Itinerario di 8 giorni in Andalusia (in auto)

La comunità autonoma dell’Andalusia è una regione nel sud della Spagna in cui si incrociano influenze cristiane e musulmane e ci sono templi megalitici, parchi naturali e città vibranti.
Nella speranza di ispirare più persone a visitare le molte perle dell’Andalusia – come la Moschea-Cattedrale di Cordova o Alhambra, la città di Ronda e il Pueblos Blancos o il Caminito del Rey – qui lascio il mio itinerario di viaggio in Andalusia in auto.

Scorcio dell'Alhambra a Granada

Tutto l’anno

 Coppia, Cultura, Città, Natura 

8 giorni

 1000 – 2000 €

1° giorno: Arcos de la Frontera

Ho trascorso gran parte della giornata per il viaggio verso Arcos de la Frontera, che ho iniziato a esplorare non appena sono arrivato. Il pomeriggio era già inoltrato ed ho finito per lasciare la maggior parte delle visite per la mattina successiva.
Dopo una breve passeggiata per le strade acciottolate, sono andato a cena; e posso garantire che ho mangiato molto bene nei bar di tapas in città. È stato l’inizio perfetto per la rotta Pueblos Blancos.
Pernottamento ad Arcos de la Frontera: Casa Campana.

2° giorno: Pueblos Blancos

Per quelli che vengono da Siviglia, e non da Cadice, l’Arcos de la Frontera segna, per così dire, l’inizio di una possibile rotta attraverso i Pueblos Blancos dell’Andalusia.
Mi sono alzato nei primi raggi del sole per esplorare la località, ancora deserta, meravigliato della luce del mattino al punto di vista di Abades. Poi, ho visitato la Basilica di Santa Maria, situata nell’iconica Plaza del Cabildo; Entrai nella chiesa di San Pedro e fui sorpreso dal presepe del Museo di Belém.
Da lì, sono andato a visitare molti dei “villaggi bianchi” dell’Andalusia, tra cui l’incantevole Grazalema, Zahara de la Sierra e Setenil de las Bodegas – sulla strada per Ronda.
Si noti che non tutte le località sono piccoli villaggi e che non esiste un percorso ufficiale Pueblos Blancos, con un inizio ed una fine; c’è invece una serie di villaggi che si adattano a questa designazione e possono essere visitati in qualsiasi ordine.
Nel tardo pomeriggio, c’è ancora tempo per visitare Ronda e godersi, per la prima volta, l’impressionante vista del cosiddetto Ponte Nova.
Pernottamento a Ronda: Casa del Guardés del Molino de Alarcón (appartamento, consigliato per un gruppo di quattro o cinque persone).

3° giorno: Ronda e Caminito del Rey

Ho lasciato Ronda alla fine della mattinata, diretto a El Chorro, con l’obiettivo di realizzare il Caminito del Rey. È una serie di passerelle costruite sulle ripide scarpate della gola di Gaitanes per consentire l’accesso ai lavoratori delle dighe, per facilitare il trasporto materiali e manutenzione delle dighe.
Dopo anni di abbandono, le passerelle sono state recuperate e aperte al turismo, in completa sicurezza. Camminarci attraverso è stato uno dei momenti salienti del mio itinerario di viaggio in Andalusia.
Alla fine, ho scelto di passare la notte in un meraviglioso glamping (campeggio di lusso) molto vicino alla città di Alora, dove ho cenato divinamente.
Pernottamento ad Alora: Hidden Valley Andalucia (molto buono!). Altri hotel consigliati sono l’Hostal Caminito del Rey, anch’esso ad Alora; o il Complejo Turístico La Garganta, a El Chorro (vicino alla fine della strada).

4° giorno: Antequera e Granada

Ho lasciato Alora la mattina presto, dirigendomi verso la regione di Antequera. L’obiettivo era visitare la Cova da Menga e il Parco Naturale Torcal de Antequera, prima di dirigersi a Granada, dove avrei pernottato.
L’Antequera Dolmen Archaeological Ensemble è incluso nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO in Spagna e comprende cinque siti distinti. Sono uno dei siti preistorici più preziosi e riconosciuti di tutta l’Andalusia ma, non potendo vederli tutti durante l’itinerario in Andalusia, ho scelto di visitare il dolmen di Menga. È una tomba megalitica, di proporzioni ragionevoli, la cui costruzione si stima sia stata completata tra il 3.800 a.C. e il 3.400 a.C. è, in una parola, affascinante.
Ho lasciato l’Antequera Dolmen alle spalle e sono andato a vedere i paesaggi carsici di Torcal de Antequera. Le piogge del giorno precedente avevano inzuppato i sentieri, quindi, dopo aver considerato le alternative, ho finito per stare vicino al centro informazioni per i visitatori ed esplorare solo i dintorni.
La mattinata si è conclusa con il resto del viaggio verso Granada, dove ho immediatamente iniziato a esplorare il carismatico quartiere di Albaicín. È stato lì che ho soggiornato – e consiglio vivamente di scegliere quella zona della città.
Pernottamento a Granada: nel quartiere di Albaicín, senza dubbio. Suggerisco gli appartamenti Smart Suites Albaicín; l’ostello Cuevas Coloras e l’ostello White Nest più economici; o il fantastico Shine Albayzín e il tradizionale Palazzo i Santa Inés.

5° giorno: Granada

Ho visitato i quartieri di Albaicín e Sacromonte; numerosi punti di vista e il centro storico; e, naturalmente, il magnifico complesso dell’Alhambra. Non da ultimo, ho mangiato molte tapas e salmorejo, dopo aver gustato una cena memorabile al ristorante Rosario Varela.
In breve, ho trascorso solo due giorni in città, ma “sono rimasto incantato”.

Pernottamento a Granada: nel quartiere di Albaicín, senza dubbio. Consiglio gli appartamenti Smart Suites Albaicín; l’ostello Cuevas Coloras e l’ostello White Nest più economici; o il fantastico Shine Albayzín e il tradizionale Palazzo di Santa Inés.

6° e 7° giorno: Cordova

Cordova è stata la destinazione finale del viaggio di una settimana in Andalusia. È un raro esempio di convivenza culturale e religiosa e una delle città più visitate della Spagna, soprattutto per un particolare edificio: la straordinaria cattedrale-moschea.
Naturalmente, le attrazioni di Cordova non finiscono qui, al contrario. Dal gustoso salmorejo al ponte romano, dai tradizionali cortili di San Basilio all’Alcácer dos Reis Cristianos, dall’accogliente quartiere ebraico ai bagni arabi, non mancano motivi di interesse per la città.
Come è evidente, in soli due giorni non ho avuto il tempo di visitare tutti gli angoli di Cordova; ma comunque sono riuscito a visitare molti dei punti più emblematici della città.
Pernottament a Cordova: Patios del Orfebre è una scelta buona ed economica, così come l’Hotel San Miguel e persino l’Hostal Osio. Potendo pagare un po’ di più, lo splendido Hotel Madinat e l’ispirante Hotel Boutique Patio del Posadero sono ottime scelte.

8° giorno: Ritorno

Il piano originale prevedeva una breve deviazione per visitare Medina Azhara, alla periferia di Cordova; ma è stata una giornata burrascosa, quindi ho rinunciato all’idea, fare una passeggiata ancora per cordova e poi recarmi in aeroporto per il rientro a casa.

La fortezza di Granada
Scorcio del paese di Ronda
Dettaglio all'interno dell'Alhambra
L'Alhambra a Granada
La Plaza de Toros di Ronda
Scorcio di Cordova

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *