2 settimane in Martinica

Abbiamo preparato per te un itinerario di 2 settimane in Martinica per farti scoprire tutti i luoghi di interesse imperdibili dell'isola.
Per iniziare il tuo viaggio di 2 settimane in Martinica, cosa c'è di meglio che scoprire la sua capitale, Fort-de-France?
Se possibile, ti consiglio di optare per un volo che ti faccia arrivare la mattina presto per sfruttare al meglio il tuo primo giorno.
Prima di partire ricordatevi di prenotare un'auto. La rete dei trasporti pubblici non è di ottima qualità, in Martinica è fondamentale poter essere autonomi e scoprire l'isola liberamente.

Fort-de-France capoluogo di Martinica

Novembre – Giugno

Mare, Natura, Città

2 settimane

2000 – 3000 €

Tappa 1: Fort-de-France (1 giorno)
Dopo aver ritirato l'auto, dirigiti a Fort-de-France: il viaggio non sarà lungo (10 minuti in auto) poiché l'unico aeroporto internazionale dell'isola si trova a Lamentin, la vicina città di Fort-de-France.
Se arrivi presto a Fort-de-France, la prima cosa da fare è esplorare i mercati della città. Ce ne sono diversi, ma vi consiglio di concentrarvi sul Mercato del Pesce e sul Grand Market (detto anche Mercato delle Spezie).
Il primo vi permetterà di intravedere il delizioso pesce che si trova qui; mentre il secondo, allestito in un ampio salone, permetterà di fare scorta di souvenir e prodotti gastronomici (marmellate, spezie, ecc.)
Nel pomeriggio, inizia con una visita all'imponente Fort Saint-Louis, un ex forte militare che ora ospita la base navale francese nelle Indie occidentali e che è classificato come Monumento Storico. Vedrai che il forte offre una magnifica vista sull'intera baia di Fort-de-France.
Alla fine del pomeriggio, prenditi del tempo per passeggiare per le strade di Fort-de-France per immergerti nella dolce vita delle isole. Ammira l'architettura risalente all'epoca coloniale, ancora molto presente, e fai una passeggiata nel parco centrale della città, “La Savane”.

Consigli di viaggio
Se hai un alloggio che ti permette di cucinare, ti consiglio di comprare qualcosa per cucinare il tuo primo pasto locale ai mercati di Fort-de-France: pesce, spezie e verdure esotiche per accompagnare.
Assicurati di rispettare i limiti di velocità. L'isola ha un bel pò di radar.

Tappa 2: Les Trois-Ilets (1 giorno)
Il giorno successivo, continua questo circuito di due settimane in Martinica visitando la località balneare di Trois-Îlets, situata sull'altro lato della baia di Fort-de-France.
Per raggiungerlo vi consiglio di prendere il battello. Le Vedettes Tropicales prevedono diverse partenze al giorno, tra le 6:30 e le 22:30, e il viaggio di andata e ritorno costa 7€.
A Trois-Îlets, visitare la Slave Savannah è d'obbligo. Questo museo a cielo aperto ricostruisce la Martinica dell'era coloniale, con 15 capanne tradizionali, ognuna delle quali ti insegnerà qualcosa in più sui popoli indiani che abitavano l'isola prima della sua colonizzazione.
Si è obbligati a fare una visita guidata per 12 € ma il prezzo si ammortizza velocemente: la visita è molto interessante e si impara molto sul passato dell'isola.
A mezzogiorno, puoi mangiare in uno dei tanti ristoranti sul mare per recuperare le forze prima di partire per visitare la città di Trois-Îlets.
Per il pomeriggio, sbarca su una delle spiagge del paese e rilassati.
Consiglio la spiaggia di Le Méridien, dove si possono osservare molti pesci, e che è più tranquilla rispetto alle altre spiagge frequentate dai locali, come Anse Mitan, che è sempre molto vivace.

Puoi anche praticare tante simpatiche attività nautiche:
– Un giro in moto d'acqua – Diverse durate tra cui scegliere: da 45 minuti a un'intera giornata.
– Introduzione alla guida di una moto d'acqua
– Un'escursione di snorkeling per esplorare i fondali e osservare pesci e coralli.
– In serata, prendi la barca per tornare a Fort-de-France e riposati per la giornata.

Spiaggia in Martinica

Tappa 3: La Route de la Trace / Morne-Rouge (1 giorno)
Per il tuo terzo giorno ti consiglio di esplorare la mitica Route de la Trace.
Questa è la RN3, la strada più bella dell'isola, che collega Fort-de-France alla città di Morne-Rouge per 28 km.
La Route de la Trace attraversa paesaggi mozzafiato, in mezzo alla foresta tropicale, ma è anche punto di partenza di numerosi sentieri escursionistici. Quindi non esitate a fermarvi lungo il percorso e fare una passeggiata, troverete generalmente cartelli che indicano i punti di interesse.
Tra le cose da non perdere sulla Route de la Trace c'è la Basilica del Sacro Cuore, da dove si gode una vista molto bella di Fort-de-France.
C'è anche il Giardino Balata. Questo giardino botanico creato da un artista è davvero magnifico : puoi vedere molti esemplari di flora e fauna endemiche della Martinica e delle Indie occidentali. Vi consiglio di pianificare circa 1h30 per la scoperta di questo giardino.
Dovresti arrivare intorno a Morne-Rouge all'inizio del pomeriggio, giusto per l'ora dei pasti. Vi consiglio di andare al ristorante Le Bambou, dove potrete gustare specialità creole, come le frittelle di merluzzo con latte di cocco o le banane flambé.

Nel pomeriggio, visita Morne-Rouge.
Questa città ha un'atmosfera mistica grazie alla sua vicinanza al Monte Pelee. In una giornata limpida, potrai vedere il Monte Pelée, ma questo è piuttosto raro perché il paese si trova a 500 metri sul livello del mare ed è spesso coperto di nebbia.
Nel pomeriggio, dopo aver visitato Morne-Rouge, visita il Domaine d'Emeraude, un giardino di 80 ettari con una passeggiata paesaggistica di 4 km attraverso la foresta tropicale, che ti introdurrà alla biodiversità della Martinica e completerà perfettamente la tua visita al Jardin de Balata al mattino.
Termina la visita con il Padiglione dell'Esplorazione che presenta la storia naturale dell'isola.
Puoi quindi tornare a Fort-de-France per ammirare la Route de la Trace da un'altra angolazione, alla luce del sole al tramonto.

Consigli di viaggio
Parti molto presto quella mattina e inizia la giornata con il Jardin de Balata, anche se ciò significa tornare sui tuoi passi in seguito.
In effetti, prima vieni, più è probabile che vedrai i colibrì e più sarai tranquillo, perché dalle 11 arrivano molti turisti.

Tappa 4: Scalata al Monte Pelée (1 giorno)
Per la prossima tappa di questo itinerario, questa volta rimaniamo nella stessa zona per scoprire lo stesso Monte Pelée.
La salita del Monte Pelée è l'escursione più leggendaria dell'isola. Ma attenzione, è riservato agli escursionisti più esperti perché il sentiero è piuttosto ripido. Non c'è da stupirsi dal momento che il sentiero ti porta a 1.395 metri sul livello del mare, proprio in cima al vulcano.
Diversi sentieri sono proposti per scalare questo vulcano (ancora attivo), ma vi consiglio di optare per il più breve e semplice, il Sentier de l'Aileron.
Il Sentier de l'Aileron parte da Morne-Rouge.
Al mattino, partire presto (attendere 50 minuti di strada fino a Morne-Rouge), perché dalle 10:00 il Monte Pelée è coperto di nebbia. Per i più coraggiosi, è meglio raggiungere la vetta entro le 10:00. Potrai godere della magnifica vista offerta dal vulcano sulla costa atlantica.
Non dimenticare di portare acqua, un impermeabile in caso di pioggia e qualcosa per fare uno spuntino per recuperare le forze.

Consigli di viaggio
Se desideri essere accompagnato da una guida certificata per effettuare la salita e partire così più serenamente, ti consiglio di prenotare una escursione al Monte Pelée.

Tappa 5: Le Carbet / Saint-Pierre (1 giorno)
Per la quinta tappa, prendi la strada che costeggia la costa del Mar dei Caraibi e raggiungi Le Carbet.
Questa città è conosciuta come il luogo in cui Cristoforo Colombo sarebbe sbarcato il 15 giugno 1502, ma anche perché il pittore Paul Gauguin vi abitò nel 1887.
Al mattino, fai un giro della città. Vai a vedere la chiesa di Saint-Jacques, la statua del piede di uno schiavo e la spiaggia di Carbet. Puoi fare un picnic sulla spiaggia per goderti la sua tranquillità.
Nel pomeriggio, raggiungi Saint-Pierre, l'ex capitale dell'isola, distrutta dall'eruzione del Monte Pelee nel 1902.
La visita è molto gratificante: scoprirai in particolare le rovine di un vecchio teatro e la prigione di Cyparis, l'unico sopravvissuto al disastro. La cittadina di Saint-Pierre è molto pittoresca, con le sue spiagge di sabbia nera, e vi sentirete trasportati fuori dal tempo.
La sera, alla partenza, sosta a bordo strada per ammirare il tramonto da uno dei tanti belvedere a picco sul mare e sul sottostante paese di Saint-Pierre.

Spiaggia in Martinica

Tappa 6: Escursione da Grand'Rivière ad Anse Couleuvre (1 giorno)
Dopo un quinto giorno piuttosto tranquillo, è ora di tornare a fare escursioni.
Un'altra magnifica escursione da fare durante il tuo tour è quella che collega Grand'Rivière, un villaggio di pescatori molto pittoresco nell'estremo nord dell'isola, ad Anse Couleuvre.
Da Fort-de-France, seguire la costa occidentale verso nord e fermarsi ad Anse Couleuvre au Prêcheur. Cerca di partire presto perché avrai un'ora di macchina per raggiungere le Prêcheur ed è meglio iniziare l'escursione la mattina presto, prima che faccia troppo caldo.
Il sentiero inizia dalla spiaggia di Anse Couleuvre, una magnifica spiaggia di sabbia nera (di origine vulcanica) e attraversa la foresta vergine fino a Grand'Rivière per 18km.
Pianifica circa 6 ore di camminata e, naturalmente, acqua e spuntini per recuperare le forze.
L'escursionismo è possibile anche partendo da Grand'Rivière e arrivando ad Anse Couleuvre.
Niente paura per il ritorno: è possibile fare il percorso inverso in battello, ma dovrete prenotare il vostro viaggio con almeno 48 ore di anticipo. Il viaggio costa circa 15€ a persona. Verificare con l'ufficio turistico per le prenotazioni.

Tappa 7: Le Gole della Falaise (1 giorno)
Se non siete troppo stanchi per l'escursione del giorno prima, vi suggerisco un'altra pittoresca passeggiata per concludere la vostra visita al nord dell'isola.
L'escursione di cui parlo, le Gorges de la Falaise, si trova intorno ad Ajoupa Bouillon, nel nord-ovest dell'isola.
Questa passeggiata segue il fiume Falaise ed è molto divertente perché attraverserai le gole e talvolta anche il fiume. Porta delle vecchie scarpe da ginnastica e un costume da bagno.
L'escursione, abbastanza facile, deve essere accompagnata da una guida, quindi ricordatevi di prenotare in anticipo.
Questa è l'attività ideale da fare con i tuoi bambini durante il soggiorno in Martinica. Tuttavia, devi stare attento perché le rocce possono essere scivolose.

Consigli di viaggio
Se non c'è più disponibilità per le Gorges de la Falaise o se preferisci fare qualcos'altro quel giorno, ti consiglio di optare per una discesa di canyoning.

Tappa 8: Les Anses d'Arlet / Le Diamant (1 giorno)
Per la prossima tappa, è tempo di iniziare a esplorare il sud dell'isola.
Partendo da sud-ovest: dirigersi verso il villaggio di Anses d'Arlet (40 minuti in auto aggirando la baia di Fort-de-France).
Dopo aver visitato il paese, la sua chiesa e le sue spiagge con i suoi pittoreschi pontoni (la Grande Anse e la Petite Anse), prosegui il tuo viaggio verso Anse Noire.
L'Anse Noire (così chiamata per la sua sabbia nera) è una piccola spiaggia tranquilla ideale per lo snorkeling. Puoi persino vedere le tartarughe lì. Vi consiglio di andarci la mattina presto perché l'acqua sarà più limpida e sarà più facile osservare i pesci.
Alla fine della mattinata, riprendi la strada del ritorno a Le Diamant e cogli l'occasione per acquistare pollo affumicato da un venditore ambulante lungo la strada. Questa è una specialità delle Indie Occidentali, un pollo affumicato dal gusto molto speciale.
Sulla strada per Le Diamant, fermati a Cap 110, ad Anse Caffard. Questo monumento alla schiavitù, eretto in occasione del 150° anniversario dell'abolizione della schiavitù, è uno dei simboli dell'isola.
Fu costruito proprio nel punto in cui una nave di schiavi fece naufragio nel 1830, in segno di protesta contro il commercio triangolare. Vedrai che i 15 busti bianchi che rappresentano gli schiavi sono rivolti verso il mare e disposti a triangolo per simboleggiare questa catastrofe.
Quindi prosegui per Le Diamant, un villaggio noto soprattutto per aver affrontato il famoso Rocher du Diamant per il quale inglesi e francesi si sono a lungo contesi.
Alla fine della giornata, fermati sulla Grande Anse du Diamant e ammira il tramonto su questa imponente roccia.
Ritorno a Fort-de-France.

Il Memorial eCap 110 in Martinica

Tappa 9: La penisola delle Caravelle (1 giorno)
Per continuare a visitare la Martinica in 2 settimane, suggerisco una nuova escursione: il giro della Presqu'île de la Caravelle.
La Presqu'île de la Caravelle è davvero magnifica e offre molte opzioni per passeggiate ed escursioni. Vi consiglio di optare per il sentiero lungo, che parte da La Trinité e fa il giro della penisola.
Al mattino, prendere la strada per La Trinité (circa 40 minuti). L'escursione è piuttosto lunga, circa mezza giornata, e attraversa diversi paesaggi: mangrovie, praterie, foreste tropicali. Uno dei principali punti di interesse dell'escursione è lo Château Dubus, un antico castello in rovina.
Al termine del tour della penisola, vai a riprendere le forze al ristorante La Table de Mamy Nounou a Tartane. Questo ristorante per famiglie serve una moderna cucina creola e dispone di una splendida terrazza con vista sulla costa. Vi consiglio di provare la loro mousse di scampi e i loro z'habitants con salsa al rum vecchio, una delizia.
Nel pomeriggio è possibile visitare il villaggio di pescatori di Tartane, che ha spiagge abbastanza tranquille e riparate.
Se hai ancora energia da vendere, perché non cimentarti nel surf?
In serata, torna a Fort-de-France per riposarti dopo questa giornata emozionante e preparati a cambiare alloggio per andare nel sud dell'isola.

Tappa 10: Il sud dell'isola (6 giorni)
Durante la prossima tappa del vostro itinerario, vi consiglio di spostarvi nel sud dell'isola per poter sfruttare al meglio le spiagge, le visite e le attività che si trovano in questa parte dell'isola piuttosto turistica.
Puoi soggiornare vicino a Sainte-Anne o Sainte-Luce, ho selezionato per te alcune sistemazioni alla fine della tappa.
Inizia la tua visita nel sud dell'isola da Sainte-Luce, a 30 minuti di auto da Fort-de-France.
Uno dei principali luoghi di interesse vicino a Sainte-Luce è Anse Figuier (nel comune di Rivière Pilote), una spiaggia molto frequentata soprattutto dalla gente del posto.
Approfitta anche della tua visita a Sainte-Luce per vedere la distilleria Trois-Rivières, che produce l'omonimo rum.
La distilleria è aperta ai visitatori tutti i giorni dalle 9:00 alle 17:30 in alta stagione e dal lunedì al sabato in bassa stagione. Conta 3€ per la visita e una piccola degustazione!
Dopo aver assaggiato 3 rum Rivières e aver fatto la spesa, dirigiti verso Sainte-Anne. Il villaggio è molto carino (soprattutto la sua chiesa, la Chiesa di Notre-Dame de Sainte-Anne), ma la città merita una visita soprattutto per le sue spiagge .
La spiaggia di Salines è la più bella e conosciuta dell'isola. Vi consiglio di acquistare qualcosa per un picnic in spiaggia lungo la strada: non avrete problemi a trovare un angolo tranquillo, all'ombra delle palme da cocco, soprattutto se siete in un giorno feriale.
Trascorri l'intero pomeriggio sulla spiaggia e riposati per la giornata che ti aspetta.
Il giorno successivo vi consiglio di fare un'altra mitica escursione sull'isola: l'escursione Savane des Pétrifications .
Questa passeggiata è diversa dalle altre perché attraversa paludi e pianure desertiche. Non c'è bisogno di ricordarti di partire presto e di portare acqua e cibo.
L'escursione è di circa 4 km. Si parte da Anse à Prunes e si unisce ad Anse Trabaud. Con le soste fotografiche, questo dovrebbe tenerti occupato per la mattinata.
Nel pomeriggio, puoi riposarti esplorando il sud-est dell'isola.
Uno dei miei angoli preferiti in questa parte dell'isola è Pointe Faula, vicino a Vauclin, una spiaggia dove si può camminare su fondali bianchi per 300 metri, con l'acqua fino alle ginocchia.
È una spiaggia ideale per rilassarsi e godersi il sole e il mare.
I giorni a venire prima del ritorno da questa meravigliosa vacanza, vi consiglio di passarli a prendere una bella tintarella in spiaggia e a passeggiare nelle vicinanze, e per non dimenticare mai questi posti paradisiaci 🙂

Spiaggia in Martinica

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.