornire Costantinopoli.
La Cisterna Basilica non è l’unica, ma il principale serbatoio da visitare. È lungo 143 metri e largo 65. La sua struttura è sorretta da 336 colonne di marmo.
L’interno è umido e freddo, con un’atmosfera di suspense dovuta alla luce fioca e al pavimento sempre umido. Nonostante lo spazio sia immenso, dà una sensazione di claustrofobia, ma è un’esperienza unica. La Cisterna Basilica è uno dei grandi lasciti che l’Impero Bizantino ha lasciato alla Turchia e che possiamo visitare.
Il suo semplice ingresso nasconde il seminterrato: ben al di sotto delle strade di Istanbul ci sono canali, colonne e archi, che formano una sofisticata cisterna a forma di basilica, un segno distintivo dell’impero bizantino.
Costo d’ingresso: LT 25.

La Moschea Blu

Palazzo Topkapi
Il Palazzo Topkapi si trova tra il Sultanahmet e lo Stretto del Bosforo e fu costruito dal Sultano Mehmet II nell’anno 1467, dopo la presa di Costantinopoli.
A differenza del Dolmabahçe, che è un palazzo unico, il Palazzo Topkapi è diviso in padiglioni (non tutti possono scattare foto). Evidenziare per “l’ala del tesoro”.
I padiglioni sono separati da giardini e patii e la ricchezza dei dettagli è impressionante.
Diversi sultani ottomani vissero nel Palazzo Topkapi tra il XV e il XIX secolo, incluso il famoso Sultano Mehmet II.
Sul retro del palazzo verrai trattato con una delle viste più belle della città, divisa dallo Stretto del Bosforo.
L’ingresso al Palazzo Topkapi costa 60 TL (e la visita all’Harem del Sultano è a pagamento).

Grande bazar
Visitare i bazar di Istanbul è un’attrazione che non può mancare nel tuo itinerario, anche se inizialmente non hai intenzione di acquistare nulla (cosa che trovo difficile).
Il più famoso di questi è il Grand bazar (oggi riceve fino a 400.000 persone al giorno) e arrivarci è facile: la fermata Beyazıt della linea del tram T1 è proprio di fronte a uno degli ingressi del bazar (in totale ci sono 21 cancelli d’ingresso e 61 corridoi).
Oltre ad essere una meta turistica e un centro commerciale, visitare il Grand Bazar significa immergersi un pò più a fondo nella cultura del paese e della sua gente.
Sarà necessaria una dose di pazienza poiché i trader sono spesso piuttosto invadenti. Se vuoi comprare qualcosa, contrattare è la parola d’ordine.
Creato nel 1453 dal sultano Mehmet II, il Grand Baazar è il mercato coperto più grande e antico del mondo, con circa 60 strade e oltre 5.000 negozi.
All’interno, aspettati di trovare: negozi di decorazioni, souvenir, tappeti, ceramiche, vestiti, tè, dolci, oro e gioielli, scarpe, ristoranti, farmacia, banche, moschea, uffici di cambio.
Ciò che ha attirato di più la mia attenzione sono state le centinaia di negozi di lampade colorate (peccato che non si possa fare una foto, a meno che non si negozi con il proprietario).

Degni di nota sono anche i negozi di dolci: il lokum.
Lokum (o Turkish Delight) è stato creato da Ali Muhiddin Haci Bekir, pasticcere presso la Corte Imperiale di Istanbul, alla fine del 1700. È ancora considerato uno dei dolci più famosi in Turchia.
È una specie di gelatina dalla consistenza morbida ed elastica. I migliori sono quelli ripieni e questi ripieni sono il più vari possibile (frutta secca, noci, castagne, nocciole, pistacchi, mandorle, cioccolato…).
Un altro prodotto molto ricercato ci sono i negozi di pashmina : li troverai di diverse qualità e i prezzi variano molto a seconda del tessuto.

Il tempo che vi servirà per visitare il Grand Baazar dipende dalla vostra disponibilità, ma vi avverto in anticipo che il tempo all’interno passa senza che ve ne accorgiate!
Non è un posto economico, soprattutto se non hai imparato l’arte della contrattazione. Per chi non è un buon negoziatore, il tour finisce per essere faticoso, in quanto la sensazione è quella di “sentirsi imbrogliati” e infatti pagherete caro se non negoziate.
Ma il mio consiglio è: se non ti senti sicuro di acquistare cose ad alto valore aggiunto, vale comunque la pena di fare il viaggio per comprare cose più piccole, come dolci, tè e pashmina (anche se di qualità media).

Mercato delle spezie (Mışır çarşı)
Il Mercato delle Spezie è incentrato su spezie, condimenti, dolci e cibi.
Ci sono anche alcuni negozi di abbigliamento e decorazioni per la casa, ma niente che sia paragonabile al Grand Baazar.
È più piccolo, più carino e più organizzato, ma anche i prezzi sono alti e i venditori insistenti. Non me la sono cavata molto bene perché non sapevo contrattare bene, pagando troppo per le cose che compravo.
All’interno del mercato si trova Pandeli, un tradizionale ristorante greco-turco che ha aperto i battenti a Istanbul nel 1901.
Si trova vicino al Ponte di Galata, per arrivarci prendi la linea del tram T1 e scendi alla fermata Eminönü.
Accanto al bazar c’è un mercato con una moltitudine di prodotti – condimenti/spezie, pesce, formaggi, olive, frutta secca…Merita una visita!

Moschea di Solimano
È possibile raggiungere a piedi il mercato delle spezie o il Grand bazar fino alla bellissima Moschea di Solimano, che è anche la più grande di Istanbul.
Per quanto riguarda le regole di visita, valgono le stesse che ho menzionato in relazione alla Moschea Blu.
Entrando nelle moschee, noterai che non c’è un altare, ma il mihrab, che è una nicchia nel muro che indica l’esatta direzione della Mecca. Ed è lì che i fedeli si inchinano quando pregano.
L’ingresso è gratuito.
Un’ultima nota sulle moschee: all’esterno di tutte ci sono fontane, dette sidirvan o zampilli d’acqua (rubinetti), dove i fedeli si lavano la testa, le mani, le braccia e i piedi prima della preghiera – il rituale è chiamato Ablution o Abdest.
Se ne hai l’opportunità, prenditi un momento per osservare (con discrezione) questo rituale di purificazione, poiché è interessante.

Palazzo Dolmabahce
Il Palazzo Dolmabhce, per me, è ancora più bello del Palazzo Topkapi, anche se uno non annulla l’altro, essendo di epoche e stili molto diversi.
Il palazzo fu costruito nel 21° secolo per essere la residenza dell’ultimo sultano dell’Impero Ottomano (quindi è successivo a Topkapi). Con la fine dell’impero, Dolmabhce fu adibita a residenza temporanea del presidente Atatürk (primo presidente della Repubblica di Turchia).
Dolmabahçe è stato il primo palazzo costruito in stile europeo in Turchia. Il suo interno ricorda la Reggia di Versailles.
All’interno (che non può essere filmato o fotografato), evidenzia la scala di cristallo e la sala cerimoniale che ospita il lampadario più pesante del mondo.
Sono stato anche sbalordito dai tappeti del palazzo. Fu proprio lì che ebbi il mio primo contatto con i famosi tappeti turchi a doppio nodo, considerati delle vere e proprie opere d’arte.
Un’altra cosa che ha attirato la mia attenzione nel palazzo è stata la quantità di tavolini da caffè o tavoli d’angolo sparsi tra le stanze. Ana, che ci accompagnava nella giornata, ci ha spiegato che in Turchia, ancora oggi, è molto comune che le case siano piene di questi tavolini, in quanto favoriscono il consumo del tè, momento di socialità molto comune nel paese.
Le persone hanno l’abitudine di servire il tè agli ospiti e ognuno dovrebbe avere il proprio spazio per appoggiare la tazza. Ho pensato che fosse fantastico e ho adorato bere moltissimi tè turchi durante il mio viaggio.
Dopo aver visitato l’interno del palazzo, cogli l’occasione per goderti i giardini e le bellissime foto che ti forniranno.
L’ingresso al Palazzo Dolmabhce costa 60 LT.

Dopo aver visitato il Palazzo, abbiamo visitato l’ hotel Kempinski, uno dei più belli e lussuosi di Istanbul, situato ai margini del Bosforo.

Hagia Sophia

Kempinski
Poi siamo andati a visitare il quartiere di Nişantaşı, uno dei migliori quartieri di Istanbul e un beniamino della gente del posto. Abbiamo camminato per le strade, i negozi e abbiamo pranzato lì (al ristorante Daveli).

Istambul moderna
Istanbul ha un pò di tutto e questo si riflette anche nei quartieri e nelle zone della città.
Un itinerario di viaggio a Istanbul sarà completo solo se avrai l’opportunità di passeggiare nella parte moderna della città.
La regione di Taksim è considerata il punto centrale della città e la maggior parte delle celebrazioni o manifestazioni si svolgono lì.
Istiklal Caddesi è una strada con molto commercio arabo e un intenso flusso di persone. Se stai cercando vestiti, scarpe e cosmetici, questo è il posto dove stare. Negozi come Zara, H&M, Stradivarius, Mango si trovano in questa strada.

via Istiklal
Mentre cammini lungo Istiklal Caddesi, passerai anche davanti alla Chiesa di Sant’Antonio, una delle poche chiese cattoliche della città. Lì si celebrano messe in inglese, turco, polacco e italiano.
Percorri l’intera strada fino a raggiungere la regione di Galata, una delle zone più “cool” di Istanbul, con molti negozi, bar, negozi di arte e strumenti musicali e la Torre di Galata.
È un’ottima zona per “perdersi” tra negozi e caffè. Un piacere girovagare senza meta e godersi il clima della regione.
In questo quartiere si trova la Torre di Galata, uno dei luoghi più interessanti di Istanbul e da cui si gode una bellissima vista della città. Se hai tempo, vale la pena salire e godersi la città a 360 gradi dalla cima dei suoi 66 metri di altezza.
La Torre fu costruita nel 1358 come faro, quindi si trova nel punto più alto della città. Dopo la sua destinazione iniziale, ha già funzionato come magazzino, torre di sicurezza e prigione.
Un altro quartiere che fa parte di questa moderna Istanbul è il quartiere di Karaköy.
Un buon consiglio è provare il Borek di Levent Borekçilik, una pasta sfoglia ripiena di carne macinata o formaggio (c’è anche una versione al cioccolato).
Un altro consiglio gastronomico nel quartiere è la tradizionale pasticceria Karaköy Güllüoğlu, che vende uno dei migliori baklavas di Istanbul.

Bagno Turco (Hammam)
Ecco un’attrazione che consiglio vivamente di inserire nel vostro itinerario di Istanbul.
Avevo sentito parlare molto del bagno turco, ma confesso che non ho mai saputo con certezza di cosa si trattasse, finché un giorno un amico mi ha raccontato com’è stata l’esperienza e, recentemente, ho potuto confermarlo personalmente.
Ci sono diversi stabilimenti Hammam in giro per la città. La mia scelta è stata Çukurcuma, in quanto è una delle uniche che accetta uomini e donne nello stesso ambiente (la maggior parte separa il bagno degli uomini dallo spazio delle donne).
Dato che eravamo una coppia, ho pensato che Çukurcuma sarebbe stata una buona opzione. Ed è stato davvero.
Per i turchi, l’hamam è un luogo in cui socializzare, interagire e incontrare altre persone. Tuttavia, la gente del posto tende a frequentare altri hammam, poiché quelli che di solito vediamo indicati su Internet sono molto più rivolti ai turisti.
Il bagno turco è una miscela di sauna, bagno e massaggi.
Sono disponibili diversi pacchetti. Quelli più costosi includono trattamenti extra come trattamenti per piedi, mani e pelle, per esempio.
Ho scelto un pacchetto tradizionale (LT 270 a persona), che mi ha fornito un’esperienza completa, ma senza tanti servizi aggiunti.
Inizialmente siamo stati portati in una cabina per cambiarci, ovvero: indossare bikini e costume da bagno (o l’abbigliamento monouso fornito dall’hammam).
Il bagno inizia con un’esfoliazione per rimuovere tutte le cellule morte dal corpo, poi arriva la parte schiuma con il massaggio, che è molto rilassante.
Anche i capelli vengono lavati e alla fine ancora un pò d’acqua per risciacquare il tutto. Oltre a lavarti (letteralmente) le inservienti dell’hammam ti asciugano, ti avvolgono in un asciugamano e ti fanno un bel turbante tra i capelli.
Dopo la procedura di “pulizia”, ​​vieni portato in una sala relax per tè e frutta secca per i prossimi minuti!

Giro in barca sul Bosforo
Ecco un altro fantastico tour da fare a Istanbul.
Ci sono diverse opzioni per le crociere sul Bosforo, alcune più brevi, altre più lunghe (i prezzi variano anche a seconda della crociera scelta). Ci sono tour che durano quasi tutto il giorno, fermandosi al villaggio di Anadolu Kavagi (l’ultimo porto prima di raggiungere il Mar Nero).
È un piccolo borgo le cui principali attrazioni sono una torre, le rovine di un castello e ristoranti dove mangiare godendosi il bellissimo panorama.
Con la crociera “versione base” di un’ora e mezza, puoi navigare lungo il Bosforo e vedere moschee, palazzi e palazzi lungo il percorso.
Il consiglio è di fare il tour vicino al tramonto, per godere di uno dei tramonti più belli del mondo! Seriamente: lo skyline di Istanbul non ha eguali!
Per quanto riguarda il tour, puoi acquistarlo da un’agenzia di viaggi o direttamente dai venditori che si avvicinano ai turisti vicino a Porto (dipende dal tuo interesse e dalla categoria di crociera che desideri – se vuoi qualcosa di più privato e personalizzato, devi prenotare con un’agenzia).

Tour del quartiere del Corno d’Oro
Se avete ancora un pò di tempo in più, vi consiglio un tour della regione del Corno d’Oro, storicamente abitata da minoranze etniche e religiose.
La cosa curiosa della regione sono le facciate degli edifici: tutti a colori – sono stati addirittura elencati dall’UNESCO e stanno subendo un processo di rivitalizzazione.
Oltre alle facciate colorate, da segnalare la Chiesa di S. Teodosia e il Patriarcato greco-ortodosso .

Tour asiatico
Infine, se hai più tempo, puoi includere un tour della parte asiatica di Istanbul.
Sebbene le grandi attrazioni siano tutte sul lato europeo, sul lato asiatico vivrai l’esperienza locale, imparando un pò di più sulla vita quotidiana di chi ci vive, fuggendo dal turismo di massa.
Anche per lo shopping è una buona idea: i souvenir acquistati nei negozi della parte asiatica saranno più economici di quelli venduti al Grand Baazar, ad esempio.
Un altro luogo da visitare è la Promenade Kadikoy, che vi regalerà uno dei migliori tramonti della città.
Il quartiere Moda è il più cool della regione, ricco di negozi d’arte, musica, teatri, caffè, librerie, bar, oltre a una super vista sul Mar di Marmara.
Altri due punti di interesse situati sul lato asiatico sono: la moschea Mihrimah Sultan (vicino al terminal dei traghetti di Üsküdare ) e il palazzo Beylerbeyi.
Il modo migliore per raggiungere la parte asiatica di Istanbul è prendere un traghetto dal porto di Eminonu e sbarcare a Kadikoy.

Cisterna Basilica
Ponte sul Bosforo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.