Cosa fare e vedere in un viaggio in Qatar

Un viaggio in Qatar non è un viaggio come gli altri. Il Paese più ricco del mondo affascina tanto quanto respinge. Nell'arco di una manciata di decenni, questa piccola penisola nel Golfo Arabico-Persico è passata da una modesta economia basata sulla pesca e sulle perle di ostrica a uno dei principali esportatori mondiali di gas liquido. Un boom esponenziale quasi degno di un racconto di fantascienza, in cui un paese ultramoderno ed estremamente ricco è improvvisamente emerso dal deserto.

Monumento della perla a Doha

Novembre – Aprile

Mare, Natura, Cultura, Città

1 giorno – 2 settimane

500 – 3000 €

Ma questa rapida ascesa non è stata una navigazione tranquilla. Oggi il Qatar è accusato dei peggiori mali del pianeta come la pratica della schiavitù, l'oppressione delle donne, il finanziamento del terrorismo o l'inquinamento eccessivo. La realtà è però molto più complessa di quanto le condanne affrettate vorrebbero far credere. Personalmente sono sempre diffidente nei confronti di questi giudizi perentori nei confronti di certi paesi da boicottare. Viaggiare in Qatar non significa in alcun modo approvare ciò che accade lì. Da parte mia, non mi proibisco di visitare nessun paese. Al contrario, credo addirittura che tutto ciò che promuove contatti interculturali possa portare a cambiamenti di mentalità in positivo, da una parte o dall'altra.

Con soli 160 km di lunghezza, il Qatar è un piccolo Paese che può essere facilmente visitato in pochi giorni durante uno scalo con Qatar Airways. Regolarmente classificata tra le migliori compagnie aeree del mondo, serve molti paesi dell'Asia e dell'Oceania. Fermarsi per 24 ore o più in Qatar durante un viaggio del genere non costa di più per il biglietto aereo e ti consente di scoprire un altro paese lungo il percorso. Tra le attrazioni da non perdere c'è ovviamente la capitale, Doha, con il suo imponente skyline di grattacieli futuristici e i suoi musei progettati dai più grandi architetti del mondo. La seconda attrazione principale del paese è il suo deserto e le sue dune di sabbia bianca: il must è fare un safari nel deserto con sandboarding tra le dune e vedere il mare interno a sud, vicino al confine con l'Arabia Saudita. Puoi anche andare in kayak tra le mangrovie, visitare un forte elencato come patrimonio mondiale dell'UNESCO e imbatterti in strane opere d'arte nel mezzo del deserto.

Ecco quindi una lista di tutti i luoghi imperdibili da visitare a Doha

Lo Skyline di Doha:
Doha è come un enorme cantiere in cui i grattacieli crescono più velocemente dei funghi. Quando si vede il suo immenso skyline, è difficile immaginare che solo 20 anni fa non ci fosse quasi nulla, a parte i modesti condomini di una piccola capitale di un paese desertico. Per distinguersi dalla sua esuberante vicina Dubai, che fa affidamento su record di eccesso e di altezza, il Qatar ha chiamato gli architetti più famosi al mondo.

Grattacieli di Doha

Qatar Tower:
La torre più emblematica di Doha è la Qatar Tower, progettata dall'architetto francese Jean Nouvel. Alta 230m, si staglia nello skyline con la sua forma arrotondata. La sua struttura esterna in acciaio richiama i motivi dei moucharabieh orientali, come sulla facciata dell'Institut du Monde Arabe di Parigi, realizzata dallo stesso architetto.

La facciata in mashrabiya della Qatar Tower di Jean Nouvel:
Non lontano si trova la facilmente riconoscibile Tornado Tower con il suo colore blu acciaio e la sua forma iperboloide, che dovrebbe rappresentare un vortice. In fondo alla torre c'è un enorme ritratto dell'emiro del Qatar, Tamin ben Hamad al Thani. Ispirato allo stencil, questo disegno è infatti diventato un simbolo della resistenza del Qatar all'embargo imposto dai suoi vicini (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrain) dal 2017. Può essere visto ovunque a Doha e nel resto del Paese.

Il Museo di Arte Islamica di Doha:
Se ci fosse un solo monumento da visitare in Qatar, sarebbe questo. Opera dell'architetto Ieoh Ming Pei, noto in Francia per aver immaginato la piramide del Louvre, il Museo di Arte Islamica è un vero successo, con il suo edificio bianco geometrico dalle linee pulite. Situato alla fine della Corniche di Doha, c'è una splendida vista sullo skyline, soprattutto dalle terrazze del museo.
All'interno, un immenso atrio inondato di luce e una doppia scala a chiocciola che conduce al primo piano. Presenta una collezione di arte islamica unica al mondo con un fondo di 4000 pezzi, di cui solo 900 sono esposti. Manoscritti, ceramiche, pietre preziose, tappeti, tessuti, provenienti dal Medio Oriente, dalla Cina o dalla Spagna, le opere del museo risalgono al VII secolo fino ai giorni nostri. Buone notizie: l'ingresso al museo è gratuito.

Skyline di Doha

Il Museo Nazionale del Qatar:
L'architettura è firmata ancora una volta dalla star dell'architettura francese, Jean Nouvel. L'edificio rappresenta un'enorme rosa di sabbia, la famosa pietra del deserto scolpita dal vento e dalla sabbia. L'obiettivo del Museo Nazionale del Qatar è quello di celebrare la cultura del paese ricollegando i visitatori e la gente del posto con le tradizioni del paese.

Il Mathaf: Museo d'Arte Moderna:
Il museo d'Arte moderna è un po' fuori mano, ma ne vale sicuramente la pena per gli amanti dell'arte. La collezione permanente espone le opere di artisti contemporanei del Qatar e del mondo arabo. Dal canto mio, mi è piaciuto molto! Sono stato particolarmente sorpreso di vedere diverse opere che rappresentano donne, alcune con seni e forme femminili molto visibili, il che è piuttosto provocatorio per i paesi del Medio Oriente. D'altra parte, attenzione, in taxi la strada è lunga e gli autisti non sanno necessariamente dove si trova. Meglio utilizzare il servizio gratuito di autobus tra il Museo di Arte Islamica e il Mathaf.

La galleria della caserma dei pompieri:
La Fire Station Gallery è una residenza per artisti nel cuore di Doha, ospitata in un'ex caserma dei pompieri. Ci sono mostre e puoi anche incontrare artisti al lavoro nei loro studi.

I Dohw, le tipiche imbarcazioni del Qatar

Suq Wakif:
A nessuna città araba manca il suo tradizionale suk. A Doha è in realtà abbastanza moderno, con strade pulite e negozi climatizzati, ma è una visita piacevole e uno dei pochi posti dove puoi vedere le famiglie del Qatar venire a fare una passeggiata. Ci sono molti ristoranti con terrazze. I tradizionali negozi di souvenir, gioielli d'oro e spezie si affiancano ai più insoliti venditori di falchi da caccia, molto popolari in Qatar.

Crociera su un dhow:
Il modo migliore per godersi la vista dello skyline di Doha è fare una crociera su un dhow, una tradizionale barca di legno. La partenza avviene non lontano dal Museo di Arte Islamica.

Il deserto e Khor Al Adaid:
Per vedere il deserto e le bellissime dune di sabbia bianca, devi andare nel sud del Qatar. È qui che puoi vedere il sito naturale più bello del paese: Khor Al Adaid. Poco prima del confine con l'Arabia Saudita, una striscia di mare del Golfo Persico-Arabo penetra nell'entroterra formando il cosiddetto Mare Interno.
Per arrivarci, devi fare un'escursione organizzata da Doha perché devi guidare attraverso il deserto. È qui che i piloti si concedono sessioni di dune bashing: sfrecciando lungo le dune di sabbia in 4×4. È super impressionante e molto divertente! È anche un'attività molto popolare per i qatarini durante il fine settimana e non è raro imbattersi in auto insabbiate. Guidare tra le dune è piuttosto tecnico ed è meglio avere un pilota professionista per questo.
Per prolungare l'esperienza nel deserto, si può anche trascorrere una notte in un campo, come il Regency Sealine Camp. Il campeggio si trova in riva al mare, proprio dietro le dune. E' presente ogni comfort con ampie tende che d'estate sono anche climatizzate.

Suk di Doha

Forte di Al Zubarah: Elencato come patrimonio mondiale dell'UNESCO, il forte di Al Zubarah è stato costruito nel 1938 dallo sceicco Abdullah bin Jassim Al Thani. È un forte tipico dei paesi del Golfo Arabo-Persico. La sua missione era proteggere la vicina città di Zubarah, prospero porto di pescatori grazie al commercio delle perle. La sua visita è interessante perché è una testimonianza della storia del Qatar prima della scoperta del petrolio. Si trova a circa 1 ora e mezza di strada da Doha, nel nord-ovest del Qatar. Villaggio di pescatori di Al Wakrah: A mezz'ora a sud di Doha, il villaggio di pescatori di Al Wakrah è un bel rifugio da Doha. Le tradizionali case del Qatar contrastano con le gigantesche torri della capitale. Se non fa troppo caldo, puoi passeggiare lungo la grande spiaggia di sabbia bianca. Le strade sono abbastanza deserte a metà giornata, ma si animano alla fine del pomeriggio con l'apertura dei negozi. Le formazioni rocciose di Zekreet: A ovest di Doha, si può scoprire un deserto con formazioni rocciose originali, vicino alla penisola di Ras Brouq. Uno dei luoghi più spettacolari è l'installazione artistica realizzata dallo scultore americano Richard Serra. Intitolato Est-Ovest/Ovest-Est, è costituito da quattro lastre di acciaio alte 15 metri. Sembra il set di un film di fantascienza. Mangrovie di Al Thakira: A nord di Doha, subito dopo la città di Al Khor, si trovano le mangrovie di Al Thakira, una vasta area di vegetazione in riva al mare, popolata da diverse specie di uccelli come aironi e fenicotteri. Puoi andarci in kayak per goderti sia la vegetazione che le spiagge di sabbia bianca.

Dune bashing nel deserto del Qatar

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.