Montenegro in 10 giorni senza auto

Il Montenegro è quel piccolo paese dei Balcani che concentra tutto il suo carisma in villaggi idilliaci, montagne meravigliose, spiagge invitanti e calette nascoste. I suoi parchi nazionali proteggono la sua biodiversità e la sua gente ti aspetta a braccia aperte ed un bicchierino di rakija (un superalcolico locale). Grazie alla vicinanza dei suoi diversi luoghi di interesse, il Montenegro è una destinazione perfetta per un percorso di 1-2 settimane se fai un viaggio su strada, poiché puoi goderti sia la costa che l’entroterra montuoso. In questa occasione invece, ho allestito un percorso di 10 giorni attraverso il Montenegro in cui ho viaggiato solo con i mezzi pubblici in in un tour epico lungo la sua costa frastagliata. Sentiti libero di adattare questo itinerario di viaggio noleggiando un’auto, addentrandoti nelle montagne dell’entroterra e accedendo più facilmente a tutti gli angoli più belli che il Montenegro offre.

Isola di Sveti Stefan

Tutto l’anno

Cultura, Città, Mare, Natura

10 giorni

500 – 1000 €

Giorno 1: Podgorica – Virpazar

Inizio questa rotta per il Montenegro con un volo low cost che parte nel pomeriggio verso Podgorica, l’attuale capitale del Montenegro. Arrivando in aeroporto, dall’alto, ho visto un mare di ninfee verdi circondato da campi, casette e tanta, tanta acqua. Tanta da confondersi con il mare. Sapevo già di cosa si trattava e, naturalmente, quella sarebbe stata la mia prima tappa di questo viaggio.
Quindi, una volta atterrato al minuscolo aeroporto di Podgorica e poiché visitare la capitale al momento non era nei miei programmi di viaggio, appena arrivato, ho preso un treno per la prima destinazione del paese: il Lago di Scutari.
Per godermi il Parco Nazionale del Lago di Scutari, rimango a Virpazar e, visto che arrivo a tarda notte, non mi resta che cenare e godermi quel primo contatto con una cultura, una lingua e un paesaggio così diversi dai miei.

Giorno 2: Lago di Scutari

Esce il sole e non vedo l’ora di visitare il Lago di Scutari. Trascorrerò un’intera giornata sfruttando il tempo al meglio per visitare uno dei posti migliori da vedere in Montenegro.
Il lago di Scutari è uno degli habitat di uccelli acquatici più importanti d’Europa e sebbene l’area più grande del lago sia in Montenegro, una parte di esso è condivisa con la vicina Albania.
Dedicherò la mattinata alla visita di Virpazar e mi incamminerò per un percorso a piedi lungo una strada panoramica che costeggia il lago e gode di ottimi panorami. Andrò poi a Godinje dove trascorrerò il pomeriggio facendo un giro in barca sul Lago per avvistare alcuni esemplari di uccelli e godermi i dintorni con una vista privilegiata di questa bellezza naturale.

Giorno 3: Stari Bar – Budva

Visto che in questo itinerario di viaggio ho deciso di visitare la costa adriatica per 10 giorni, la prossima tappa sarà l’antica città di Stari Bar. Per far cio, da Virpazar dovrò arrivare a Stari Bar e da lì salirò con un autobus locale nella parte alta della città dove si trovano i resti della città originaria che si dice fondata dagli Illiri più di 2.000 anni fa ai piedi del monte Rumija. La verità è che devi avere abbastanza immaginazione per vedere il tutto, ma è una buona sosta per trascorrere un paio d’ore in questo viaggio.
Nel pomeriggio mi reco a Budva, che sarà il mio campo base per i prossimi due giorni. Dopo uno shock iniziale con il traffico urbano, mi dirigo a vedere la cosa più bella di Budva, il suo centro storico o Starigrad. Circondato da un’antica cinta muraria veneziana, una volta varcati i cancelli ed entrati in quelle stradine lastricate che zigzagano verso il mare, ci si dimentica delle mega costruzioni costiere. La giornata si conclude con uno splendido tramonto, con vista sul mare e la mente si perde nella bellezza del viaggio.

Città di Budva

Giorno 4: Santo Stefano

Uno dei luoghi più fotografati del Montenegro è questa isola fortificata e attaccata alla terraferma. Sebbene sia possibile raggiungere Santo Stefano da Budva in autobus, ho deciso di camminare su un sentiero escursionistico che delinea la costa e ho colto l’occasione per passare da altre spiagge e calette dove potevo fare un tuffo. Ho fatto il percorso verso il punto panoramico in cima al monastero ortodosso di Praskvica, un luogo che trasuda pace lontano dalla vivace costa di Budva.
Se hai tempo, puoi dedicare il resto della giornata per finire di esplorare i dintorni di Santo Stefano, Budva o rilassarti su una delle sue spiagge.

Giorno 5: Parco Nazionale del Lovcen

In questo quinto giorno e già a metà del viaggio, da Budva ho preso un autobus per Cetinje e ho iniziato un percorso fino al Parco Nazionale del Lovcén, dove ho fatto un percorso facile e noto come il sentiero del lupo, passando per Babina glava, una vetta con una vista brutale sulla baia di Kotor, la mia prossima tappa del viaggio.

Giorno 6: Cetinje – Cattaro

Cetinje, l’antica capitale del Montenegro che ho esplorato per alcune ore al mattino dopo essere sceso dal Parco Nazionale. Cetinje mi ha sorpreso, è una città di piccole case a un piano circondate dalla campagna e con il Parco Nazionale del Lovcén sullo sfondo. Puoi passeggiare tranquillamente per il centro, vedere antichi palazzi e raggiungere il monastero. Se hai tempo e interesse, puoi visitare una delle famose grotte della zona, le Grotte di Lipa.
Da Cetinje ho preso un autobus che mi ha portato al gioiello della corona montenegrina, Kotor, un centro di comando per vedere ogni angolo della sua famosa baia, uno dei luoghi più meravigliosi del paese. Ho passato la giornata girovagando per il suo centro storico, racchiuso da mura di incredibile fascino. Vicoli che portano a piazze piene di vita, terrazze di bar in luoghi che sembrano nascondersi tra angoli e scale. Gatti che osservano tutto e tutti, ed in mezzo alla montagna, la fortezza di San Giovanni. Kotor è amore a prima vista e non puoi esitare un secondo a visitarla.
E non dimentichiamo di fare uno dei percorsi più emblematici della cittadina, La scala di Kottor, un sentiero che si snoda all’infinito fino a raggiungere la cima della montagna, a 900 metri sul livello del mare, dove rimarrai letteralmente senza fiato. Se non vuoi fare tutta la salita, puoi sempre fermarti a metà, ti godrai la vista lo stesso.

Cattaro

Giorno 7, 8: Baia di Kotor

I giorni seguenti mi sono dedicato all’esplorazione della baia di Kotor e per questo ho scelto due delle sue migliori cittadine: Risan e Perast.

Risan, un piccolo paese rimasto tale, un paese dove il turismo si ferma poco e non è nemmeno un luogo che ha molto movimento. Sono andato a Risan alla ricerca di alcuni mosaici romani, anche se una volta arrivato il biglietto d’ingresso (6€) non mi ha convinto. Quindi, dopo aver goduto della vista della baia, da Risan sono andato a visitare un altro dei posti più belli del Montenegro, Perast.

Perast è un autentico gioiello da toccare in riva al mare dove la sua principale attrattiva sono le sue due famose isole: Lady on the rocks e San Giorgio. Fotogenica come nessun’altra, puoi prendere un taxi-boat per raggiungere la prima isola ed esplorarla tranquillamente. D’altra parte, Perast è una città molto pittoresca in cui vale la pena immergersi nell’atmosfera speciale che trasuda, conoscere i suoi edifici e salire in cima alla città per godersi il panorama della costa e delle chiese dell’isola.

Il mio ultimo giorno nella baia di Kotor è stato dedicato all’escursionismo su una vetta della zona, il monte Sveti Ilija, da cui si ha una vista a 360º: da un lato la baia di Tivat e dall’altro, quella di Kotor. Nel pomeriggio ho salutato l’Adriatico con un bagno in mare e le ultime ore a Kotor passeggiando per il suo bellissimo centro storico.

Città di Perast

Giorno 9: Podgorica

E venne la tempesta. Ho dovuto improvvisare perché nei due giorni successivi la pioggia avrebbe segnato i miei passi. Ho deciso di andare a Podgorica prima del previsto e a questo punto è entrata in gioco la visita alla capitale del paese, prima del tempo.
Podgorica non è molto interessante e non ti consiglio di visitarla a meno che non sai cosa fare prima di prendere l’aereo. Se questo è il tuo caso, puoi ammazzare il tempo visitando Stara varos, il quartiere più antico della città, raggiungere il ponte ottomano sul fiume Ribnica, andare da un parco all’altro alla ricerca di statue o andare alla maestosa cattedrale ortodossa della Resurrezione di Cristo. Se hai voglia di camminare, Podgorica ha alcune rovine romane dell’antica città di Doclea, ma anche se non ci vai, non perdi nulla.

Giorno 10: Monastero di Ostrog

Ultimo giorno di questo percorso attraverso il Montenegro. Con la pioggia minacciosa e l’impermeabile in mano, mi azzardo ad andare in treno in uno dei luoghi più importanti del Montenegro – religiosamente parlando -, il monastero di Ostrog. Insolitamente incastonato nella roccia è un luogo di pellegrinaggio piuttosto importante.
Dalla stazione di Ostrog, c’è un sentiero che sale fino al monastero inferiore e, da lì, un percorso che alterna scale e sentieri e conduce al monastero superiore. Nel percorso vedrai bel bosco verde con tanto muschio, picchi muratori e fringuelli che animano il pendio e una coltre di foglie caduche che rendono il paesaggio un valore aggiunto al percorso.
L’ingresso al monastero è gratuito ma ricorda che devi rispettare il dress code. Per le donne, ginocchia e spalle coperte. Non c’è bisogno di coprirsi la testa.

Scogliera di Petrovac

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.