Napoli, itinerario di 3 giorni

Sono innamorato di Napoli. Una città con un’anima, di persone appassionate che vivono con il sangue nelle branchie. Non ci sono falsità qui, Napoli è quella che è e tutto è a portata di mano: le parole amichevoli, lo sguardo accogliente, i graffiti sulla pietra, i mozziconi di sigaretta per terra, la spazzatura negli angoli, i mercati caotici, la gioia del popolo, i palazzi decrepiti, cattedrali imponenti, pizze gustose, porte aperte.
I napoletani sono persone appassionate, impulsive e autentiche, poco interessate alle apparenze. E questo si riflette nello stato della città, tanto sontuoso quanto bello e decadente, mal conservato, pieno di graffiti al limite del vandalismo. Napoli la ami o la odi, ma vale la pena provarla!
Ecco cosa fare o vedere a Napoli, in base alla mia recente esperienza nel capoluogo campano.

Piazza plebiscito

Tutto l’anno

Città, Cultura, Enogastronomico

3 giorni

0 – 500 €

Monastero di Santa Chiara
Santa Chiara è un complesso religioso attualmente formato da una basilica, un doppio monastero, una cripta e un museo archeologico. Si trova nel cuore del centro storico ed è una delle principali attrazioni di Napoli. Almeno per gli amanti degli affreschi e delle piastrelle.
Mi sono piaciuti particolarmente i chiostri e il giardino interno (e le sue maioliche). Sono presenti 72 colonne ottagonali ricoperte da formelle dipinte a mano, e panchine decorate con pannelli di piastrelle, nei toni del blu e del giallo, che collegano ciascuno dei pilastri. L’effetto visivo è affascinante. Una tappa da inserire nella lista delle cose da fare a Napoli.
Sito ufficiale: www.monasterodisantachiara.it

Catacombe di San Gennaro
Visitare le Catacombe di San Gennaro è stata sicuramente una delle esperienze più straordinarie che ho avuto a Napoli. Si tratta di un cimitero sotterraneo, scavato nella roccia porosa del versante di Capodimonte, nel nord di Napoli. È formato da più camere interconnesse dislocate su due diversi livelli, costruite nel tempo nel sottosuolo.
Le catacombe si trovano attualmente nel sottosuolo nel quartiere Rione Sanità. Sono stati recuperati su iniziativa della comunità locale, che ha avviato il restauro, la conservazione e l’apertura al turismo come mezzo per valorizzare il quartiere, creare posti di lavoro e finanziare la stessa conservazione.
Indipendentemente dal fatto che tu creda o meno al miracolo associato al sangue di San Gennaro, le catacombe sono una delle cose da non perdere a Napoli. Anche perché, oltre alla singolare architettura, ospitano anche una significativa collezione di affreschi e mosaici del IX e X secolo.

Cappella di San Severo
Le statue nella cappella di San Severo sono davvero fuori dal mondo. Soprattutto l’imponente statua in marmo del Cristo Velato, che domina lo sguardo di ogni visitatore.
Si tratta di un’opera di Giuseppe Sanmartino che ritrae Gesù Cristo sdraiato e avvolto in un velo così ben scolpito da sembrare trasparente (nonostante l’intera statua sia in marmo), attraverso il quale si vedono i dettagli del corpo. L’effetto è impressionante.
Senza esagerare, è molto probabilmente una delle statue in marmo più straordinarie che abbia mai visto in vita mia.
Non è consentita la fotografia all’interno.

Mercato della Pignasecca
Ogni mattina, la zona vicino alla stazione di Montesanto, a nord dei Quartieri Spagnoli, assume una vivacità che amo. Qui si svolge il cosiddetto Mercato della Pignasecca.
È un piccolo mercato, frequentato dai napoletani, dove vale la pena girovagare senza meta, assaporando l’una o l’altra prelibatezza e godendosi il trambusto di un mercato tradizionale. Amo questo tipo di ambienti, e vi consiglio un passaggio attraverso il Mercato della Pignasecca…o anche qualsiasi altro mercato di strada che preferisci!

Le vie di Napoli

Castel Sant’Elmo
Sono andato a visitare Castelo Sant’Elmo senza grandi aspettative e lo confesso senza riempito. È un imponente forte medievale, questo è certo, ma per qualsiasi motivo non sono rimasto colpito. Né con il castello né con il museo allestito all’interno.
Merita comunque una visita, anche perché si trova in una zona di Napoli completamente diversa dal centro e da esplorare: la collina del Vomero. E i panorami dall’alto, anche sul quartiere Chiaia e sul porto turistico, sono degni di una rispettabile fortezza difensiva.
Consiglio: sali al castello con la funicolare (stazione di Montesanto, nei pressi del Mercato della Pignasecca) tuttavia, sulla via del ritorno, scendi le scale che portano al centro città. È una bella passeggiata nelle viscere di Napoli.

Perdersi nei quartieri spagnoli
Luogo imprescindibile per ogni visita a Napoli, i Quartieri Spagnoli hanno un’anima e un carisma molto particolari. Le strade sono strette e trafficate, le persone hanno le porte e le finestre aperte e usano la strada come estensione delle proprie abitazioni. Sono affabili e ospitali, e orgogliosamente napoletani.
E poi ci sono una serie di piccoli ristoranti tradizionali, tra cui l’indescrivibile Trattoria da Nennella. Insomma, anche senza le cosiddette attrazioni turistiche come palazzi o castelli, visitare i quartieri spagnoli è davvero d’obbligo!

Centro storico di Napoli
Lo ami o lo odi, il centro storico è il cuore di Napoli ed è elencato come patrimonio dell’UNESCO. Brutta e sporca o autentica e affascinante, l’impressione dipende molto da come guardi Napoli.
Per me, e nonostante la spazzatura per le strade, i graffiti inutili, gli edifici mal tenuti, sento che è qui che vive l’anima napoletana, gente forte e amichevole, orgogliosa e ospitale, senza giri di parole. Lo stesso che ho provato vagando per i Quartieri Spagnoli. E se c’è una cosa che apprezzo, è quella sincerità genuina.

Galleria Umberto I
La Galleria Umberto I è stata progettata da Emanuele Rocco alla fine dell’Ottocento, e completata nel 1871 nell’ambito della crescita della città dopo l’Unità d’Italia. In un certo senso ricorda la Galleria Vittorio Emanuele II di Milano.
Si trova in Via Toledo, a metà strada tra il teatro San Carlo e Piazza del Plebiscito, ed è stata la sua cupola di vetro ad attirare la mia attenzione. Quello e le piastrelle del pavimento!
Ma a dire il vero, visitarla, anche per pochi minuti, è una delle cose che devi fare a Napoli. Che sia per la sua storia o per la bellezza fotogenica…o anche la “sfogliatella di Mary” 😉

La Galleria Umberto I

Chiesa del Gesù Nuovo
La via conosciuta come Spaccanapoli, nel cuore del centro storico di Napoli, è un ampio rettilineo che divide letteralmente in due parti il ​​nucleo urbano della città. È lì che si trova la Chiesa del Gesù Nuovo.
Considerata la chiesa più importante costruita dai Gesuiti a Napoli, la chiesa ha un esterno enigmatico, che ricorda in qualche modo la Casa dos Bicos di Lisbona. Almeno così mi venne in mente quando, con il collo chino in piazza del Gesù Nuovo, guardai per la prima volta la facciata della chiesa.
Apparentemente la facciata della chiesa fu utilizzata dal Palazzo Sanseverino ivi esistente. E l’effetto è curioso. Fuori, un ingresso austero e grigio, all’interno una chiesa riccamente decorata con affreschi e intagli dorati.

Galleria Borbonica (Tunnel Borbonico)
La seconda volta che sono sceso negli inferi di Napoli è stato per visitare il cosiddetto Tunnel Borbonico – o Galleria Borbonica. Un labirinto sotterraneo con lunghi corridoi e sale in pietra tipiche di un bunker, ma dove si possono trovare vecchie auto e vespe, oltre ad alcuni cimeli della seconda guerra mondiale.
La storia è lunga e complessa, ma non c’è niente di meglio che partecipare a una visita guidata per capire che, tra l’altro, quello spazio un tempo fungeva da rifugio per la popolazione napoletana in tempo di guerra. Un’altra tappa obbligata nel centro di Napoli!

Stazione della metropolitana di Toledo
E’ solo una scalinata, è vero, ma l’effetto visivo è così spettacolare che, per me, vale la pena visitare la stazione della metropolitana di Toledo per apprezzarlo.
La ristrutturazione della stazione faceva parte del progetto The Art Stations, che mirava a portare maggiore luce e bellezza ad alcune stazioni della metropolitana di Napoli. L’opera di Toledo, in particolare, è stata concepita dall’architetto spagnolo Oscar Tusquets Blanca con “acqua e luce” come tema di fondo. È un enorme contrasto con il tradizionale quartiere spagnolo che abita la superficie.

Piazza Plebiscito
Epicentro della città, Piazza del Plebiscito è uno degli spazi urbani più importanti di Napoli. Arroccati al centro della piazza, il visitatore si trova di fronte a quattro significativi monumenti della storia napoletana: la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Reale, il Palazzo Salerno e il palazzo che ospita il Municipio di Napoli.
Durante i tre giorni del mio itinerario a Napoli, ho finito per passare più volte attraverso questa piazza, per la sua collocazione tra via Toledo e il lungomare napoletano.

La famosa Spaccanapoli

Duomo di Napoli
Solo il terzo giorno sono riuscito a visitare il Duomo di Napoli. L’avevo trovato chiuso due volte, ma sono contento di aver insistito. È uno degli edifici di culto religioso più importanti della città e di cui consiglio la visita. È davvero impressionante. Anche se non credi al “miracolo di San Gennaro”.
Consiglio: attenzione non solo alla navata centrale del Duomo, ma anche alle cappelle laterali minori. È lì che trovi gli spazi più belli.

Il rituale della liquefazione del sangue
Il 19 settembre (data della morte di San Gennaro), il 16 dicembre e il primo sabato di maggio migliaia di persone accorrono nel Duomo di Napoli e in piazza del Duomo nella speranza di veder liquefarsi il sangue del santo. È chiamato il “Miracolo di San Gennaro”.
È una cerimonia solenne, in cui le ampolle con il “sangue” del santo vengono prelevate dal cardinale e portate all’esterno in processione. Se il sangue si liquefa – cosa che di solito accade – per i napoletani è segno della benedizione di San Gennaro alla città. Altrimenti, è un segno di cattivo auspicio.
Sito ufficiale: www.chiesadinapoli.it

Mangia il ragù al Ristorante Tandem Ragù
Mangiare il ragù è un’altra cosa fondamentale da fare a Napoli. Che sia al Tandem Ragù o in un altro ristorante tradizionale, credetemi ne vale veramente la pena!!

Castel Nuovo

Un pasto alla Trattoria di Nennella
Mamma Mia! Il pranzo o la cena alla Trattoria di Nennella è più di un pasto, è un’esperienza. Non è solo buono ed economico, è anche divertente. In effetti, non può essere spiegato, devi proprio andarci per mangiare!
Il ristorante Trattoria di Nennella si trova nel carismatico Quartiere Spagnolo, vicino alla vivace Via Toledo. Non accetta prenotazioni e propone convenientissimi menù a prezzo fisso da 15€ e 12€ (con e senza antipasto), che comprendono primo e secondo piatto, contorni, una bottiglia di acqua frizzante e frutta per dessert.
Non aspettarti tranquillità o lusso, il ristorante è molto affollato (a volte con lunghe code) e i dipendenti fanno letteralmente la festa. Cantano, ballano e sono incredibilmente teatrali – e la cosa più curiosa è che si divertono davvero (non sembrava una farsa solo per i turisti). Oltre all’indiscutibile qualità della cucina, la Trattoria da Nennella è un’istituzione nel quartiere spagnolo.
È senza dubbio uno dei ristoranti dove mangiare a Napoli.

Mangia pizza, tanta pizza
Qualsiasi pizzeria media a Napoli serve pizze migliori di quelle a cui siamo abituati. La pizza napoletana è davvero unica.
La pizzeria più famosa di Napoli è probabilmente L’Antica Pizzeria da Michele. Non ho mangiato lì perché le due volte che ho varcato la porta le file erano gigantesche. Credo che le pizze di Michele siano speciali, ma ho mangiato ottime pizze anche in altri posti meno conosciuti qui a Napoli.

visitare Ercolano
Ercolano è un complesso archeologico situato a soli 10 chilometri dal centro di Napoli. È un’antica città romana che, come Pompei, fu sepolta dalle ceneri dell’eruzione del vulcano Vesuvio nel 79 d.C.
Forse, poiché era più vicino al Vesuvio che a Pompei, le ceneri colpirono Ercolano più intensamente, quindi la città fu completamente sepolta. Il risultato è che le strutture – case, terme e osterie, tra le altre – si sono conservate molto meglio che a Pompei, un fatto che di per sé giustifica una visita ad Ercolano.
Gli scavi nella città di Ercolano iniziarono nel 1738 e permisero di trovare non solo un’enorme quantità di oggetti di uso quotidiano dell’epoca, ma anche gli scheletri di coloro che morirono nell’eruzione.
Suggerimenti: il modo migliore per arrivare a Ercolano è il treno. Non provare a visitare Ercolano e Pompei nello stesso giorno: è troppo faticoso.
Sito ufficiale: ercolano.beniculturali.it

Le vie di Napoli

visitare Pompei
Uno dei luoghi più visitati di tutta Italia, Pompei è un’altra città dell’Impero Romano sepolta dalla cenere in seguito all’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. È classificata come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.
Come ad Ercolano, a Pompei, cenere e fango hanno protetto edifici e oggetti (nonché i corpi delle vittime) dagli effetti del tempo, che gli scavi archeologici rivelano progressivamente. Visitare Pompei è, quindi, come fare un salto indietro nel tempo e vivere per un giorno in una grande città dell’Antica Roma. Imperdibile.
Per risparmiare tempo in coda, puoi acquistare il tuo biglietto in anticipo (con ingresso prioritario). O in alternativa, integra un tour che unisce Pompei e Vesuvio.

Museo Archeologico di Napoli
Probabilmente il miglior museo di Napoli. Dal Museo Archeologico ho sentito solo elogi praticamente unanimi per la qualità e l’interesse della mostra esposta. È considerata una visita fondamentale per chi vuole, ad esempio, comprendere meglio la vita quotidiana di Pompei.
È lì che sono esposti reperti prelevati da Pompei, Ercolano e altri insediamenti distrutti dall’eruzione del Vesuvio – come Boscoreale, Oplontis e Stabia. Dagli affreschi ai mosaici, tra oggetti per la casa come pentole, vasi e oggetti decorativi prelevati dalle case.

Pompei

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.