Itinerario di 5 giorni a Londra

Conoscere Londra in 5 giorni è difficile, la capitale britannica è una delle città – in realtà metropoli – con più storia, con più musei, con più vita, con più … in tutto il mondo. Ma ovviamente, non tutti possono trascorrere qualche mese sulle rive del Tamigi, non solo per il tempo, ma anche perchè la città è costosa.
Quindi, per cominciare, ci accontenteremo di cinque giorni intensi, quì vi parliamo del nostro viaggio in 5 giorni a Londra 🙂

Tamigi e London eye

Tutto l’anno

Cultura, Città, Coppia, Da soli

 5 giorni

 500 – 1000€

GIORNO 1

Alzarsi presto, è quello che abbiamo fatto praticamente ogni giorno ed è diventata una costante del viaggio, tranne il primo giorno in cui tra l’arrivo in aeroporto, il trasferimento e qualche passeggiata è arrivata già la sera.
Il nostro appartamento era a Notting Hill, quindi quel quartiere fu il primo che abbiamo visto. Siamo arrivati ​​di domenica, proprio il giorno in cui il mercato di Portobello Road è chiuso. Da lì siamo andati in metropolitana perché volevamo continuare il nostro tour dei mercati di Londra: Old Spitalfields Market e Brick Lane. A Brick Lane, oltre alle bancarelle e ai negozi – attenti a Rough Trade, il più grande negozio di vinili che abbiamo mai visto -, ammiriamo i graffiti ed entriamo nel Nomadic Community Garden.
Nel frattempo, ci fermiamo a mangiare il nostro primo fish & chips al Poppies Fish & Chips of Spitalfields. Ci era stato consigliato e attestiamo che erano deliziosi.
Da lì camminiamo, attraversando l’intera città, fino alla Cattedrale di St. Paul e attraversiamo il Blackfriars Bridge verso la South Bank. Ci piaceva l’idea di visitare la città camminando più che andare in metropolitana e non vedere nulla.
Sulla riva meridionale del Tamigi, arriviamo al London Eye. e visto era anche bel tempo ci godiamo un giro nella ruota panoramicha di Londra.
Una volta scesi, siamo andati a vedere il tramonto dal London Bridge, anche se prima ci attraeva vedere il Millennium Bridge con sullo sfondo la Cattedrale di St. Paul.
Volevamo anche salire al punto di vista della Tate Modern ma era già chiuso – solo venerdì e sabato aperto fino alle 22.00.

GIORNO 2

Il nostro secondo giorno a Londra è iniziato con le stazioni ferroviarie: St. Pancras e King’s Cross. La facciata e l’interno, rispettivamente, della stazione ferroviaria dei film di Harry Potter. In King’s Cross c’è la piattaforma 9 ¾ in cui, oltre a un enorme negozio a tema, puoi anche scattare una foto con il carrello incorporato nella colonna … se osi aspettare la coda, più grande del negozio. Se sei un vero fan, dovrai prenderti del tempo da qualche parte per fare il tour di Harry Potter a Londra alla ricerca delle scene dei film.
Prossima fermata, British Museum. Solo lui baserebbe una visita di cinque giorni … quindi abbiamo dovuto ridurre e concentrarci sull’essenziale: cosa vedere al British Museum in due ore: i capolavori o puoi noleggiare anche una visita guidata di un paio d’ore qui.
Un’ altra bella passeggiata ci porta al parco alberato di Soho Square, il colorato Neal’s Yard e il caotico Seven Dials. Per finire nella famosa Trafalgar Square con l’immagine del Big Ben sullo sfondo. Sulla strada ci avviciniamo al chiosco di Charing Cross per ritirare la London Pass card.
Rientro in metropolitana in cerca dei graffiti di Banksy ed arrivammo alla stazione di Waterloo. Purtroppo non li abbiamo trovati.
Volevamo salire sulla terrazza della Tate Modern e abbiamo trovato chiuso per la seconda volta. Questa volta abbiamo attraversato il Millenium Bridge e ci siamo avvicinati al Covent Garden, dove abbiamo mangiato nella Battersea Pie Station, un altro posto che raccomandiamo. Delizioso!
Prima di tornare all’appartamento, visitammo la Chinatown e passiamo per Piccadilly Circus in cui troviamo la fontana con la statua di eros purtroppo in ristrutturazione.

GIORNO 3

Il terzo ed il quarto giorno, ci dedichiamo a visitare le attrazioni incluse nella London Pass card. Ovviamente quando passavamo vicinio ad altri luoghi di interesse ci siamo fermati comunque per visitarli.
Iniziamo la giornata onorando Sherlock Holmes nella sua casa di Baker Street. A quell’ora il museo non era ancora aperto ed abbiamo fatto solo una foto della sua facciata frontale.
Poi sempr econ il pass abbiamo visitato la Cattedrale di St. Paul, il Monumento e la Torre di Londra.
Prima di salire sul Tower Bridge, dove siamo stati fortunati a vedere il ponte che si apriva siamo passato a St Katharine Docks.
L’ultimo “uso” della carta del London Pass di quel giorno sarebbe stato al The Globe anche se lo troviamo chiuso e alla fine siamo riusciti a scalare la terrazza della Tate Modern, dopo aver tentato già due volte, è stato fantastico.
La nostra ultima visita è stata il mercato di Camden con i suoi negozi e il parco vicino al Canale di Regent.
Siamo andati a cena in una steakhouse, Hawksmoor e abbiamo concluso la giornata con la foto notturna del Tower Bridge.

GIORNO 4

Continuiamo a utilizzare la London Pass card, ma iniziamo con una visita alla zona della Piccola Venezia.
Al secondo tentativo, meglio che con la Tate Modern, siamo riusciti ad entrare in The Globe, la replica del teatro in cui Shakespeare ha presentato in anteprima le sue opere.
Visitiamo l’Abbazia di Westminster, che come nella Cattedrale di St. Paul è vietato scattare foto, e le Stanze della guerra di Churchill.
Naturalmente, non potevamo perdere la vista di Buckingham Palace ed il parco di St. James’s Park.
È arrivata la visita ad Harrods, il tempio dello shopping di Londra. E ci siamo goduti il ​​tramonto sul lago di Hyde Park.
Abbiamo terminato la giornata camminando per Carnaby Street prima di tornare nel nostro appartamento per cena.

GIORNO 5

Ricominciamo la giornata a Hawksmoor con una potente colazione inglese, dovete provarla!
Prima di entrare al Museo di storia naturale, un altro museo che vale da solo i 5 giorni a Londra, osserviamo la facciata della Royal Albert Hall.
Così terminiamo il nostro viaggio di 5 giorni a Londra con un tè pomeridiano alla The Tea Terrace, un’altra esperienza molto britannica! Ma prima passeggiamo per i vicoli di Kynance Mews vicino al museo di storia naturale.

London eye
Tipico scorcio di Londra
Quartiere di Westminster
Metropolitana londinese
Museo di storia naturale
Westminster sede del parlamento inglese

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *