Isola di Pasqua: Il lato più lontano del mondo

Dopo decenni che sognavo di visitare i luoghi abitati più remoti del pianeta, ho finalmente messo piede su quel punto quasi invisibile nel Pacifico, a 3.700 chilometri dalla costa cilena e 4.000 chilometri da Tahiti.
Per arrivare all’Isola di Pasqua (Rapa Nui), ho fatto un viaggio di 21 ore, con tre voli e un sacco di tè presi all’aeroporto. Ma Rapa Nui, come lo chiamano i nativi, ha compensato ogni secondo di quella maratona.
Il mio itinerario sull’Isola di Pasqua, in origine era di quattro giorni interi, ma con la cancellazione del mio volo di ritorno (una situazione comune lì, attenzione) ho vinto un giorno bonus per fare una passeggiata e salutare questa destinazione magica.

I Maoi dell'isola di Pasqua

Ottobre – Aprile

Avventura, Mare, Natura

6 giorni

1000 – 2000 € / 2000 – 3000 €

1° giorno – Santiago – Hanga Roa

Il primo gionro passa completamente tra aerei e spostamenti, ci sono volute quasi 30 ore, tra i voli e l’attesa tra i collegamenti. La più lunga di queste fermate è stata a Santiago del Cile, prima dell’imbarco per Hanga Roa, una sosta di 6 ore, poco tempo per rischiare un tour della città.
Nonostante tutto sono arrivato nell’Isola di Pasqua poco dopo mezzanotte, ora locale. Anche se la distanza con la costa cilena è immensa, l’Isola adotta un fuso orario con solo due ore in meno rispetto a quella di Santiago.

Il mio soggiorno sull’isola di Pasqua è stato al Tupa Hotel, uno dei più tradizionali dell’isola, molto vicino al centro di Hanga Roa. Il Tupa Hotel ha persino ospitato il famoso esploratore norvegese Thor Heyerdahl, che ha navigato il Pacifico su un traghetto primitivo per dimostrare che c’erano contatti tra gli abitanti del Sud America e il popolo polinesiano (la celebre spedizione Kon-Tiki).

Il sito archeologico di Anakena

2° giorno – Hanga Roa, spiaggia Poko-Poko, tramonto ad Ahu Tahai

Dopo un’intera giornata dedicata agli aeroplani e agli aeroporti, tutto quello che volevo era sgranchirmi le gambe facendo passeggiate spensierate senza un programma fisso.
Ho colto l’occasione per esplorare Hanga Roa, l’unico centro urbano sull’isola di Pasqua, e noleggiare alcuni tour con un’agenzia locale (ho scelto Insular e mi sono trovato bene).

Ho fatto una nuotata di benvenuto nella spiaggia di Poko-Poko, molto vicino al centro di Hanga Roa. Nel tardo pomeriggio invece, ho fatto quello che fanno tutti i visitatori: ho assistito ad un tramonto assolutamente mozzafiato ad Ahu Tahai, una piattaforma moai sul mare.
Consiglio: non prenotare tour per il primo giorno, perché sarai sicuramente stanco del viaggio e non sarai affatto disposto ad alzarti presto per seguire l’itinerario del tour.

Tramonto a Ahu Tahai

3° giorno – “Fabbrica Moai”, Ahu Tongariki, “l’ombelico del mondo” e Anakena Beach

Ben riposato (e già incantato dal paesaggio dell’isola), ho intrapreso un tour di un’intera giornata, che consiste di visite turistiche ad alcune delle principali attrazioni locali.
La partenza è alle 09:00 e il ritorno alle 18:00. e costa circa $60 presso le agenzie del posto.
La prima tappa del tour è al vulcano Rano Raraku, noto come “la fabbrica moai ” perché era lì che sono state scolpite le famose statue che rappresentano gli antenati e che è diventato il logo dell’isola.
Il materiale utilizzato nella fabbricazione del moai non è roccia, ma cenere vulcanica compatta raccolta nel cratere del vulcano e molto più facile da scolpire.
La seconda fermata è ad Ahu Tongariki, forse la più bella dell’isola di Pasqua, con i suoi 15 immensi moai che guardano il mare. Molti moai sono semi-sepolti ed hanno solo la testa fuori. Gli archeologi e gli antropologi non hanno ancora scoperto il motivo, ed hanno deciso di lasciare le statue in questo modo per preservarle dall’erosione.
Dopo pranzo, viene effettuata una visita ad Ahu Te Pito Kura, chiamato “l’ombelico del mondo”, un luogo sacro per Rapa Nui.
Il tour termina con un bagno di mare a Anakena Beach, che ha un bellissimo moai circondato da un albero di cocco.
La sabbia bianca di Anakena Beach e il mare cristallino ricordano i Caraibi, ma la temperatura dell’acqua gelida ti ricorderà rapidamente che sei nel Sud Pacifico! 🙂

Moai a Ahu Tongariki

4° giorno – Vulcano Rano Kau, villaggio cerimoniale di Orongo, grotte di Ana Kai Tangata (al mattino), grotte di Ahu Akivi e Te Pahu

Il vulcano Rano Kau è estinto e il suo cratere è ora un bellissimo lago. Anche la vista dall’alto è magnifica. Ma la parte migliore del tour è la visita al villaggio cerimoniale di Orongo, in cima al vulcano con vista sul mare.
Sulla via del ritorno a Hanga Roa c’è una sosta alle grotte di Ana Kai Tangata, ricoperte di pitture rupestri.

Questo tour costa $35. Parte dall’hotel alle 8 del mattino e ritorna verso mezzogiorno.
Dopo pranzo a Hanga Roa, ho visitato Ahu Akivi, un insieme di sette moai molto ben conservati, le uniche statue giganti dell’isola che si affacciano sul mare.
Successivamente mi sposto nella cava vulcanica di Puna Pau, dove sono stati scolpiti i “piccoli cappelli” dei moai e che si trova sulla strada per il complesso della caverna di Te Pahu, dove parte della popolazione dell’isola viveva durante le guerre tribali.

Colline dell'isola di Pasqua

5° giorno – Gita in barca alle isole motu

In quello che sarebbe stato il mio ultimo giorno a Rapa Nui, la mia idea era di rilassarmi sulla spiaggia, ma ho scoperto un tour emozionante in motoscafo che mi avrebbe permesso di vedere l’isola da un’altra angolazione, visitando gli isolotti ai piedi del villaggio di Orongo dove gli uccelli considerati sacri depongono le loro uova.
Nonostante il mare furioso, le onde abbastanza alte ed il freddo devo dire che mi è piaciuto molto questa esperienza, la affascinante tra questi giorni di viaggio.

Hangaroa, Isola di Pasqua

6° giorno (bonus) – dall’Isola di Pasqua a San Paolo

Questo giorno ha finito per essere un bonus nel mio itinerario, poiché il mio volo è stato ritardato di un giorno, ed ho avuto altre 24 ore per esplorare le bellezze locali.
Ho colto l’occasione per rilassarmi e prepararmi per altre 30 ore di lavoro, con un pernottamento a Santiago (che non era previsto).
È stata una giornata di bagni di mare a Pea Beach, nel centro di Hanga Roa, e di camminate attraverso il bellissimo Ahu Tahai per dire addio al “lato più lontano del mondo”.
Ovviamente, il mio interesse principale per l’Isola di Pasqua era vedere i moai, le leggendarie statue di pietra che sono il logo dell’isola. Ci sono 887 moai sull’isola di Pasqua, anche nel centro del villaggio di Hanga Roa. Ma quello che non mi aspettavo era di imbattermi in un paesaggio così mozzafiato. Praticamente l’intera costa dell’isola di Pasqua è formata da coste ruvide e primitive, colpite da onde furiose, come se l’isola fosse appena emersa dal Pacifico dopo un’esplosione vulcanica.
Le rocce nere che avanzano verso le acque formano un’immagine di inquietante bellezza. In contrasto con questo scenario selvaggio, la bellezza del verde, dove i cavalli selvaggi corrono in stormi e agitando lunghe criniere dorate.
Un fattore che contribuisce a rafforzare la sensazione di essere dall’altra parte del mondo è la strana distribuzione demografica dell’isola di Pasqua. Scoperta dagli europei nel 1772, Rapa Nui fu trasformata, alla fine del XIX secolo, in un enorme allevamento di pecore, affittato dal governo cileno a una società britannica.
Oltre ad abbattere ciò che rimaneva della foresta dell’isola di Pasqua, per far posto ai pascoli, gli “inquilini” europei hanno limitato in ogni modo la popolazione nativa del villaggio di Hanga Roa – fino ad oggi l’unica “città” sull’isola, con 7000 residenti – privandoli dell’accesso alla terra coltivabile e generando un conflitto terrestre che persiste ancora.
Nonostante tutto ho visto panorami che mi hanno fatto venire le vertigini e la rara presenza umana fuori Hanga Roa mi ha quasi indotto all’illusione di essere alla vigilia del giorno della creazione.

Stupenda Rapa Nui!!!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *