Visita Reykjavik: la guida completa

Reykjavik a volte è la tappa non amata dai viaggiatori. L’Islanda è un paese che decidiamo di visitare per la bellezza dei suoi spazi naturali, non certo per un soggiorno in città. Tuttavia, penso che sia un peccato perdere Reykjavik.
È una capitale atipica e accattivante, piena di belle sorprese per chi si prende il tempo per scoprirla. Inoltre, visitare Reykjavik permette di comprendere meglio la storia e la cultura dell’Islanda, un paese unico e diverso da tutti gli altri e con una ricca vitalità artistica.
Se hai intenzione di visitare Reykjavik in uno o due giorni, avrai tempo per vedere i luoghi imperdibili della città: la chiesa Hallgrímskirkja, la sala concerti Harpa, il centro città con le sue case colorate, gli affreschi delle strade ed il Museo Nazionale d’Islanda.

Hallgrímskirkja, la chiesa di Reykjavik

Tutto l’anno

Città, Natura, Coppia

3 – 5 giorni

1000 – 2000 €

1 – Chiesa di Reykjavik: Hallgrímskirkja
Il simbolo di Reykjavik è la Chiesa luterana di Hallgrímskirkja. La sua architettura, molto originale per un edificio religioso, ricorda gli organi di basalto formati dalle colate laviche in Islanda. La bellezza della natura del paese è fonte di ispirazione per gli artisti. Disegnata da Guðjón Samúelsson, domina l’intera città dalla cima della sua guglia a un’altezza di 75 m. Proprio di fronte alla chiesa, puoi vedere una statua di Leifur Eiriksson, che scoprì il Nord America nell’anno 1000, 400 anni prima di Cristoforo Colombo. Era il figlio di Eric il Rosso, che scoprì la Groenlandia intorno al 980.
L’interno di Hallgrímskirkja (accesso gratuito) è piuttosto sobrio, ma puoi salire in cima (accesso a pagamento) per avere una vista panoramica della baia di Reykjavik e delle sue case colorate.

2 – La sala concerti Harpa
L’Harpa è la sala da concerto e il centro congressi della capitale islandese. Inaugurato nel 2011 e realizzato dallo studio di architettura Henning Larsen e dal designer Olafur Eliasson, è l’edificio più bello della città. Con oltre 10.000 lastre alveolari, la facciata è in osmosi con il cielo, il mare e il sole che ne modificano l’aspetto a seconda del tempo e dell’ora del giorno, come un vero e proprio caleidoscopio. Il più bello è ovviamente al tramonto, quando l’edificio è in fiamme di rosso e oro.
L’ingresso è gratuito e puoi passeggiare per i diversi piani per vedere l’architettura degli interni. Da parte mia, ho adorato la vista del porto attraverso le finestre. Inoltre, c’è wifi gratuito e pouf ovunque per poter riposare tranquillamente prima di riprendere le visite…
Se non partecipi a un concerto nella grande sala, puoi andare a vedere i piccoli spettacoli destinati ai turisti per capire meglio l’Islanda con umorismo (prezzo tra 30 e 35 euro). Ho riso molto con “Come diventare islandese in 60 minuti”. È una buona introduzione per iniziare un viaggio in Islanda e scoprire le specificità insolite della cultura locale. Altrimenti c’è anche “Icelandic Sagas”, una commedia in costume che racconta le incursioni vichinghe, le vendette, le storie d’amore e i delitti d’onore delle leggende islandesi, che hanno ispirato le saghe moderne de Il Signore degli Anelli o Il Trono di Spade. Attenzione però: è meglio avere un buon livello di inglese per godersi gli spettacoli.

3 – Downtown Reykjavik: case colorate e street-art
Il centro di Reykjavik si articola lungo Laugavegur Street, la principale via dello shopping, e nell’area compresa tra il porto e il lago Tjornin, attorno ad Aðalstræti, la strada più antica della capitale. Qui troverai graziose case colorate in legno o lamiera ondulata.
Reykjavik ha anche bellissimi affreschi di street art. Difficile dare luoghi precisi, soprattutto perché i dipinti appaiono e scompaiono… Nuovi artisti vengono a dipingere sui vecchi affreschi. Anche l’arredo urbano di Reykjavik è pieno di fantasia e colore, come pali e barriere per auto.
Laugavegur è davvero la spina dorsale di Reykjavik. Qui troverai la maggior parte dei ristoranti, bar, negozi di souvenir e articoli sportivi. È anche uno dei posti migliori per trovare un hotel.

4 – La scultura Sólfar in riva al mare
Una delle cose da non perdere a Reykjavik è la scultura Sólfar, il viaggiatore del sole in islandese, creata da Jon Gunnar Arnason. Di fronte al mare, sembra una nave vichinga diretta verso il sole al tramonto. È uno dei luoghi più fotografati di Reykjavik, stupendo da vedere al tramonto.

5 – Il Museo Nazionale d’Islanda
Per me è una tappa obbligata da fare all’inizio di un viaggio in Islanda, per capire meglio la storia del paese e la cultura degli abitanti. Scopriamo l’affascinante saga dei Vichinghi e la storia dell’insediamento di quest’isola vulcanica piuttosto inospitale. Tra carestie ed eruzioni, l’asprezza dell’ambiente ha plasmato a lungo la singolare personalità degli abitanti di questo paese. Informazioni pratiche sul sito web del Museo Nazionale d’Islanda .

Centro di Reykjavik
Veduta di Reykjavik

Se rimani un po’ più a lungo a Reykjavik, avrai tempo per scoprire di più la ricchezza artistica e culturale di questo paese unico. La sua natura ostile, di ghiaccio e fuoco, agisce come un gigantesco calderone creativo. Come non impazzire quando rimani rinchiuso tutto l’inverno al freddo polare e in una notte che dura più di 20 ore al giorno? Ebbene, dipingiamo, scolpiamo, scriviamo, componiamo musica…Inoltre, con una natura così bella e maestosa, come non volere disegnarla, sublimarla, condividerla? Molti islandesi hanno così sviluppato un’anima artistica. Ci sono molte perle culturali da scoprire a Reykjavik!

6 – Il Museo Asmundur Sveinsson – Asmundursafn
Uno dei miei preferiti a Reykjavik è il museo dedicato allo scultore Asmundur Sveinsson. Fu l’artista stesso a costruire l’edificio, un insieme bianco immacolato con una cupola centrale fiancheggiata da due piramidi tronche. Molte sculture sono esposte all’esterno nel parco, con accesso libero. Ma sarebbe un peccato non tornare, soprattutto perché sei molto ben accolto lì con le spiegazioni della guida e il caffè gratuito.
All’interno i giochi di luce sono sublimi, in una perfetta osmosi tra architettura e scultura. Il lavoro dell’artista si ispira ai personaggi delle saghe islandesi, dei racconti popolari e della mitologia classica. Info e tariffe sul sito di Asmundursafn.

Vedi anche: il museo dedicato allo scultore Einar Jonsson: Listasafn Einars Jonssonar, considerato uno dei più importanti scultori islandesi. Non ho potuto visitarlo perché è stato chiuso per molto tempo per lavori, ma ho intenzione di visitarlo durante il mio prossimo viaggio in Islanda.

7 – Museo d’arte di Reykjavik – Kjarvalsstaðir
Situato in un grande parco, il Museo d’Arte di Reykjavik è dedicato principalmente al pittore Johannes Kjarval (1885-1972), per il quale è stato costruito. Un’altra parte del museo è dedicata alle mostre temporanee. Kjarval è uno dei più grandi pittori islandesi e ha ripreso come nessun altro artista i paesaggi più belli dell’isola. Penso che sia un’ottima introduzione prima di andare a vederli di persona, o al contrario, vederli alla fine del viaggio per poter identificare meglio i dipinti.

Vedi anche: Hafnarhaus (la casa del porto). Situata vicino al porto vecchio, questa galleria, che fa parte del Museo d’arte di Reykjavik, espone le opere del pittore islandese Erro. Influenzato dalla pop art e dai fumetti, questo pittore molto viaggiato incarna la giovinezza artistica dell’Islanda. Originale e mozzafiato!

8 – La Galleria Nazionale d’Islanda – Isole Listasafn
Per continuare il viaggio attraverso l’Islanda sui dipinti su tela, vai alla National Gallery of Iceland, sulle rive del lago Tjornin. Architettonicamente è un luogo interessante, perché è un vecchio frigorifero per la conservazione del pesce, convertito in una galleria d’arte. Gran parte dello spazio è dedicato a mostre temporanee.

9 – Isola di Viðey
Viðey è una piccola isola costiera situata proprio di fronte a Reykjavik. È una buona idea per una gita di mezza giornata. Oggi non è più abitata, ma si può vedere la più antica casa colonica in pietra del paese, trasformata in ristorante, nonché la seconda chiesa più antica d’Islanda.

10 – Áfangar
Puoi camminare lì, osservare gli uccelli e vedere opere d’arte minimaliste. La Imagine Peace Tower è una torre bianca in omaggio a John Lennon, progettata da Yoko Ono. Si accende ogni anno dal 9 ottobre all’8 dicembre (date di nascita e morte degli ex Beatles). Puoi anche vedere l’opera Áfangar, dell’americano Richard Serra, con nove coppie di colonne di basalto sparse nel paesaggio.

Sala concerti a Reykjavik
Scultura nel porto di Reykjavik

11 – Fai il bagno in una piscina a Reykjavik
Andare in piscina è davvero una delle cose essenziali in Islanda. Per gli islandesi, è un’uscita sociale, spesso con gli amici, per godersi i bagni caldi. Per i viaggiatori stranieri, questa è l’occasione perfetta per conoscere la gente del posto. Le conversazioni sono facili nelle vasche idromassaggio. A Reykjavik ci sono un totale di cinque piscine, tutte alimentate da sorgenti termali naturali. La mia preferita è Laugardalslaug con una grande piscina di 50 metri per nuotare, una piscina coperta di 25 metri e numerose vasche idromassaggio. D’altra parte, è un pò fuori luogo. Questa è la piscina ideale se soggiornate in campeggio, ma per il resto è un pò lontana. Se alloggi in centro città, ti consiglio invece Vesturbaejarlaug, più piccola, ma anche più locale (un amico di Reykjavik mi ha detto che lì incontrava regolarmente Bjork). Nota: devi fare la doccia nudi prima di nuotare nelle piscine in Islanda.

Cosa fare e vedere nei dintorni di Reykjavik
Reykjavik è una buona base per esplorare i siti circostanti. Che sia con un’auto a noleggio o con escursioni organizzate, potrete trascorrere diversi giorni girando per i dintorni, mentre tornate a dormire nella capitale e godervi così la vita notturna con tanti bar e ristoranti. Per un breve soggiorno in Islanda (meno di una settimana), questa è un’ottima formula: rimani nella capitale e parti per la giornata. Le possibilità di escursioni da Reykjavik sono molto numerose.

12 – Fare il bagno nella Laguna Blu
La Laguna Blu è uno dei luoghi più famosi d’Islanda. Alcuni potrebbero pensare che sia costoso e troppo turistico, ma lo adoro e ci vado ogni volta che viaggio in Islanda. Fare il bagno in questa laguna di acqua calda in mezzo ai campi di lava è un’esperienza fantastica! Situato molto vicino all’aeroporto di Keflavik, questo può essere il primo posto in cui vai, o l’ultimo, prima di prendere l’aereo (c’è un armadietto per lasciare i bagagli se necessario). Altrimenti puoi ovviamente fare il viaggio di andata e ritorno da Reykjavik. Attenzione in alta stagione: è necessaria la prenotazione in anticipo perché è pieno! Se non hai un’auto, puoi prenotare il trasporto di andata e ritorno da Reykjavik alla Laguna Blu.

13 – Scopri il Circolo d’Oro
L’espressione Golden Circle si riferisce ai tre siti più visitati in Islanda, per la loro vicinanza a Reykjavik. Questi sono il Parco Nazionale di Þingvellir, la cascata di Gullfoss e il Geyser. E’ possibile vederli tutti e tre in una giornata con un tour organizzato. Puoi anche combinare l’escursione al Circolo d’Oro con una nuotata nella Laguna Blu o con un tour per vedere il vulcano Kerid, un cratere molto vicino a Reykjavik.

14 – Snorkeling (o diving) a Silfra tra i due continenti
Questa è sicuramente una delle attività più originali da fare nei dintorni di Reykjavik. Situata nel Parco Nazionale di Þingvellir, Silfra è la spaccatura che separa l’America e l’Europa. Il sito è eccezionale, con acque cristalline dove la visibilità è ottima. È possibile fare snorkeling o immersioni (devi avere il Padi). Qualunque sia la stagione, l’acqua è a 2 o 3°C!

15 – Vedere l’aurora boreale
E’ il sogno di ogni viaggiatore in Islanda. Il periodo migliore va da ottobre a marzo, ma in effetti si possono vedere dall’inizio di settembre, quando è abbastanza buio, oppure in primavera fino alla fine di aprile. L’aurora boreale appare quando ci sono brillamenti solari, quindi devi guardare il livello di attività solare, misurato dall’indice Kp. App mobili come Aurora Forecast ti daranno questo tipo di informazioni.

16 – Tour della penisola di Snæfellsnes
La penisola di Snæfellsnes si trova a due ore di auto da Reykjavik. Il modo ideale per andarci è avere un’auto a noleggio e passarci una notte. È qui che si trova la montagna di Kirkjufell, con una bella cascata ai suoi piedi, uno dei luoghi più fotografati d’Islanda.

Statua di Leif Eriksson
Cavalli islandesi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.