Viaggio in Egitto di una settimana

Un viaggio di una settimana in Egitto potrebbe essere breve. Ma ad essere sinceri, non abbiamo mai avuto una settimana così piena di attività, così meravigliosamente impegnata e così interessante. I giorni in Egitto sono giorni al quadrato e il tempo sembra assumere sempre bello.
In questo viaggio ti raccontiamo il nostro itinerario di viaggio di una settimana (giorno per giorno) in Egitto e ti diamo alcuni consigli nel caso in cui tu abbia la fortuna di andare i nquesto paese.

Interno tomba egiziana

 Aprile – Ottobre

Cultura, Città, Natura, Coppia

8 giorni

1000 – 2000€

1° giorno: Volo di andata

Siamo partiti con la compagnia Egypt Air e dopo qualche ora di viaggio atterriamo al Cairo attorno alle ore 20. Prendiamo un minubus e qui abbiamo subito il primo contatto con il folle traffico del Cairo.

Siamo andati direttamente all’hotel Oasis Pyramids e, visto eravamo così stanchi siamo andati a letto direttamente.

2° giorno: Piramidi e Menfi

Prima colazione in hotel e prima visita: niente di più e niente di meno che le piramidi di Giza. Non puoi spiegare a parole cosa si prova quando tocchi gli edifici più antichi del mondo … La visita dura circa 3-4 ore e ha diverse fermate: la Piramide di Cheope, la Piramide di Kefren, la Piramide più piccola ma non meno interessante di Micerino, e infine la Sfinge. Questa visita guidata è di solito inclusa in tutti i viaggi organizzati, ciò che devi pagare separatamente sono i biglietti all’interno delle piramidi (nel caso tu voglia andare). Puoi acquistarli separatamente alla biglietteria (attenzione, puoi pagare solo lì, non ci sono biglietterie nelle piramidi): l’ingresso alla Cheops costa 300 EGP e la Kefrén 100 EGP. All’interno sono uguali e ci hanno detto che non è una visita adatta a chi ha problemi di claustrofobia.
Il pomeriggio può essere usato per conoscere la piramide a gradoni di Zoser a Saqqara e la città di Memphis, che si dice sia la più antica del mondo. Se non hai il tour a noleggio puoi prenotarlo online prima di partire, include un tour guidato alle piramidi di Giza, Saqqara e Memphis.
Di notte abbiamo deciso di andare a vedere il tramonto e lo spettacolo di luci e suoni delle piramidi dal tetto del ristorante Al Hadaba. Non siamo riusciti a vedere il tramonto ma è stato meraviglioso poter fumare shisha con la sagoma delle piramidi come sfondo. Inoltre, i piatti fatti in casa che preparano sono deliziosi e a buoni prezzi. Per quanto riguarda lo spettacolo … per noi NON vale la pena pagare il biglietto costoso per vederlo.

3° giorno:

Il secondo giorno che siamo al Cairo ci dedichiamo a conoscere i punti più interessanti della città con un tour. Questa volta non l’abbiamo incluso, quindi abbiamo deciso di noleggiare questo tour completo del Cairo online. Molto presto siamo andati alla scoperta dell’imponente Cittadella di Saladino e della Moschea di Muhammad Ali. Da lì ci hanno portato a mangiare in un una barca e poi diretti al Museo Egizio, dove abbiamo trascorso circa tre ore! Qui l’ingresso generale è incluso nel tour (con la sala del tesoro Tutankhamen) ma non la mostra della mummia, che costa 80 EGP. Se vuoi scattare foto all’interno del museo dovrai pagare 50 EGP al botteghino (fai attenzione perché non sarai in grado di scattare foto dei tesori o delle mummie).
Il pomeriggio è dedicato alla passeggiata nel quartiere copto, dove abbiamo visitato la sinagoga di Ben Ezra, dove la Sacra Famiglia si è rifugiata per 3 mesi nella sua fuga da Betlemme per la persecuzione di Erode. E finiamo al mercato Jan el-Jalil, un labirinto di strade piene di bazar, caffetterie e negozi di tè. Se non sai dove fermarti, ti consigliamo El Fishawi, la cosiddetta “Cafetería de los mirjos”.
Siamo arrivati ​​all’hotel piuttosto stanchi e abbiamo deciso di cenare lì.

4° giorno: Volo per Luxor

Questa è stata una giornata “persa” di relax e trasferimento. Ci siamo svegliati con calma, abbiamo fatto colazione, abbiamo girato un po’ e alle 13 siamo stati trasferiti all’aeroporto: era ora di andare a Luxor e iniziare la crociera sul Nilo.
Abbiamo visto il tempio di Karnak e fatto un giro in mongolfiera sulla città ed è stata un’esperienza fantastica!
Dopo cena in crociera ci è stato offerto un tour notturno di Luxor, anche se è stato fatto in un carro trainato da cavalli, quindi abbiamo preferito uscire da soli. E senza sapere come (ehm …) ci siamo visti all’interno del tempio di Luxor nel mezzo di una danza.
Questo itinerario è di solito per coloro che hanno il viaggio con 4 notti di crociera, ma sui siti web delle agenzie vedrai che c’è un’opzione di 3 giorni di crociera, in questo caso il volo sarebbe ad Assuan.

5° giorno: Templi di Luxor e Valle dei Re

Questo è stato probabilmente il giorno più interessante del viaggio in Egitto. Ci alziamo molto presto, verso le 5 del mattino, per iniziare tutte le visite programmate. Ci siamo diretti verso uno dei templi più impressionanti che abbiamo visto in Egitto, il Tempio di Karnak. Da qui abbiamo visto l’alba con le spiegazioni della nostra guida, ci siamo persi tra le imponenti colonne delle sue sale e siamo andati fuori di testa con quanto è grande (è il tempio più grande di tutto il paese e apparentemente il secondo al mondo, dopo quello di Angkor, in Cambogia).
Da lì siamo andati all’altro grande protagonista: il Tempio di Luxor. Entrambi erano precedentemente collegati da un viale di 3 km delimitato da statue di 300 sfingi. Abbiamo trascorso un’altra ora alla scoperta delle sale e degli angoli di questo imponente recinto, imparando alcune curiosità sulla vita nell’antico Egitto.
Era tempo di attraversare il fiume Nilo e visitare l’altro lato. La tappa successiva fu, né più né meno la Valle dei Re. È una specie di gola aperta nella roccia, nel mezzo del deserto, dove i faraoni hanno trovato il posto perfetto per costruire le loro tombe e, in teoria, riposare per tutta l’eternità. Il sito non essendo abbastanza nascosto per i saccheggiatori, i quali rasero al suolo quasi tutti i tesori con cui furono sepolti i faraoni. Hanno profanato tutte le tombe meno di una, indovina? Corretto, quello di Tutankhamon, che passò alla storia per i suoi tesori anche se regnò solo per 9 anni.
Con l’ingresso puoi visitare solo 3 tombe, sebbene al momento ne siano aperte circa 5. Su consiglio della guida, entriamo in Ramses IV (KV2), Meremptah (KV8) e Ramses IX (KV6). Anche altri sono entrati nel Ramses III (KV11) e apparentemente è bella anche quella. Se vuoi visitare Tutankhamon, dovrai pagare un extra di 100 EGP, anche se dicono che non ne vale la pena, perché praticamente non c’è quasi nulla.
Quello che troverai in queste tombe è una galleria piena di geroglifici ed elementi decorativi policromatici, che sono incredibilmente ben conservati, che scendono nella stanza in cui è stato collocato il sarcofago con il corpo mummificato del faraone e i tesori con cui sarebbe passato alla prossima vita. Attraversarne l’ingresso è come entrare in una distorsione temporale, e mentre scendi nelle camere mortuarie, è inevitabile sentire un leggero freddo … anche se dentro è piuttosto caldo hehe. È sicuramente un’altra esperienza che devi vivere in Egitto!
Le foto all’interno delle tombe sono vietate, a meno che non si prenda un permesso per 300 EGP. Fai attenzione perché le guardie sono abbastanza attente e se ti vedono ti faranno cancellare le foto dopo un rimprovero.
La mattinata non è finita: dopo aver attraversato una fabbrica di artigianato abbiamo visitato il tempio funerario di Hatshepsut, uno dei faraoni più singolari della storia del paese, era una donna! Questo luogo è anche tristemente noto come il luogo in cui si è verificato il massacro di Luxor, quando nel 1997 i terroristi hanno circondato il complesso e ucciso più di 60 persone che visitavano il complesso.
La visita si è conclusa con una rapida visita ai Colossi di Memnón, dove praticamente scendi dall’autobus per scattare una foto e seguire il percorso. Intorno alle 13-14 siamo tornati alla nave e abbiamo iniziato a navigare verso Edfu, dove avremmo trascorso la notte. È stata, senza dubbio, la giornata più stancante del viaggio (ma anche una delle più belle).

6° giorno: Edfu e Kom Ombo

Al mattino visitiamo il tempio di Edfu, dedicato a Dio Horus e con alcuni dei geroglifici meglio conservati in Egitto. Già nel pomeriggio, dopo alcune ore di navigazione, arriviamo al tempio di Kom Ombo per vedere il tramonto da lì. Questa è stata la visita che ci è piaciuta meno: tra il fatto che i nostri stomaci stavano iniziando a soffrire la maledizione dei faraoni e che il tempio era affollato di turisti, la verità è che siamo rimasti un po’ delusi.
Tuttavia siamo onesti ed obiettivamente il tempio di Kom Ombo è super interessante. Il complesso è diviso in due templi gemelli, ognuno dedicato a un dio diverso: Dio Horus e Dio Sobek, rappresentato con il corpo di un uomo e la testa di un coccodrillo!
Dopo il tramonto salpiamo, torniamo alla crociera e ci dirigiamo verso la nostra ultima fermata: Assuan, sì, non perdete lo spettacolo di attraversare una chiusa dal ponte della nave.

7° giorno: Abu Simbel, Philae e Aswan

La sveglia suona alle 1.30 del mattino! Il motivo lo merita: andiamo ai templi di Abu Simbel. 250 km a sud di Assuan, al confine con il Sudan, si trovano questi due templi, dedicati a Ramesse II e sua moglie Nefertari. Dobbiamo ringraziare per essere riusciti a visitarli oggi, perché sono quasi scomparsi sotto le acque del lago Nasser. Quando la diga di Assuan fu innalzata, questi templi che erano 200 metri più in basso furono quasi sommersi. Ma il governo egiziano ha chiesto aiuto all’UNESCO e, con il sostegno di 54 paesi, sono stati in grado di trasferirsi in un luogo oltre il pericolo, in un’impresa storica.
Sulla via del ritorno, ci fermiamo al Tempio di Philae, molto curiosa la sua posizione, nel mezzo di una piccola isola del Nilo. Per arrivarci è possibile farlo solo in barca, e la visita è piuttosto interessante.
Quello che abbiamo fatto è stata una passeggiata in feluca attraverso le calme acque del Nilo, e ci siamo davvero divertiti. Anche se può sembrare molto turistico, ma dato che ci sei …
Di notte ci hanno offerto una passeggiata notturna attraverso Assuan in autobus, con cui abbiamo visitato una moschea, una chiesa copta, un mercato (che si è rivelato essere un negozio di spezie), abbiamo fumato uno shisha e bevuto il tè nella piazza principale della città di Assuan, è un posto molto più tranquillo del Cairo o di Luxor.
Siamo tornati e dopo cena siamo andati direttamente a letto.

8° giorno: Volo di ritorno

Autobus per l’aeroporto e viaggio di ritorno

L’Egitto è una destinazione così speciale, così unica, che è impossibile non volerlo. È stancante. E forte. E polveroso. Ma è meravigliosamente bello. Speriamo di tornarci prima o poi.

Le piramidi di Giza
Passeggiata nel deserto
Negozio di lampade a Il Cairo
Veduta del Cairo
Sfinge
Sito archeologico

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *