New York, itinerario di 9 giorni

Viaggiare a New York è una di quelle cose che devono essere fatte più di una volta nella vita. Perché non solo una? Perché New York cambia in ogni stagione, anzi, cambia ogni minuto. E, naturalmente, ogni anno c’è sempre qualcosa di nuovo: mostre, edifici, ristoranti…
Visitiamo la città che non dorme mai a Natale – questo è l’itinerario di quei nove giorni che abbiamo passato in questa città incredibile.
Indossa le tue scarpe più comode perché, anche se non smetti di salire in metropolitana, camminerai molto a Manhattan e nel resto dei quartieri di New York seguendo i nostri passi.

Veduta di Manhattan

Aprile – Giugno / Settembre – Dicembre

Coppia, Città, Cultura

9 giorni

1000 – 2000 €

Primo giorno – Volo per New York

Arriviamo a New York ​​alle quattro circa e, dopo aver lasciato gli zaini al Chelsea International Hostel, siamo usciti per il primo contatto con la Grande Mela. Giriamo per Broadway, scaliamo l’Empire State Building e di notte ci avviciniamo a Times Square e alle sue decine di insegne al neon per la prima volta.

Secondo giorno

Con il voucher della metropolitana di sette giorni, iniziamo la visita a Manhattan per la sua icona più riconosciuta: la Statua della Libertà da South Ferry. Quindi, siamo entrati nel museo dell’immigrazione a Ellis Island, l’edificio attraverso il quale oltre 12 milioni di immigrati hanno trascorso per anni nel tentativo di entrare negli Stati Uniti.
Sulla via del ritorno a Manhattan, ci siamo avvicinati a Wall Street – fuori, poiché era impossibile entrare – e il Ground Zero – con il museo commemorativo e la chiesa di Saint Paul.
Cena al molo 17 con vista sul ponte di Brooklyn.

Terzo giorno

Metro per il Grand Central Terminal dove abbiamo finito per mangiare le cheesecake al Junior prima di andare a vedere la pista di pattinaggio del Bryant Park. Abbiamo visitato il MoMA, Museum of Modern Art – il nostro primo museo di New York.
Siamo saliti sulla cima della roccia, il tetto del Rockefeller Center, e quando siamo scesi abbiamo fotografato la pista di pattinaggio con illuminazione natalizia e l’albero di Natale. Di sera, ci avviciniamo alla Cattedrale di San Patrizio e passeggiamo lungo la Fifth Avenue con i suoi lussuosi negozi.
Cena a Elephant & Castel.

Quarto giorno – 31 dicembre

Ci prendiamo la mattina per visitare il Museo Guggenheim – Solomon R. Guggenheim Museum. Abbiamo attraversato il Williamsburg Bridge sulla strada per il quartiere di Bedford a Brooklyn, con le sue gallerie d’arte e l’atmosfera hipster. Non ci è piaciuto molto, ma il motivo principale per andare a Brooklyn era mangiare alla Peter Luger Steakhouse: delizioso.
Dopo aver riposato un pò nell’ostello siamo andati a Times Square per vedere la festa di Capodanno – anche se non potevamo avvicinarci troppo.

Quinto giorno – Capodanno

Nonostante sia festivo, a New York ci sono molte cose da fare. Iniziamo con una visita guidata al Madison Square Garden. Continuiamo con un brunch a Elephant & Castle. E siamo finiti al Museo di storia naturale – del film una Notte al museo – incluso il planetario.
Abbiamo cenato con un pastrami a Katz dopo aver attraversato il ponte di Brooklyn di notte e rientrato a Manhattan.

Sesto giorno

Giornata di shopping negli outlet Secaucus. Cena al Dallas Bar-B-Q.

Settimo giorno

Mercati: Hell’s’s Kitchen Flea Market, sulla 39a ovest, tra la nona e la decima strada; Garage Flea Market, nella 25a ovest, tra la sesta e la settima strada; e Chelsea Market, 75 della nona strada. L’edificio dell’ex fabbrica di biscotti nazionale di Nabisco. Brunch a Pastis.
Pomeriggio di quartieri molto popolari a New York, dal Village a TriBeCa – TRIangle BElow CAnal street -, passando per SoHo – SOuth HOuston – Little Italy e Chinatown – la più popolosa Chinatown negli Stati Uniti con più di 200.000 abitanti.

Ottavo giorno

Una giornata a New York prevede una visita in una chiesa per ascoltare una messa evangelica nel Bronx, ce ne sono molte. Dopo le messe siamo andati al Metropolitan Museum – chiuso il 1 ° gennaio – e abbiamo trascorso tutto il pomeriggio nelle sue stanze.
Cena al Bistro Corner.

Nono giorno

Non potevo visitare la città senza andare a visitare per la prima volta il Central Park Reservoir al mattino. Sulla via del ritorno, abbiamo mangiato dei muffin per colazione al Magnolia Bakery e siamo tornati a Central Park per una piacevole passeggiata.
Il nostro ultimo pasto a New York doveva essere come questa grande città e l’abbiamo fato in tre posti: sandwich di pastrami a Katz, tortilla a Elephant & Castle e cheesecake a Junior.

Bus per l’aeroporto e volo per il ritorno a casa.

One World Trade Center a New York
I famosi taxi di New York
La statua della libertà
Ponte di Brooklyn
La Grand Central Station di New York
Il giardino di Central Park

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *