Costiera Amalfitana, Capri, Pompei e Napoli in 7 giorni

Composta da paesi come Ravello, Amalfi, Praiano o Positano, la splendida Costiera Amalfitana offre un complemento perfetto tra l’affollata Napoli e il lusso dell’isola di Capri. Si trova in Campania ed è una fascia costiera di grande bellezza e raffinatezza, una delle destinazioni più sofisticate del sud Italia.
La Strada Statale 163 o strada amalfitana, inizia esattamente a Piano di Sorrento e poi corre fino a Vietri sul Mare, attraversando le città di Positano, Praiano, Amalfi, Minori e Maiori (vicino al Mar Tirreno). Solo Ravello è lontano dalla strada amalfitana, proprio in cima alla montagna.
Ecco alcuni consigli che contribuiranno notevolmente a un viaggio agevole attraverso la Costiera Amalfitana. Parlo in particolare di come arrivarci, il momento migliore per visitare, suggerimenti per l’utilizzo del trasporto locale, informazioni sul miglior villaggio in cui soggiornare (Positano, Amalfi o Ravello?), e molti altri consigli utili.
Questo è il mio itinerario di una settimana per visitare la Costiera Amalfitana, più Capri, Napoli e Pompei. Avendo più tempo, includerei le isole di Procida o Ischia (dove però non sono andata).

L'isola di Capri e i Faraglioni

Tutto l’anno

Città, Cultura, Natura, Enogastronomico

7 giorni

1000 – 2000 €

1° e 2° giorno: Napoli

Napoli non è facile da definire. Non so quanti tentativi ho fatto per descriverla, soprattutto quando provo a scrivere su cosa fare a Napoli, ma nessuno altro luogo è all’altezza del capoluogo della Campania.
Sono innamorata di Napoli, una città con un’anima, di persone appassionate. Non ci sono menzogne ​​qui, Napoli è quello che è e tutto è in vista, parole amichevoli, l’aspetto accogliente, i graffiti sulla pietra, i mozziconi sul pavimento, la spazzatura negli angoli, i mercati caotici, la gioia della gente, i palazzi decrepiti, imponenti cattedrali, gustose pizze e porte aperte.
E così, nei primi due giorni del mio itinerario, sono rimasta nell’esplorazione della incompresa città di Napoli. E che meraviglia!
Pernottamento a Napoli: Rosy’s

Piazza del Plebiscito

3° giorno: Ercolano

Il terzo giorno a Napoli, ho deciso che era tempo di visitare il complesso archeologico di Ercolano, un’antica città romana situata a soli 10 km dal centro di Napoli.
Come la vicina Pompei, Ercolano fu sepolta sotto le ceneri dell’eruzione del vulcano Vesuvio nel 79 d.C., un fatto che permise di proteggere tutto ciò che fu sepolto dagli elementi. Non ha la grandezza di Pompei ma vale davvero la pena visitare Ercolano.
Pernottamento a Napoli: Rosy’s
Note: Vale la pena visitare Pompei ed Ercolano lo stesso giorno? Secondo me, visitare Pompei ed Ercolano nello stesso giorno è un errore, se proprio lo desideri, puoi coordinare gli orari per visitare entrambi i siti nello stesso giorno, ma sarà così stancante che non lo consiglio affatto!

Rovine di Ercolano

4° giorno: Isola di Capri

La mattina presto ho preso un traghetto per Capri, una piccola isola nel Mar Tirreno al largo del Golfo di Napoli. Nonostante poco sia estesa poco più di 10 chilometri quadrati, ha due città principali, chiamate Capri (come l’isola) e Anacapri.
Ho preso tutta la giornata per fare una nuotata sulla spiaggia di Marina Piccola, esplorare i vicoli dei villaggi di Capri e Anacapri, passeggiata fino al punto panoramico del Parco filosofico di Anacapri (una bellissima passeggiata!), scendere al faro di Punta Carena e guardare il tramonto a Lido del Faro, prima di tornare ad Anacapri (dove ho pernottato).
Pernottamento a Capri: B&B a Casa Mia

Scorcio dell'isola di Capri

5° giorno: Sorrento e Positano (Costiera Amalfitana)

Da Capri, ho preso una barca per Sorrento, dove ho installato la mia base per visitare la Costiera Amalfitana.
La Costiera Amalfitana è una destinazione di lusso per eccellenza, che emana luminosità e raffinatezza, ma mai come Positano. È uno dei luoghi più esclusivi della regione e, per molti visitatori, la prima tappa sulla Strada Statale 163.
Scesi dall’autobus nella parte alta di Positano, non ero sicuro di cosa stessi cercando, ma mi resi conto rapidamente che il fascino di Positano non era sulla spiaggia, è nelle stradine, nelle case che scendono dalla montagna fino al mare, nel labirinto di scale che serpeggia attraverso gli edifici. È bello, bello e bello!
Sono tornata a Sorrento deliziata e stanca, ma appena in tempo per vedere il tramonto dal porto. Se fosse stato a Positano e, ne sono certa, questa sera sarebbe stata uno dei momenti più belli di tutto il viaggio lungo la Costiera Amalfitana.
Pernottamento a Sorrento: English Inn Rooms

Positano

6° giorno: Amalfi e Ravello (Costiera Amalfitana)

L’obiettivo principale della giornata era conoscere i borghi storici di Amalfi e Ravello. Soprattutto Ravello, dove ho iniziato la mattina dopo due viaggi in autobus da Sorrento.
Arroccato sulle scarpate di Amalfi, con terrazze sul mare e panorami mozzafiato, Ravello è forse la città più affascinante di tutta la Costiera Amalfitana, solo Positano ha qualcosa in più in termini di bellezza!
E così, dalle favolose viste dall’impareggiabile Terrazza dell’Infinito di Villa Cimbrone alla suggestiva Piazza Duomo, passando per bellissime chiese e giardini ben progettati, e aggiungendo a tutto questo un pranzo eccellente, mi sono davvero goduta una buona parte della giornata esplorando Ravello. Sempre a piedi.
Prima di tornare ho avuto il tempo di esplorare Amalfi, dove sono arrivata in autobus in meno di mezz’ora.
Epicentro della Costiera Amalfitana, lo storico borgo di Amalfi è un altro dei punti più importanti dell’intera costa del Golfo di Salerno. È un piccolo gruppo di case installate tra la scarpata e il mare, con vicoli ciechi, vicoli stretti e ripide scale che nel loro insieme formano una città deliziosamente labirintica.

Ormai ero già abbastanza stanca, ma tutto sommato Amalfi, con una posizione perfetta nel cuore della Costiera Amalfitana, era uno dei luoghi più curiosi da visitare. Non è diventato il mio preferito, ma non ha nemmeno deluso.
Pernottamento a Sorrento: English Inn Rooms
Nota: Praiano, Minori e Maiori
Per evitare le città più affollate, Praiano e, in particolare, Minori e Maiori, sarebbero alternative da considerare durante una visita in Costiera Amalfitana. Sfortunatamente non ho avuto abbastanza tempo per esplorare con calma tutti i villaggi lungo la Strada Statale 163. Così Praiano, Minori e Maiori, rimarranno per una prossima visita in futuro.

Amalfi

7° giorno: Pompei

Pompei è uno dei luoghi più visitati in tutta Italia e le ragioni sono in bella vista. Una città sepolta dalle ceneri del vulcano Vesuvio ancora oggi relativamente ben conservata. È un esempio unico, insieme al vicino Ercolano, un complesso archeologico che ho voluto visitare senza ombra di dubbio.
Logisticamente, avrei potuto visitare Pompei a metà strada tra Sorrento e Napoli, ma la distanza è così breve, che ho scelto di non trasportare i bagagli e di cambiare alloggio ancora una volta. Soprattutto perché l’ultimo giorno ci sarebbe un autobus diretto da Sorrento all’aeroporto, così da evitare di attraversare l’affollato centro di Napoli.
E così al mattino ho preso un treno sulla linea Circumvesuviana per Pompei, un posto essenziale in qualsiasi itinerario di viaggio nella regione Campania. Ho finito per passare diverse ore ad esplorare la maggior parte delle case, dei templi e degli angoli di Pompei. Assolutamente surreale, il modo perfetto per terminare un viaggio breve ma memorabile.
Pernottamento a Sorrento: English Inn Rooms

Le rovine romane di Pompei

8° giorno: Ritorno

La mattina presto sono andata all’ingresso della stazione ferroviaria di Sorrento, di fronte alla quale partono gli autobus diretti per l’aeroporto di Napoli dove ho preso il volo per casa.
Era la fine di questo tour combinato da Napoli, la Costiera Amalfitana e Capri, nella regione italiana della Campania. Ne è valsa la pena!!!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *