Itinerario per visitare l’Egitto seguendo il Nilo

Nonostante l’Egitto sia uno dei 30 paesi più grandi del mondo, solo il 5% della sua superficie totale è utilizzata dalla popolazione. Al contrario, quasi il 100% delle sue risorse idriche viene utilizzato, a causa di un ecosistema prevalentemente sterile.
Essenziale per il sostentamento di circa 90 milioni di persone nel solo Egitto, il Nilo non è solo il fiume più lungo del pianeta, ma anche uno dei più vitali, essendo il punto focale di tutta la pianificazione urbana del paese.
Il Nilo entra in Egitto attraverso il Sudan a sud e scorre a nord fino a sfociare nel Mar Mediterraneo. Ebbene, è proprio il Nilo che abbiamo voluto seguire in questo viaggio, iniziando il nostro itinerario ad Assuan, la città egiziana più meridionale, facendo poi una crociera tra Assuan e Luxor e continuando ad accompagnarvi attraverso i finestrini di un treno da Luxor al Cairo.

L'enigmatica sfinge

Marzo – Novembre

Cultura, Città, Natura

2 settimane

1000 – 2000 €

Giorno 1: Assuan
Assuan è la città più meridionale dell’Egitto ed è da lì che abbiamo riportato alla mente i ricordi più belli del fiume Nilo: ricordi di calme acque blu, piccole barche a vela, isole verdi, sponde con palme, massi rotondi di granito e, proprio dietro, grandi dune dorate.
Al mattino abbiamo visitato Elefantina, l’isola dove abbiamo soggiornato. L’isola si trova proprio di fronte alla città di Assuan ed è facilmente raggiungibile a piedi. Dopo aver visitato due villaggi nubiani chiamati Siu e Kutti, siamo entrati in Animalia, un museo non ufficiale sulla Nubia, una regione attualmente condivisa da Egitto e Sudan, le cui persone si distinguono per la loro carnagione più scura e la loro cultura e dialetto.
Nel pomeriggio abbiamo visitato il Museo Nubia, ad Assuan, dove è conservata una parte importante della storia, della cultura e dell’arte di questa civiltà; il Feryal Garden, un buon posto per osservare sia la gente del posto che il fiume Nilo ricoperto di toni dorati al tramonto e i “souk”, le strade del tradizionale mercato di Assuan, frequentate per lo più dalla popolazione locale che vi acquista i propri generi di prima necessità.

Dove abbiamo dormito Nubian Lotus.

Giorno 2: Abu Simbel e i Templi di Philae
Nelle vicinanze di Assuan si trovano due dei principali monumenti dell’Egitto faraonico: Abu Simbel e i Templi di Philae (entrambi Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO).
In questo giorno, ci siamo svegliati all’alba per, dopo un viaggio di tre ore nel deserto, visitare i due templi di Abu Simbel, costruiti nel XVI secolo da Ramses II, il faraone più potente dell’antico Egitto.
Siamo tornati ad Assuan in tempo per il pranzo e, nel pomeriggio, siamo andati a vedere i Templi di Philae, situati ad Agilika, una piccola isola del lago Nasser, a circa 10 km dalla città. Tra i Templi di Philae, abbiamo dedicato particolare attenzione a quello di Iside, cercando di decifrare sulle sue pareti la storia d’amore tra Iside e Osiride, due delle principali divinità egizie.
Al tramonto, siamo tornati ad Assuan per la cena. Siamo tornati al souk, il mercato di strada, e come la gente del posto, abbiamo passeggiato tranquillamente lungo la Cornish El Nil, la strada principale della città, lungo il Nilo.

Dove abbiamo dormito: Nubian Lotus.

Giorni 3, 4 e 5: Crociera sul Nilo
Da Assuan siamo andati a Luxor con la “dahabiya”, una barca con una dozzina di passeggeri, che ci ha riportato nel 19° secolo, quando queste grandi e lussuose barche a vela erano l’unico mezzo di trasporto per coloro che visitavano l’Egitto.

Tempio di Abu Simbel

Giorni 6 e 7: Luxor
Situata a 675 km a sud del Cairo, Luxor fu la capitale dell’Antico Egitto nel suo periodo di massimo splendore, più precisamente durante il Nuovo Regno (XVI secolo – XI secolo aC). In questo periodo, in cui vissero importanti faraoni e vi fu un grande sviluppo culturale, questa capitale fu chiamata Tebe.
Dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1979, l’antica Tebe era situata su entrambe le sponde del fiume Nilo. Sulla sponda orientale c’era la parte principale della città. Sulla sponda occidentale, la necropoli o “città dei morti”, poiché qui si trovavano le tombe reali e i templi funerari.
Per visitare tutto con calma, abbiamo deciso di trascorrere due giorni a Luxor: il primo giorno abbiamo visto i principali monumenti della sponda orientale e, il secondo, quelli della sponda occidentale.

Dove abbiamo dormito: Aracan Estabe Luxor Hotel , vicino al Museo di Luxor (2 notti).

Ecco il nostro itinerario a Luxor:
– Giorno 1 (riva orientale)
– Visita al Tempio di Karnak (ingresso: EGP 150), considerato il luogo più sacro del Nuovo Regno e alla cui costruzione contribuirono molti faraoni. In realtà, non è un unico tempio, ma un complesso di tre templi principali (dedicati ad Amon, il “dio del sole”, sua moglie Mut e suo figlio Khonsu), tra diversi altri santuari secondari, cappelle, pilastri e altri edifici. Nonostante attualmente appaia piuttosto in rovina, Karnak conserva ancora molte caratteristiche che la rendono uno dei principali monumenti egizi, come: la grandiosa sala ipostila, dove si possono vedere 134 colonne di 23 metri ciascuna e il Tempio di Amon, la struttura principale della complesso e il più grande luogo di culto mai costruito
– Pranzo al ristorante Sofra, vicino al Tempio di Luxor, dove abbiamo degustato alcuni dei piatti egizi più emblematici in un’atmosfera tranquilla, bella e accogliente
– Visita al Tempio di Luxor (ingresso: EGP 140), costruito da diversi faraoni tra il XIV e il XVIII secolo a.C., quando nel complesso fu costruita una moschea per commemorare Abu Al-Haggag, responsabile di portare l’Islam a Luxor. Il viale delle sfingi che collegava questo tempio a quello di Karnak era in restauro quando visitammo Luxor e dovrebbe essere pronto presto
– Passeggia nel “souk”, il tradizionale mercato di strada (da non confondere con il presunto mercato di Luxor, per il quale diversi luoghi cercano di attirare turisti e che non sarà altro che un edificio con diverse botteghe artigiane)
– Il tempio di Luxor

– Giorno 2 (Cisgiordania)
– Visita alla Valle dei Re (ingresso: EGP 200), dove sono sepolti molti dei faraoni del Nuovo Regno
– Visita al tempio di Hatshepsut o ad Al-Deir Al-Bahari (ingresso: EGP 100). Questo tempio si distingue per il suo stile architettonico classico e per essere stato il tempio della “prima donna faraone” nella storia dell’Antico Egitto. Di tutti i templi che abbiamo visitato a Luxor, questo è stato quello che mi è piaciuto di meno, forse perché è stato ricostruito in maniera massiccia e perché ha avuto così tanti visitatori
– Visita a Medinet Habu (ingresso: EGP 80), il mio tempio preferito a Luxor, non solo perché lì ho visto i dipinti e i rilievi meglio conservati durante l’intero viaggio, ma anche perché ho potuto apprezzarli lontano dalla folla
– Visita ai Colossi di Memnone (accesso libero), due statue in pietra alte 18 metri, unici resti del Tempio di Amenhotep III, distrutto da un terremoto poco dopo la sua costruzione
– Pranzo al ristorante Al Sahaby Lane, uno dei nostri preferiti dell’intero viaggio, non solo per la sua cucina tipica egiziana, ma anche per la vista dalla terrazza sulla terrazza
– Visita al meraviglioso Museo di Luxor (ingresso: EGP 140), così utile per comprendere la storia ei monumenti del Nuovo Regno. Orario: 9:00-14:00 e 17:00-19:00

Una feluca egiziana sul fiume Nilo

Giorno 8: Viaggio in treno tra Luxor e Il Cairo
Nonostante si possa andare in aereo da Luxor al Cairo, impiegando poco più di un’ora, abbiamo deciso di andare in treno, in un viaggio di circa 10 ore.
Partiamo dalla stazione di Luxor alle 9:15. Volevamo vedere il paese passare dall’altra parte del finestrino, sentirci più vicini alla popolazione locale e fermarci per un pò. L’Egitto è un’iperbole di templi, faraoni e dei; un eccesso di informazioni difficile da assimilare da chi lo visita. Se non stiamo attenti, ci ritroviamo a correre a visitare più monumenti possibili e a cercare di capire il più possibile in pochi giorni, per poi dimenticare quasi tutto alla fine.

Dove abbiamo dormito: Galaxy Royal Suites Hotel al Cairo (4 notti).

Giorni 9, 10 e 11: Il Cairo
Dopo aver trascorso 10 ore seduti sul treno, siamo arrivati ​​nel trambusto che è Il Cairo, una delle città più grandi dell’Africa. Situata nel nord-est del paese, sulle rive del Nilo, la città unisce l’antico e il moderno, l’est e l’ovest.

Tempio di Luxor

Il Cairo

Ecco, in estrema sintesi, il nostro itinerario al Cairo:
Dove abbiamo dormito: Galaxy Royal Suites Hotel .

– Giorno 1
Al mattino: Piramidi di Giza e Grande Sfinge (ingresso: EGP 160), nonché ingresso alla piramide di Chefren (EGP 100). Orario: 8:00-16:00
Pranzo al Pizza Hut (ottima vista della Sfinge e delle Piramidi dalla terrazza)
Pomeriggio: Quartiere Copto , dove visse la Sacra Famiglia quando fuggì in Egitto. Abbiamo visitato la Chiesa dei Santi Sergio e Bacco, la Chiesa Sospesa e il Museo Copto. L’accesso alle chiese è gratuito, mentre il Museo costa EGP 100
Cena al Barcelos, un ristorante che abbiamo scoperto vicino al nostro hotel
Tour a piedi della zona dell’hotel

– Giorno 2
Al mattino: Museo Egizio, dove sono custoditi i più grandi tesori dell’Antico Egitto. Il biglietto generale costa EGP 300 e comprende già l’ingresso alla Sala delle Mummie. Per scattare foto all’interno del museo è necessario pagare un biglietto aggiuntivo di EGP 50. Orario di apertura: 9:00-17:00, tutti i giorni. Il giovedì e la domenica è possibile visitare anche dalle 17:30 alle 21:00, ma i biglietti sono più cari. Il Museo si trova in piazza Tahrir (centro della Rivoluzione Egizia nel 2011) ma, dal 2020, è prevista l’apertura del Gran Museo Egizio, vicino alle Piramidi di Giza
Pranzo: Abo Tarek, un ristorante dove si serve solo il “koshari”, piatto nazionale a base di ceci, lenticchie, riso, pasta e cipolle fritte
Nel pomeriggio: Cairo medievale o islamico, tra cui: salita al minareto Bab Zuweila, visita della Sharia Al Muizz Li Din Allah, visita del Complesso Sultan Al-Ghuri e della Moschea Al-Azhar, visita del Bazar Khan Al Khalilli e riposo al caffè Fishawi
Cena vicino alla Moschea Al-Azhar. Abbiamo comprato due “shawarma” (pane con carne arrostito su uno spiedino verticale) al ristorante Gad, dove eravamo già stati ad Assuan. Ancora una volta, molto buono ed economico

– Giorno 3
Al mattino: Piramidi di Saqqara (ingresso: EGP 150) per vedere piramidi anche più antiche di quelle di Giza
Nel pomeriggio: Parco Al-Azhar (ingresso: EGP 15), un’oasi di tranquillità all’interno della città
Ritorno a piedi al Cairo medievale o islamico

Il Cairo, Moschea

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.